LOGO
,

Berserk L’Epoca d’Oro – Capitolo III L’Avvento nelle sale italiane

Berserk L’Epoca d’Oro – Capitolo III L’Avvento nelle sale italiane

Solo due giorni, il 19 e il 20 maggio prossimi, per poter ammirare sul grande schermo Berserk L’Epoca d’Oro – Capitolo III L’Avvento, che arriverà così nelle sale cinematografiche italiane.
La  trasposizione è tratta dal celebre manga ideato da Kentarou Miura quasi trent’anni fa, che nel 1999 ha toccato il record, unico per il genere, di oltre 10 milioni di copie vendute e che, ad oggi, conta oltre 40 volumi pubblicati.

La storia
Guts torna dai Falchi e scopre che, dopo la sua partenza, Griffith è stato catturato e fatto prigioniero dalle truppe del Re di Midland. Guts, Casca e i Falchi partono subito alla volta del castello di Midland per salvare la loro guida.

Una volta giunti nelle terribili segrete in cui è rinchiuso, grazie all’aiuto della principessa Charlotte, devono affrontare un’atroce realtà: Griffith non è più il fiero guerriero di un tempo; dopo mesi di strazianti torture e terribili mutilazioni, è un uomo agonizzante, in fin di vita, che ha perso l’uso degli arti e della parola.
Guts, Casca e tutti gli altri compagni sono in preda al panico ed alla disperazione, ignari dell’inimmaginabile pericolo che li attende con l’arrivo di un’eclissi. Durante questo evento, Griffith, sedotto dal lato più oscuro del male, dovrà infatti intraprendere una durissima scelta per raggiungere i suoi obiettivi.

Le origini di Berserk
Prima di diventare una delle serie animate giapponesi più amate di sempre, un vero e proprio cult che ha catturato l’attenzione del pubblico di appassionati di mezzo mondo, Berserk nasce come spettacolare fumetto di Kentarou Miura.
Correva l’anno 1989 e Miura, disegnatore oggi popolarissimo nato a Chiba nel 1966, faceva il suo ingresso trionfale nel mondo del professionismo dei manga, dopo una lunga gavetta e un tratto grafico che a molti ricorda quello di Ken il Guerriero della coppia Tetsuo Hara-Buronson. Un design muscoloso, dettagliato e attento ai particolari. L’occasione si presenta all’incirca nel 1988 con la realizzazione di un fumetto di appena 48 pagine, oggi noto come Berserk Prototype, che gli fa vincere un premio importante e lo avvicina proprio al mito della giovinezza, Buronson.
Quest’ultimo lo convoca come assi stente del suo Ourou, fumetto storico dall’andamento fantastico che non lesina scene forti e violente. È il trampolino di lancio che permette a Miura di iniziare la serializzazione del suo Berserk sulle pagine del periodico a fumetti “Animal House” (e successivamente dalle ceneri di quest’ultimo, “Young Animal” della casa editrice Hakusensha). Il successo dei primi volumetti è tale che da allora la saga dark fantasy del disegnatore non si è più fermata.

La novità proposta da Miura con il suo fumetto faceva un po’ a botte con gli scenari fantastici dei manga per ragazzi e dell’universo videoludico particolarmente in voga grazie a Dungeons & Dragons. La sua visione di un medioevo oscuro affollato da spadaccini, mercenari, regni in lotta perpetua, demoni e oscure presenze annidate nelle foreste esalta al tempo stesso un eroismo intriso di nobili valori, amicizia e coraggio. Guts lo spadaccino ombroso e taciturno, che si accompagna a una spada
di dimensioni spropositate, è il personaggio chiave di una storia che ben presto si trasforma in un triangolo di passione e odio.

Sulla sua strada solitaria, infatti, si fa avanti il fascinoso Griffith, il comandante di un piccolo esercito di mercenari (chiamato La squadra dei falchi), in cui c’è anche una fanciulla bruna, Casca, che ovviamente accenderà il cuore di Guts. A frantumare quell’equilibrio, in realtà già precario, ci penserà l’ambizione sfrenata di Griffith. E quando tutto precipiterà nel caos il Male si avventerà sui protagonisti di Berserk, portandoseli via con sé in un orrore indescrivibile che reclamerà vendetta.

Ecco alcune immagini del film.

About the author
La redazione

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top