LOGO adv-468x60
  • TFF35: Annunciati i film di apertura e chiusura

    Una prima mondiale per aprire (il prossimo 24 novembre) la 35esima edizione del Torino Film Festival: toccherà infatti a Ricomincio da me (Finding Your Feetdi Richard Loncraine inaugurare la storica manifestazione che si concluderà il 2 dicembre con The Florida Project di Sean Baker.
    Ricomincio da me (Finding Your Feet) (che arriverà nelle sale cinematografiche dal 4 gennaio 2018) è una commedia brillante e agrodolce sul “non è mai troppo tardi”, diretta dal regista di Riccardo III e di Wimbledon e scritta e prodotta da Nick Moorcroft e Meg Leonard. Il titolo originale, Finding Your Feet, significa “ritrovare se stessi” ed è quanto dovrà fare Sandra (Imelda Staunton), una signora borghese che se ne va di casa dopo aver scoperto che il marito (con il quale è sposata da 40 anni) ha una relazione con la sua migliore amica. Sandra si rifugia da sua sorella Bif (Celia Imrie), una sessantenne alternativa, che vive da sola in un quartiere popolare. Grazie a lei Sandra scoprirà una curiosa scuola di ballo e soprattutto conoscerà Charlie (Timothy Spall), un eccentrico restauratore di mobili che vive su una barca. Catapultata in un ambiente per lei insolito, Sandra inizierà una nuova vita.
    Loncraine si è innamorato, come gli attori, della sceneggiatura: “E quando hai un ottimo copione e un cast di tale livello – afferma – il film si fa da solo”Ad accompagnare il film al 35° Torino Film Festival ci saranno il regista Richard Loncraine, l’attore Timothy Spall e l’attrice Celia Imrie.
    The Florida Project (in sala per i prii mesi del 2018), accolto con grande entusiasmo alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes, è diretto da Sean Baker (Prince of Broadway,Starlet e Tangerine, tutti presentati al Torino Film Festival), che lo ha scritto assieme a Chris Bergoch
    Ambientato in Florida, in una zona degradata tanto vicina a Disneyworld quanto lontana dal suo gioioso e spensierato benessere il film racconta senza pietismi e con una gran dose di allegria la storia di Moonee (Brooklynn Kimberly Prince), una bambina di sei anni sveglia e precoce, della sua piccola banda di amici e di sua madre Halley (Bria Vinaite), appena 22enne. Vivono tutti nel Magic Castle Motel che, nonostante il nome disneyano, è popolato da persone sotto la soglia della povertà. Bobby (Willem Dafoe), il manager del motel, è l’unico adulto che si occupa di Moonee e degli altri con affetto, cercando di tenere le cose a posto.  
    Al 35° Torino Film Festival sarà presente il regista Sean Baker.
    Read more »
  • A Modena via a workshop Open Up per attori

    Dal 28 al 29 ottobre prossimi (dalle 10 alle 19) il Teatro Attozero di Modena diventa palcoscenico di formazione: è qui infatti che l’attore Daniele Monterosi (www.danielemonterosi.com) terrà un workshop per attori.
    Sono 16 i partecipanti selezionati per prendere parte all’ Open Up Daniele Monterosi Training per crescere artisticamente e avere dei validi strumenti per affrontare le numerose sfide della professione dell’attore oggi.
    Credo che chi fa l’attore si porti addosso questa responsabilità: insegnare. – ha commentato Daniele –  Un attore dovrebbe portare un messaggio attraverso la propria vita ed insegnare attraverso la propria arte. Un attore insegna. Insegna cosa sono le emozioni, le relazioni che un uomo può avere con gli altri, insegna la fatica del vivere e la lotta per raggiungere i propri sogni: insegna in breve cosa significa essere un essere umano”.
    Dopo esserci confrontato con numerosi trainer e terapeuti a livello internazionale, Monterosi ha ideato una forma di training per attori di nuova generazione, seguendo un metodo innovativo che permette ad un attore di raggiungere un ottimo livello di preparazione, esplorando nuove tecniche di recitazione e assumere maggiore sicurezza. Le tecniche che saranno approfondite durante questo workshop si ispirano ad artisti come Stanislavskji, Strasberg, Mesner, Mejerchol’d , Michael Chekhov, Orazio Costa, Jacques Lecoq, Clive Barker, Michael Shurtleff e Stella Adler.

     

     

     

    Read more »
  • Che Guevara – Tu Y todos: Una mostra e un documentario raccontano il ‘Che’

    In occasione dei 50 anni dalla morte di Ernesto Guevara, Magnitudo Film in coproduzione con Alma e RedString Pictures, presenta Che Guevara: Tu Y todos, documentario basato su una ricca e inedita documentazione proveniente dal Centro Studi Che Guevara de l’Avana, che raccontare la figura iconica e contemporanea del Che attraverso una nuova chiave di lettura. Il film insieme alla mostra promossa e curata da Alma e Simmetrico Cultura, farà parte di un progetto multimediale ospitato dal 6 dicembre 2017 al 1 aprile 2018 alla Fabbrica del Vapore di Milano.

    “Il mito del Che meritava da tempo una produzione internazionale capace di esplorare al meglio la complessità di questo personaggio. –  spiega Francesco Invernizzi amministratore delegato di Magnitudo Film – La sua icona ormai va oltre la semplice questione ideologica; è l’uomo per eccellenza che ha combattuto per i poveri, gli ultimi scontrandosi anche con i suoi compagni di rivoluzione. E’ una figura che è sempre rimasta pura e che ancora oggi genera fascino e interesse presso le giovani generazioni”.

    Il film racconterà un viaggio alla ricerca delle tracce filosofiche del Che, attraverso i suoi occhi, le sue fotografie e l’incontro con alcune personalità che lo hanno conosciuto personalmente o tramite i suoi ideali.
    L’opera condurrà lo spettatore alla scoperta delle parole e degli scritti, anche quelli più intimi e personali del Che dove dubbi, contraddizioni e riflessioni prendono vita. Quindi ritroviamo il nostro presente confrontando gli stessi ideali con quelli di sostenitori e oppositori della sua ideologia, con interviste a personalità di rilievo in ambito politico, sociale e filosofico, analizzando dati e statistiche sugli equilibri economici e di potere del mondo, ponendo una nuova riflessione sulla società di oggi. Attraverso questo viaggio il film intente riaprire una finestra sugli eventi chiave vissuti da un’icona del XX secolo, indagando sul significato che hanno assunto quegli eventi per il mondo moderno.

     

    Read more »
  • ,

    Festa del Cinema 2017: Arriva Stronger

    Si arricchisce il cartellone della dodicesima edizione della Festa del Cinema di Roma diretta da Antonio Monda.
    Sarà presentato infatti sabato 28 ottobre un altro titolo celebrato dalla critica internazionale: il nuovo film di David Gordon Green, Stronger, con protagonista Jake Gyllenhaal.
    “Sono molto felice di presentare a Roma Stronger, un inno alla vita e uno splendido film – ha commentato Monda – E sono entusiasta di avere l’opportunità di condurre un Incontro Ravvicinato con Jake Gyllenhaal, che in Stronger ci regala una delle sue più grandi e commoventi interpretazioni”.

    Il regista statunitense porta sul grande schermo la storia vera di Jeff Bauman, un uomo comune la cui vicenda ha appassionato il mondo intero e lo ha reso un simbolo di speranza dopo l’attentato del 2013 durante la maratona di Boston. Il percorso eroico e profondamente personale di Jeff – un vero e proprio tour de force attoriale per  Gyllenhaal – metterà alla prova i legami familiari, definirà l’orgoglio di una comunità e gli darà il coraggio per superare le straordinarie avversità, mentre tenterà di ricostruire la sua vita al fianco della compagna Erin, interpretata dall’attrice canadese Tatiana Maslany.

    Gyllenhaal e Bauman saranno ospiti della Festa del Cinema: il primo sarà protagonista di un Incontro Ravvicinato con il pubblico, nel corso del quale l’attore parlerà della sua carriera, che lo ha visto interpretare ruoli complessi e profondamente diversi fra loro in film come Donnie Darko, I segreti di Brokeback Mountain, End of Watch – Tolleranza zero, Prisoners, Lo sciacallo – Nightcrawler e Animali notturni.

     

    Read more »
  • ,

    Festa del Cinema di Roma 2017: Hostiles è il film d’apertura

    Sarà Hostiles di Scott Cooper il film di apertura della dodicesima edizione della Festa del Cinema di Roma (26 ottobre – 5 novembre 2017). Ad annunciarlo il direttore artistico Antonio Monda che dichiara: “Sono entusiasta di poter inaugurare la dodicesima edizione della Festa del Cinema con Hostiles – ha detto – È un western dalla struttura epica, che parla con profondità di temi eterni, quali la violenza, il male che alligna nel cuore dell’uomo, ma anche la libertà e la possibilità di rinascita: un film importante e coraggioso, ispirato alla tradizione cinematografica di John Ford e a quella letteraria di Cormac McCarthy. Potente e commovente, Hostiles è radicato nella migliore tradizione del cinema americano: un viaggio all’interno del cuore selvaggio del grande paese e delle nostre anime, in cerca della redenzione. Magnificamente diretto da Scott Cooper e straordinariamente interpretato da Christian Bale e Rosamund Pike, ha tutte le qualità per diventare un classico del western e del cinema”.

    Il quarto lungometraggio del regista di Crazy Heart, Out of the Furnace e Black Mass, è un western drammatico e non convenzionale che esplora, con straordinaria intensità, uno dei temi più frequenti e complessi affrontati dal genere: il rapporto con i nativi americani.
    Ambientato nel 1892, il film segue il viaggio di un capitano dell’esercito che scorta un vecchio capo Cheyenne e la sua famiglia fino alla terra natia nel Montana. Nel ruolo dei protagonisti, Christian Bale, che torna a lavorare con Cooper dopo la collaborazione in Out of the Furnace, l’attrice britannica Rosamund Pike e Wes Studi.
    In Italia il film arriverà in sala per Notorious Pictures.

     

     

    Read more »
  • ,

    Oscar 2018, l’Italia punta su ‘A Ciambra’

    Alla fine a spuntarla è stato il giovane italo americano Jonas Carpigano con A Ciambra. Tra i 14 candidati a rappresentare l’Italia nella imminente corsa agli Oscar per il miglior film straniero, la commissione di esperti dell’Anica ha scelto il film trionfatore all’ultima Quinzaine des réalisateurs a Cannes.
    Il secondo lungometraggio di Carpignano affonda le radici nel neorealismo italiano e ne fa propria la lezione, catapultando lo spettatore dentro la piccola comunità rom nel cuore di Gioia Tauro, in Calabria. Pio Amato  ha solo quattordici anni, ma beve e fuma come un adulto ed è uno dei pochi a fari delle domande tra le varie realtà del luogo: gli italiani, gli immigrati africani e i membri della comunità rom. Pio segue ovunque suo fratello Cosimo, imparando il necessario per sopravvivere sulle strade della sua città. Quando Cosimo scompare le cose per Pio iniziano a mettersi male, dovrà provare di essere abbastanza grande per assumere il ruolo di suo fratello.
    Buone le probabilità di ACiambra di arrivare nella rosa delle nominations, il cui annuncio è previsto per il 23 gennaio 2018, soprattutto considerando che potrebbe contare sull’endorsement di Martin Scorsese, tra i produttori esecutivi del film. La cerimonia di consegna degli Oscar si terrà a Los Angeles domenica 4 marzo 2018.

    Read more »
Back to Top