LOGO
  • ,

    11.22.63: arriva il trailer della serie tv con James Franco

    Il network Hulu ha diffuso online il full trailer di 11.22.63, nuova serie prodotta da J.J. Abrams disponibile sul servizio streaming dal prossimo 15 febbraio.
    La serie vede come protagonista James Franco ed è tratta dal romanzo omonimo scritto da Stephen King e pubblicato nel 2011. Composta da otto episodi, 11.22.63 racconta la storia di un insegnante di inglese, interpretato da Franco, che ha la possibilità di viaggiare indietro nel tempo per impedire l’omicidio di John Fitzgerald Kennedy. Il titolo della serie, infatti, riprende la data in cui avvenne l’omicidio del Presidente USA a Dallas, in Texas, per mano di Lee Harvey Oswald.
    Oltre a James Franco, fanno parte del cast anche T. R. Knight, Sarah Gadon, Chris Cooper e Cherry Jones. Ecco il trailer in lingua originale.

    Read more »
  • ,

    Marvel’s Daredevil: il nuovo trailer della seconda stagione

    E’ apparso online, sul canale YouTube della Marvel Entertainment, il nuovo teaser trailer della seconda stagione di Daredevil, serie di successo di Netflix. Il teaser, che anticipa, ancora non si sa di quanto, il trailer vero e proprio, annuncia anche la data ufficiale di partenza dello show: il 18 marzo 2016, infatti, la serie, ideata da Drew Goddard, sarà disponibile in tutto il mondo sulla piattaforma Netflix.
    Il teaser non anticipa nulla in merito alla seconda stagione, ma riassume, in poco più di un minuto, tutti gli eventi principali della prima serie, che hanno visto il protagonista prendere sempre più consapevolezza della sua natura da supereroe. Nella seconda stagione faremo la conoscenza di The Punisher, interpretato da Jon Bernthal, e di Elektra Natchios, che avrà il volto di Elodie Yung. Inoltre, secondo alcune indiscrezioni non confermate, è possibile che faccia la sua apparizione nella serie anche la nemesi di Daredevil, Bullseye (che nel film del 2003 era interpretato da Colin Farrell).
    Nel cast della seconda stagione torneranno Charlie Cox, nel ruolo di Matt Murdock/Daredevil, Elden Henson, in quello di Foggy Nelson, Deborah Ann Woll (Karen Page) e Rosario Dawson (l’infermiera Claire Temple, che abbiamo visto anche nelle ultime puntate di Marvel’s Jessica Jones).
    Di seguito potete vedere il teaser pubblicato da Marvel.

     

    In collaborazione con Geekshow.

    Read more »
  • ,

    The Get Down: su Netflix la serie sull’hip hop

    Dopo Vinyl della HBO, prodotta, tra gli altri da Mick Jagger e Martin Scorsese, una nuova serie racconterà il mondo della musica nel 2016. Si tratta di The Get Down, nuova creatura della famiglia Netflix ideata da Shawn Ryan e Baz Luhrmann, già regista di Moulin Rouge, Romeo + Giulietta e Il Grande Gatsby.
    La serie racconterà il mondo della musica hip hop e sarà ambientata nella New York degli anni Settanta. Seguendo un gruppo di adolescenti, musicisti, ballerini e artisti del Bronx, The Get Down mostrerà l’ascesa della cultura hip hop, punk e disco nella scena artistica della Grande Mela.
    Ancora non è stata definita la data di rilascio della serie, mentre faranno parte del cast Giancarlo Esposito, Jimmy Smits, Herizen Guardiola e Mamoudou Athie, che vestirà i panni dello storico DJ Grandmaster Flash, considerato uno dei padri fondatori della musica hip hop.
    Luhrmann firmerà anche come regista alcuni episodi della serie, di cui è disponibile il trailer che potete vedere qui sotto.

    Read more »
  • ,,

    Cristel Checca: “Zio Gianni 2”? La parodia dei giovani d’oggi

    Ha studiato recitazione a New York, adora Tornatore, lavorare con Lars von Trier sarebbe il suo sogno. E in fondo un po’ sognatrice Cristel Checca lo è, svampita come Chiaretta, la studentessa di biologia, vegana e fricchettona che interpreta in Zio Gianni, la sit-com firmata The Pills che dopo il successo dello scorso anno torna da stasera su Rai2, con una seconda stagione.
    Cristel è genuina, leggera, diretta, una giovane attrice che sul palcoscenico ci è finita quasi per caso: “Da piccola mio zio mi obbligava a fare danza classica nella sua scuola, anche se a me non piaceva, non ero minimamente portata, non avevo il famoso collo del piede, non avevo nulla della ballerina classica. – racconta – L’insegnante notò però la mia espressività e nonostante le mie doti fisiche spesso mi ritrovavo a fare la protagonista di alcuni balletti. Poi consigliò a mia madre di farmi fare un corso di teatro e lei seguì il suo suggerimento; avevo dodici anni, è iniziato tutto un po’ per gioco e poi dopo il liceo è diventato un progetto di vita”.

    Cosa cambierà in questa seconda stagione di “Zio Gianni”?
    Nulla in particolare, essendo una sitcom i personaggi sono stati ben definiti già nella prima stagione, quindi a cambiare sono soprattutto le situazioni. Ma a differenza dello scorso anno ci si soffermerà molto di più sulle vite dei coinquilini di Gianni a partire dalle love story…

    E Chiara?
    Cambierà un po’ look, sarà meno fricchettona e avrà i capelli più chiari. Quest’anno si lascerà trasportare molto di più dagli altri coinquilini e anche il modo di comportarsi con Gianni sarà meno da mammina anche se continuerà a essere molto stretto. Ci sarà una puntata dedicata a ognuno di noi; Chiara si innamorerà e nell’episodio dedicato a lei, “Chiaretta si innamora”, scopriremo di chi…

    Cosa condividi con lei, a parte l’essere diventata anche tu vegetariana?
    Chiara è addirittura vegana, dopo la prima stagione anche io ho iniziato a non mangiare carne, ma era  volevo faruna cosa che volevo fare già da molto tempo prima.
    Chiara è bella, giovane, ha la freschezza dei vent’anni e uno spirito molto leggero, è stato piacevole giocare con questo personaggio che poi cambia anche repentinamente: parla di new age e il minuto dopo risponde male ai coinquilini, è anche un po’ incoerente come tutti i ragazzi della casa di zio Gianni. Ed è stato bello poterci mettere anche del mio come la svampitezza, che invece è molto di Cristel.

    Cosa hai imparato da Chiara?
    A essere più diretta, ad esempio a casa con i miei coinquilini; Chiaretta va dritta per la sua strada, per lei tutto è bianco o nero, è molto convinta delle sue idee. Mi ha dato una spinta in questo senso.

    Quanto hai rubato dalla realtà che ti circonda?
    Mi sono lasciata ispirare da molte situazioni viste e vissute soprattutto quando ero più piccola e frequentavo alcuni centri sociali; anche io come Chiara ero un po’ fricchettona e di personaggi così ne ho incontrati tanti. Zio Gianni in fondo non è altro che la parodia dei giovani di oggi che cambiano bandiera da un momento all’altro, che sono convinti di un’idea salvo ripensarci l’istante dopo.

    Sei l’unica donna della casa. Come è stato lavorare su un set quasi interamente maschile?
    Anche nella vita sono anni che vivo con coinquilini maschi, quindi era un’esperienza che conoscevo molto bene e posso dire che la casa di zio Gianni è davvero l’emblema delle case degli studenti.
    Mi capita spesso di lavorare con soli uomini. Per certi versi mi trovo molto bene perché le donne sono spesso più complicate, devi stare a attenta a cosa dire e come, invece con gli uomini è tutto molto più diretto. In generale però è dura, perché per una donna è sempre difficile farsi sentire: se gridi sei un’isterica e se ti arrabbi hai le tue cose.

    Ti sei formata a teatro. Che posto occupa nella tua vita?
    Le mie giornate e la mia quotidianità ruotano attorno al lavoro, che in questo momento è la compagnia che ho fondato; è come avere un figlio: programmi la tua vita in base alle sue necessità.

    Hai trascorso un periodo a New York. Cosa rappresenta una città come New York per un’attrice emergente?
    È un po’ il paese dei balocchi, ti trasmette energia, lì senti di poter fare qualsiasi cosa, ti arricchisce tantissimo a prescindere dal percorso di studi o di lavoro che hai deciso di intraprendere; tutti dovrebbero passarci una breve periodo di tempo. L’Italia purtroppo spesso ti fa crollare qualsiasi forma di entusiasmo, New York invece sa crearlo anche in chi non ce l’ha.

    La difficoltà più grande che da giovane artista hai incontrato nel nostro paese?
    La possibilità stessa di fare questo mestiere; molti lo considerano un gioco, quindi capita che ti propongano lavori senza compenso, quasi come fosse scontato e normale non essere pagati. A volte hai dei progetti ma nessuno è disposto a finanziarteli, non c’è un concetto di arte come qualcosa da coltivare, conservare e fare in un determinato modo.
    Bisogna capire a cosa serve l’arte, il peso che ha e l’importanza che ricopre all’interno di un paese; e tutto questo non esiste ancora.

    Il tuo idolo?
    Non ci ho mai pensato, non ho mai avuto idoli neanche da piccola. Ma mi viene da pensare a Natalie Portman, ogni tanto scherzando dico che “mi ha rubato la vita”. Ha fatto delle scelte sempre molto mirate.

    Read more »
  • ,

    House of Cards: il teaser che annuncia la quarta stagione

    Lo spot elettorale di Frank Underwood per le presidenziali 2016 è approdato online. Netflix ha, infatti, pubblicato sul suo canale YouTube il teaser che annuncia la quarta stagione di House of Cards, serie che ha fatto la fortuna della piattaforma di streaming online, disponibile anche in Italia da ottobre.
    Concepito e realizzato come un vero e proprio spot elettorale, il teaser è andato in onda durante un’interruzione pubblicitaria nel bel mezzo del dibattito tra i candidati alle primarie repubblicane negli USA: una trovata di Netflix che ha deciso di mandare online anche il sito dedicato alla campagna elettorale di Underwood.
    La quarta stagione di House of Cards sarà disponibile dal prossimo 4 marzo 2016 negli USA, mentre ancora non si conosce la data di messa in onda ufficiale per l’Italia e, molto probabilmente, la serie non sarà disponibile sulla versione italiana di Netflix, ma su Sky Atlantic, che ha comprato i diritti di distribuzione dello show prima dell’arrivo della piattaforma nel nostro Paese. Vi lasciamo alle immagini del teaser.

    Read more »
  • ,

    The Leftovers: confermata la terza ed ultima stagione

    Dopo una seconda stagione ricca di emozioni e le tante incertezze che circondavano il destino dello show, la HBO ha annunciato il rinnovo di The Leftovers per un terzo ed ultimo capitolo.
    Il presidente della programmazione dell’emittente, Michael Lombardo, ha dichiarato: “Questa serie ha dimostrato di essere una delle più distintive della HBO e siamo estremamente orgogliosi della sua originalità senza rivali, che ha avuto come risultato un seguito tanto appassionato. Ammiriamo e sosteniamo la visione artistica di Damon Lindelof e Tom Perrotta e rispettimo la decisione di portare a conlcusione lo show nella sua prossima stagione“.
    Chissà se la decisione di rinnovare The Leftovers è stata influenzata dal gruppo di fan che, al termine della seconda stagione, si sono radunati sotto la sede della HBO con sigaretta tra le dita e vestiti da Colpevoli Sopravvissuti per chiedere il rinnovo della serie, sta di fatto che i due creatori, Damon Lindelof e Tom Perrotta, hanno accolto con entusiasmo la decisione dell’emittente e hanno promesso una terza serie con un finale ancora più “ambiguo e emozionante“. In Italia il finale della seconda stagione andrà in onda la prossima settimana, intanto aspettiamo sviluppi anche in merito al cast e all’ambientazione dell’ultima stagione.

    Read more »
  • ,

    Second Chance: primo trailer per la nuova serie FOX

    Si intitola Second Chance ed è la nuova serie tv che la FOX manderà in onda da gennaio 2016. Protagonista della serie sarà Robert Kazinsky (in foto), già interprete di Pacific Rim di Guillermo del Toro.
    La serie, che nelle intenzioni degli autori doveva intitolarsi prima Frankenstein’s Code, poi Lookinglass, è stata ideata da Howard Gordon (Homeland) e Rand Ravich (Life) e vede nel cast anche Dilshad Vadsaria da Revenge, Philip Baker Hall (Magnolia, Zodiac, The Newsroom) e Tim DeKay.
    Il sessantacinquenne Jimmy Pritchard è stato costretto a dimettersi dal ruolo di sceriffo della contea di Los Angeles a causa della sua condotta: donnaiolo, alcolizzato, Pritchard ha sempre messo prima della famiglia la sua carriera. Durante una rapina viene ucciso, ma per Jimmy la morte ha durata breve. Due studiosi miliardari lo riportano in vita nel corpo di un uomo più giovane, con nuove e migliori abilità fisiche. Riuscirà Jimmy a riparare il danno fatto alla sua famiglia? Il primo episodio della serie, a metà tra Captain America e Frankenstein, andrà in onda il prossimo 13 gennaio. Vi lasciamo alle immagini del trailer.

    Read more »
  • ,,

    Lea Garofalo, la sua storia in un film di Marco Tullio Giordana

    I resti del corpo carbonizzato sarebbero stati ritrovati in un campo della Brianza solo a novembre 2012, ben tre anni dopo la sua scomparsa. I suoi aguzzini l’avevano torturata per ore, uccisa e poi data alle fiamme. Lea Garofalo aveva una sola colpa: aver detto di no alla ‘ndrangheta ribellandosi ad una famiglia criminale che ne aveva segnato il destino sin da bambina e denunciando il giro di affari illeciti dell’ex compagno, Carlo Cosco. Nel 1996 era diventata collaboratrice di giustizia testimoniando sulle faide tra la sua famiglia e quella di Carlo, e con la figlia Denise aveva deciso di rifarsi una vita entrando in un programma di protezione che nel 2006 sarebbe stato revocato fino al 2009, quando lei stessa lo rifiutò scoraggiata dagli eventi.
    In quello stesso anno Lea scompare. Le indagini, grazie alla collaborazione della figlia Denise che accetta di infiltrarsi nella sua stessa ‘famiglia’, porteranno all’arresto di Carlo (suo padre) e Vito Cosco, Rosario Curcio e Massimo Sabatino, inchiodati dalle accuse di sequestro di persona, omicidio e distruzione di cadavere.
    Lea era una ‘ribelle’, ebbe dalla sua il coraggio, la dignità e la fierezza di una combattente solitaria. Oggi è un’icona, il simbolo della lotta alle mafie e a ricordarla a pochi giorni dall’anniversario della sua morte (il 24 novembre 2009) è Lea, un film di Marco Tullio Giordana in onda il 18 novembre su Rai Uno.
    Non è un caso che a firmarne la regia sia proprio il regista de I cento passi: “Lea quel film lo conosceva bene, lo aveva fatto vedere a sua figlia appena quattordicenne per dirle: ‘Farò quella fine’. Quando Don Ciotti me lo disse rimasi molto colpito”.
    Un film realizzato per sottrazione partendo da materiali d’inchiesta giornalistica e dalle sentenze dei processi, con Vanessa Scalera e Linda Caridi scelte per dare il volto a Lea e sua figlia Denise. Un’opera che come spiega il direttore di Rai Fiction Tinny Andreatta, “è erede di quella tradizione di cinema civile italiano da Rosi a Petri. Una storia necessaria, di rifiuto e ribellione che trasforma la realtà in denuncia”. E che la Rai ha deciso di concedere a Libera per “portare nelle scuole questo messaggio di libertà”.
    Perché l’unico territorio che può mettere in difficoltà le mafie, ricorda Giordana, è quello della cultura: “Non pensano che poco per volta anche i film e le scuole tagliano l’erba e così l’incendio non si potrà più propagare”.
    L’ultimo pensiero va a Denise che oggi vive sotto uno strettissimo programma di protezione: “Denise non è frequentabile, né visibile, mi sarebbe piaciuto parlare con lei e vedere il film con lei ma per ovvi motivi di sicurezza non è stato possibile.  – racconta – Ho avuto contatti con il suo avvocato e ho saputo che era molto felice che a fare il film fosse proprio il regista de ‘I cento passi’ “.
    E chissà che da qualche parte mercoledì sera non riesca a vederlo davvero.

    Read more »
  • ,

    American Horror Story è stata rinnovata per una sesta stagione

    Con la sesta stagione in arrivo il prossimo anno, American Horror Story è senza dubbio entrata nella storia delle serie TV“. A parlare è John Landgraf, CEO di FX Networks e FX Productions, che ha annunciato la produzione della sesta serie di American Horror Story.
    La serie, ideata da Ryan Murphy e Brad Falchuck nel 2011, ha tenuto incollato agli schermi milioni di telespettatori e ricevuto molti riconoscimenti. La quinta stagione, Hotel, attualmente in onda negli USA e dal 21 dicembre anche in Italia, non ha deluso, finora, le aspettative dei fan, nonostante l’addio di Jessica Lange sostituita da Lady Gaga.
    Da Murder House a Hotel – ha continuato LandgrafAmerican Horror Story è stato uno show pioniere di una nuova forma di televisione e allo stesso tempo è diventata la serie più seguita di FX. Ogni anno Murphy e Falchuck si mettono alla prova insieme al loro team creativo così da trovare storie più spettacolari, spaventose e di intrattenimento, dimostrando audacia e eccellenza creativa“.
    Ovviamente è ancora troppo presto per scoprire in quale mondo ci trascinerà la sesta stagione della serie e quali attori faranno parte del cast, ma qualche giorno fa Ryan Murphy sul suo account Twitter ha dichiarato di aver chiesto a Lady Gaga di far parte anche della prossima stagione. Aspetteremo con lui la risposta.

    Read more »
  • ,

    Queste oscure materie diventa una serie tv

    La trilogia Queste oscure materie scritta da Philip Pullman tra il 1995 e il 2000 diventerà una serie tv. Composta da La Bussola d’Oro, da cui è stato tratto l’omonimo film del 2007 diretto da Chris Weitz con Nicole Kidman e Daniel Craig, La Lama Sottile e Il Cannocchiale d’ambra, la trilogia fantasy ha venduto oltre 17 milioni di copie in tutto il mondo ed è stato tradotta in quaranta lingue.
    La serie sarà prodotta dalla New Line Cinema, che con questo progetto si affaccia alla produzione per il piccolo schermo, e dalla Bad Wolf, mentre il produttore esecutivo sarà lo stesso autore dei romanzi, Philip Pullman: “Negli ultimi anni – ha commentato – abbiamo visto diverse riletture televisive di lunghi racconti, sia adattamenti, come Il Trono di Spade, sia originali, come I Soprano, capaci di trasmettere un grado di profondità dei personaggi e di suspense con risultati formidabili. Per questo motivo, la prospettiva di un adattamento televisivo della trilogia mi rende davvero molto felice“.
    La storia ruota attorno alla giovane Lyra, che vive in un mondo dove la magia è strettamente connessa alla scienza e alla tecnologia. La ragazza, durante il suo viaggio di ricerca di una persona scomparsa, verrà a conoscenza di uno strano fenomeno detto Polvere e di un misterioso complotto. Prima dell’adattamento per il cinema e la tv, Queste oscure materie è stato anche un audiolibro, uno spettacolo teatrale e una graphic novel.

    Read more »
Back to Top