LOGO
  • ,

    Addio ad Alan Rickman

    Alan Rickman ci ha lasciati. A sessantanove anni l’attore britannico, noto per aver interpretato il professor Severus Piton nella saga dedicata al mago Harry Potter, non è riuscito a sconfiggere il cancro che lo affliggeva da alcuni mesi. La notizia è stata diffusa dalla famiglia dell’attore tramite un comunicato stampa: “L’attore e regista Alan Rickman si è spento a causa del cancro a 69 anni. Era circondato dalla famiglia e dagli amici“. Ed ora, a circondarlo, anche l’affetto di tutti coloro che, nel corso della sua carriera, hanno avuto modo di apprezzare la sua opera.

    Nato a Londra il 21 febbraio 1946, Rickman resta orfano di padre a otto anni e sin da bambino eccelle nelle arti, soprattutto nella pittura. Sogna di diventare un grafico designer e frequenta il Chelsea College of Art and Design, ma ben presto vince una borsa di studio alla Royal Academy of Dramatic Art e gli si apre la strada del mondo della recitazione. Il debutto è in teatro negli anni Settanta e il confronto principale è con le opere di Shakespeare. Negli anni Ottanta arriva anche il successo in tv grazie al ruolo del Reverendo Slope in Branchester Tower, in onda sulla BBC nel 1980 e nel 1988 debutta al cinema con Trappola di cristallo – Die Hard, al fianco di Bruce Willis. Il personaggio che però gli porta molta fortuna al cinema è quello dello Sceriffo di Nottingham in Robin Hood, interpretato da Kevin Costner.

    Nel 1999 sarà l’angelo Metatron in DOGMA, di Kevin Smith e due anni dopo arriva il ruolo che gli porterà il successo globale: il professor Severus Piton nella saga cinematografica di Harry Potter. E ancora: Profumo, di Tom Tyker; Love Actually, di Richard Curtis; Sweeney Todd, di Tim Burton; Gambit, di Michael Hoffman; The Butler, di Lee Daniels. Tutti ruoli in cui Rickman eccelle, tanto che viene nominato vicepresidente della Royal Academy of Dramatic Art.
    Oltre a lavorare come attore, Rickman si mette alla prova come regista con due film: il primo risale al 1997 ed è L’ospite d’inverno, con Emma Thompson (con la quale ha condiviso molti palcoscenici e molti set, compresi quelli di Harry Potter). Il secondo, invece, è Le regole del caos, del 2014, in cui Rickman dirige Kate Winslet e Matthias Schoenaerts in una storia d’amore ambientata nella Versailles di Luigi XIV.

    Daniel Radcliffe ha voluto salutare, tramite Google+, l’attore scrivendo: “Lavorare con lui in un periodo per me formativo è stato estremamente importante, e porterò con me le lezioni che mi ha dato per il resto della mia vita e nel corso della mia carriera. I set dei film e i palchi dei teatri sono adesso tutti più poveri dopo la perdita di una grande attore e di un grande uomo“.

    Read more »
Back to Top