LOGO
  • ,,

    Venezia 76., La vérité di Kore-eda Hirokazu film di apertura

    Sarà La vérité (The Truth), di Kore-eda Hirokazu (Un affare di famiglia; The Third Murder; Like Father, Like Son) e interpretato da Catherine Deneuve, Juliette Binoche, Ethan Hawke, è il film di apertura della 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (28 agosto – 7 settembre 2019) diretta da Alberto Barbera.
    “Apprendo con gioia immensa  – ha commentato Kore-eda Hirokazu entusiasta – che il mio nuovo film La vérité è stato selezionato in apertura del concorso della Mostra di Venezia. Sono estremamente onorato. Desidero esprimere la mia sincera gratitudine a tutto lo staff della Mostra. Le riprese si sono svolte lo scorso autunno a Parigi in dieci settimane. Come già è stato ufficialmente annunciato, il cast è prestigioso, e il film racconta una piccola storia di famiglia che si sviluppa principalmente in una casa. È all’interno di questo piccolo universo che ho provato a far vivere i miei personaggi con le loro menzogne, orgogli, rimpianti, tristezze, gioie e riconciliazioni. Spero sinceramente che il film vi piaccia”.

    “Per il primo film realizzato al di fuori del suo Paese – ha dichiarato il direttore Alberto BarberaKore-eda ha avuto il privilegio di poter lavorare con due grandi star del cinema francese. L’incontro fra l’universo personale dell’autore giapponese più significativo del momento, e due attrici tanto amate come Catherine Deneuve e Juliette Binoche, ha dato vita a una  poetica riflessione sul rapporto madre-figlia e il complesso mestiere d’attrice, che sarà un piacere presentare in apertura alla prossima edizione della Mostra del Cinema di Venezia”.

    Read more »
  • ,

    Venezia 76., Lucrecia Martel presidente di Giuria

    Toccherà alla regista argentina Lucrecia Martel (Zama, La mujer sin cabeza) presiedere la Giuria internazionale del Concorso della 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (28 agosto – 7 settembre 2019), che assegnerà il Leone d’Oro per il miglior film e gli altri premi ufficiali.
    “È un onore, una responsabilità e un piacere far parte di questa celebrazione del cinema, dell’immenso desiderio dell’umanità di capire se stessa”, ha fatto sapere la Martel.
    “Quattro lungometraggi e una manciata di corti, in poco meno di vent’anni, sono bastati a fare di Lucrecia Martel la più importante regista latino americana, e una delle maggiori al mondo. – ha dichiarato il direttore della Mostra Alberto BarberaNei suoi film, l’originalità della ricerca stilistica e il rigore della messa in scena sono al servizio di una visione del mondo esente da compromessi, dedita all’esplorazione dei misteri della sessualità femminile, delle dinamiche di gruppo e di classe. Le siamo grati per aver accettato con entusiasmo di mettere il suo sguardo esigente ma tutt’altro che privo di umanità al servizio dell’impegno che le viene richiesto”.

    Read more »
  • ,

    Venezia 76., A Pedro Almodovar Leone d’Oro alla carriera

    Va a Pedro Almodóvar il Leone d’Oro alla carriera per un regista della 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (28 agosto – 7 settembre 2019).
    “Sono molto emozionato e onorato per il regalo di questo Leone d’Oro. Ho bellissimi ricordi della Mostra di Venezia. Il mio debutto internazionale ha avuto luogo lì nel 1983 con L’indiscreto fascino del peccato. Era la prima volta che uno dei miei film viaggiava fuori dalla Spagna. – ha commentato il regista spagnolo – È stato il mio battesimo internazionale ed è stata una meravigliosa esperienza, come lo è stata il mio ritorno con Donne sull’orlo di una crisi di nervi nel 1988. Questo Leone diventerà la mia mascotte, insieme ai due gatti con cui vivo. Grazie dal profondo del cuore per questo premio”.
    “Almodóvar non è solo il più grande e influente regista spagnolo dopo Buñuel, ma l’autore che è stato capace di offrire della Spagna post-franchista il ritratto più articolato, controverso e provocatorio. – ha fatto sapere Alberto Barbera, direttore del festival – I temi della trasgressione, del desiderio e dell’identità sono il terreno d’elezione dei suoi lavori, intrisi di corrosivo umorismo e ammantati di uno splendore visivo che conferisce inediti bagliori all’estetica camp e della pop-art a cui si rifà esplicitamente. Il mal d’amore, lo struggimento dell’abbandono, l’incoerenza del desiderio e le lacerazioni della depressione, confluiscono in film a cavallo fra il melodramma e la sua parodia, attingendo a vertici di autenticità emotiva che ne riscattano gli eventuali eccessi formali. Senza dimenticare che Almodóvar eccelle soprattutto nel dipingere ritratti femminili incredibilmente originali, in virtù della rara empatia che gli consente di rappresentarne la forza, la ricchezza emotiva e le inevitabili debolezze con un’autenticità rara e toccante”.

    Read more »
  • ,

    Venezia 76., Alessandra Mastronardi madrina del festival

    Sarà Alessandra Mastronardi la madrina della 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta. All’attrice italiana spetterà il compito di aprire la Mostra nella serata di mercoledì 28 agosto, sul palco della Sala Grande (Palazzo del Cinema al Lido) in occasione della cerimonia di inaugurazione, e di guidare la cerimonia di chiusura il 7 settembre, in occasione della quale saranno annunciati i Leoni e gli altri premi ufficiali della 76. Mostra.

     

    Chi è Alessandra Mastronardi
    Napoletana, classe 1986, cresciuta a Roma, debutta come attrice nel 1997. Partecipa a diversi progetti tv come Il grande Torino diretta da Claudio Bonivento, e film come Il manoscritto di Van Hecken e La bestia nel cuore. Non si ferma mai, ma sarà nel 2006 la serie tv I Cesaroni, in cui interpreta il personaggio di Eva Cudicini, a darle grande popolarità. La Mastronardi rimarrà protagonista dell’amata serie fino al 2011.
    Il 16 gennaio 2007 debutta a teatro nella commedia The Prozac Family, regia di Marco Costa. Il ruolo interpretato nella commedia, rappresentata al Teatro De’ Servi di Roma, è quello di Margherita, spettacolo che riporterà in scena anche negli anni successivi.
    Ad agosto 2007 esce nelle sale cinematografiche Prova a volare, opera prima di Lorenzo Cicconi Massi; nel film, in cui è protagonista con Riccardo Scamarcio, interpreta il ruolo di Gloria.

    Nel 2008 interpreta Roberta, nella miniserie tv Romanzo Criminale di Stefano Sollima, trasposizione televisiva del film omonimo, prodotta per Sky. Una delle serie più amate e vendute nel mondo.
    Nel 2009 accetta la sfida di interpretare una ballerina per il film tv Non smettere di sognare, ruolo per il quale studierà danza per prepararsi.
    Nel 2010, è su Raiuno con il tv movie Sotto il cielo di Roma e al cinema in Ameriqua regia di Marco Bellone e Giovanni Consonni di cui è protagonista insieme a Robert Kennedy Jr III.
    Lo stesso anno, sempre per Raiuno gira Atelier Fontana: Le sorelle della moda, dove interpreta Micol Fontana, la sorella più carismatica.

    Il sodalizio con la Rai prosegue anche nel 2011 con altri due grandi successi La Certosa di Parma per la regia di Cinzia Th Torrini e Titanic, progetto girato in inglese dal cast internazionale diretto da Ciaran Donelly. Il 2011 è un anno speciale, Woody Allen la sceglie tra le protagoniste del suo film To Rome with Love. Questo film le porta una carriera internazionale.
    Lo stesso anno torna al cinema per Giovanni Veronesi, protagonista con Elio Germano di L’ultima ruota del carro, film che ha aperto il Festival del cinema di Roma. La sua carriera prosegue tra progetti per la televisione come Romeo e Giulietta per Canale 5 e le commedie Amici come noi di Enrico Lando, e per il cinema, con Ogni maledetto Natale di Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre, Luca Vendruscolo.

    Nel 2015 arriva LIFE di Anton Corbjin, film sulla vita di James Dean in cui interpreta la meravigliosa Anna Maria Pierangeli. Il film viene presentato alla Berlinale 2015, dove riscuote gran successo. Arriva così la proposta di partecipare alla seconda stagione della nota serie di Netflix Master of None diretta, scritta e interpretata dal comico americano Aziz Ansari. La serie americana porterà Alessandra agli Emmy Awards 2017 e successivamente ai Golden Globes e a una candidatura ai Critics Choice Awards 2018.

    Tra i suoi progetti più recenti di grande successo per la televisione, le due stagioni de L’allieva, amata serie di Raiuno, e I Medici 2, una produzione Raiuno e Netflix. È presente poi nel film fantasy Otzi e il mistero del tempo e ne L’agenzia dei bugiardi di Volfango De Biasi.

    Attendiamo di vederla al cinema prossimamente nel road movie americano Us diretto da Stefan Schawrtz e nella terza stagione di I Medici che vedremo in autunno 2019.

    Attualmente è sul set di un nuovo film italiano per il cinema.

    Read more »
Back to Top