LOGO
,

Questione di tempo: La vita secondo Curtis

Questione di tempo: La vita secondo Curtis

Il regista di “Love Actually”  torna sul grande schermo con una pellicola che va oltre la fantasia. In sala dal 7 novembre.

3stelle

Ritorno in grande stile per Richard Curtis. Il regista di “Love actually” e sceneggiatore di alcune delle commedie romantiche più amate degli ultimi trent’anni – su tutte “Quattro matrimoni e un funerale”, Oscar alla miglior sceneggiatura originale nel 1995 – torna a riflettere sull’amore, sulla vita e le relazioni interpersonali e lo fa questa volta con un artificio magico e fiabesco: il viaggio nel tempo. In  “Questione di tempo” (in sala dal 7 novembre), suo terzo lungometraggio da regista, Curtis analizza profondamente gli aspetti più intimi dell’essere umano, come l’innamoramento, la gioia, la sofferenza  in  modo genuino ma altrettanto maturo e consapevole .
Il film non è solo una commedia sentimentale concentrata sull’amore, ma è un film che parla di amicizia e soprattutto di rapporti: tra un fratello e una sorella, di un padre  e una madre, e padre-figlio.
La storia raccontata è quella di Tim Lake, ventunenne insoddisfatto dotato di un potere molto speciale: viaggiare nel tempo, caratteristica che gli permetterà di cambiare ciò che accade nella sua vita. Tim deciderà di usarla per trovarsi una fidanzata.
Trasferitosi dalla Cornovaglia a Londra per il tirocinio da avvocato Tim conosce la bella e insicura Mary , i due ragazzi si innamorano ma la loro storia deve fare i conti con  gli imprevisti dovuti al potere di Tim.  Dopo aver sposato Mary, Tim scoprirà così che il suo dono purtroppo non potrà risparmiargli le sofferenze e gli alti e bassi che vivono le famiglie normali.
Curtis ha saputo scegliere molto bene gli interpreti dei suoi personaggi. L’attore irlandese Domhnall Glasson veste perfettamente gli abiti di Tim e ne restituisce profondamente il passaggio dalla giovinezza all’età adulta combinando in modo insolito gli aspetti drammatici e quelli più leggeri del personaggio. Nulla da dire per Rachel McAdams alla quale il ruolo di Mary sembra cucito addosso.
La pellicola non è altro che il completamento di un percorso intimo del regista, che riprende in parte le tematiche dei suoi vecchi film: il tema dell’amore e della morte come in “Quattro matrimoni e un funerale”, il colpo di fulmine e l’amore da favola raccontati nell’indimenticabile “Notthing Hill” di Roger Michell., o la figura del protagonista  timido ed impacciato che ricorda quella di Bridget Jones, altro personaggio a cui è legato il suo nome.
Vivere la propria vita giorno per giorno apprezzandone ogni momento anche quello meno bello, senza bisogno di viaggi nel tempo: sembra voler essere questo il messaggio di Curtis cha ancora una volta commuove, fa sorridere ed emoziona.

Mariangela Di Serio

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top