LOGO
,

Fratelli Unici: La magia delle seconde possibilità.

Fratelli Unici: La magia delle seconde possibilità.

Nelle sale dal 2 ottobre la nuova commedia di Alessio Maria Federici, quasi una favola tra sogno e realtà con al centro due fratelli costretti a riscoprirsi, interpretati dall’ esplosivo duo Luca Argentero e Raoul Bova; nel cast anche Carolina Crescentini, Miriam Leone e Sergio Assisi. Ecco cosa hanno svelato gli attori durante la conferenza stampa romana.

Come giudicate i vostri personaggi?
Luca Argentero: “Partendo dall’inizio… A pochissimi giorni delle riprese io e Raoul ci siamo trovati a casa del regista per fare delle letture ed entrambi non eravamo al massimo della forma, per via di problemi personali: dopo mezz’ora abbiamo iniziato a raccontarci i fatti nostri come persone che si conoscevano da una vita. La cosa strana è che Alessio ci ha lasciati da soli a parlare (di noi, non del film!), perchè dovendo interpretare due fratelli era importante creare una certa complicità. Per quel che riguarda il mio personaggio non lo stimo molto, Francesco è un eterno ragazzino che forse non ha mai amato. Grazie all’incidente di suo fratello Pietro (Bova) e alle sue parole salvifiche cambierà, e tanto: avrà luogo una vera rieducazione sentimentale non solo sua, ma di tutti i personaggi.”
Raoul Bova: “Infatti a fine serata Luca mi ha abbracciato e ringraziato, felice di avermi conosciuto, dicendo: ‘Mi hai sollevato: c’è qualcuno che sta peggio di me!’ Pietro e Francesco sono complementari, si trasformano a vicenda.”

Carolina e Miriam, cosa ci raccontate dei vostri ruoli?
Carolina Crescentini: “ Giulia è il simbolo di chi si accontenta e oggi di persone così ce ne sono tante. Sta provando ad iniziare una nuova vita con un uomo che non ama ma che le da serenità, dopo aver perso l’amore della sua vita, ossia Pietro. La perdita di memoria di quest’ultimo sarà una sorta di evento ‘magico’ rimettendo le loro vite in discussione, visto che lui s’innamorerà di nuovo di lei!”
Miriam Leone: “ Sofia è la vicina di casa di Francesco, insegnante di yoga forte e allo stesso tempo fragile, infastidita dal suo carattere superficiale. Per lui l’amore non esiste, per lei è l’unica cosa che non dipende dai punti di vista. Con l’arrivo di Pietro in casa di Francesco s’inserirà nel rapporto tra i due fratelli facendo capire ad entrambi che il vero amore esiste davvero.”

Com’è stato lavorare con due “prime donne” come Bova e Argentero?
C.C: “ Non sono affatto due prime donne! Sul set non c’è stata la minima competizione, anzi loro sono due ragazzi favolosi e due brave persone. Per noi che lavoriamo nel cinema è importante il lavoro di squadra e le prime donne non fanno altro che rallentare tutto. Per fortuna non c’è stato nessun momento ‘strano’!
M.L: “ Confermo quello che ha detto Carolina. Lavorare insieme è stato divertente: eravamo come compagni di classe!”

Elisa Solofrano

About the author
La redazione

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top