LOGO
  • ,

    Venezia 75, tutti i film in programma

    Venezia 75. svela le carte. Un’edizione ricchissima di ritorni, opere prime e star. Tre gli italiani in gara per il Leone d’Oro: Capri Revolution di Mario Martone, l’attesa e preannunciato Suspiria di Luca Guadagnino e il documentario di Roberto Minervini What you wanna do when the world’s on fire?. Folta la squadra americana capitanata dal film d’apertura First Man che riporterà al Lido Damien Chazelle e Ryan Gosling dopo il successo di La La Land. Fuori competizione A star is born esordio alla regia di Bradley Cooper che farà sfilare sul red carpet Lady Gaga, una delle protagoniste del film. Nutrita la compagine Netflix: Roma di Alfonso Cuaron, 22 July di Paul Greengrass, The Ballad Of Buster Scruggs di Joel e Ethan Coen, The Other Side Of The Wind di Orson Welles e They’ll Love Me When I’m Dead di Morgan Neville.
    Saranno presentati inoltre come evento speciale i primi due episodi de L’amica geniale, la serie di Saverio Costanzo tratta dai romanzi di Elena Ferrante.

    Ecco tutti i film categoria per categoria.

    CONCORSO

    FIRST MAN – FILM D’APERTURA
    di DAMIEN CHAZELLE
    con Ryan Gosling, Jason Clarke, Claire Foy / USA / 138’

    THE MOUNTAIN
    di RICK ALVERSON
    con Tye Sheridan, Jeff Goldblum, Hannah Gross, Denis Lavant, Udo Kier / USA /106’

    DOUBLES VIES
    di OLIVIER ASSAYAS
    con Guillaume Canet, Juliette Binoche, Vincent Macaigne, Nora Hamzawi, Christa Théret, Pascal Greggory / Francia / 100’

    THE SISTERS BROTHERS
    di JACQUES AUDIARD
    con Joaquin Phoenix, John C. Reilly, Jake Gyllenhaal, Riz Ahmed / Francia, Belgio, Romania, Spagna / 120’

    THE BALLAD OF BUSTER SCRUGGS
    di ETHAN COEN, JOEL COEN
    con Tim Blake Nelson, James Franco, Liam Neeson, Tom Waits, Bill Heck, Zoe Kazan, Tyne Daly, Brendan Gleeson / USA / 132’

    VOX LUX
    di BRADY CORBET
    con Natalie Portman, Jude Law, Raffey Cassidy, Stacy Martin, Jennifer Ehle / USA / 110’

    ROMA
    di ALFONSO CUARÓN
    con Yalitza Aparicio, Marina de Tavira, Marco Graf, Daniela Demesa, Carlos Peralta, Nancy García / Messico / 135’

    22 JULY
    di PAUL GREENGRASS
    con Anders Danielsen Lie, Jonas Strand Gravli, Jon Øigarden, Isak Bakli Aglen, Seda Witt, Maria Bock, Thorbjø Harr / Norvegia, Islanda / 133’

    SUSPIRIA
    di LUCA GUADAGNINO
    con Dakota Johnson, Tilda Swinton, Mia Goth, Chloë Grace Moretz / Italia / 152’

    WERK OHNE AUTOR (OPERA SENZA AUTORE)
    di FLORIAN HENCKEL VON DONNERSMARCK
    con Tom Schilling, Paula Beer, Sebastian Koch, Saskia Rosendahl, Oliver Masucci / Germania / 188’

    THE NIGHTINGALE
    di JENNIFER KENT
    con Aisling Franciosi, Sam Claflin, Baykali Ganambarr, Damon Herriman, Harry Greenwood, Ewen Leslie, Michael Sheasby, Charlie Shotwell / Australia / 136’

    THE FAVOURITE
    di YORGOS LANTHIMOS
    con Olivia Colman, Emma Stone, Rachel Weisz, Nicholas Hoult, Joe Alwyn / UK, Irlanda, USA / 120’

    PETERLOO
    di MIKE LEIGH
    con Rory Kinnear, Maxine Peake, Pearce Quigley, David Moorst, Rachel Finnegan, Tom Meredith / UK, USA / 154’

    CAPRI-REVOLUTION
    di MARIO MARTONE
    con Marianna Fontana, Reinout Scholten van Aschat, Antonio Folletto, Gianluca Di Gennaro, Eduardo Scarpetta, Jenna Thiam, Ludovico Girardello, Lola Klamroth, Maximilian Dirr, Donatella Finocchiaro / Italia, Francia / 122’

    WHAT YOU GONNA DO WHEN THE WORLD’S ON FIRE?
    di ROBERTO MINERVINI
    con Judy Hill, Dorothy Hill, Michael Nelson, Ronaldo King, Titus Turner, Ashley King, Kevin Goodman, The New Black Panthers Party for Self Defense / Italia, USA, Francia / 123’

    NAPSZÁLLTA (SUNSET)
    di LÁSZLÓ NEMES
    con Juli Jakab, Vlad Ivanov / Ungheria, Francia / 142’

    FRÈRES ENNEMIS
    di DAVID OELHOFFEN
    con Matthias Schoenaerts, Reda Kateb, Adel Bencherif, Sofiane Zermani, Nicolas Giraud, Marc Barbe, Sabrina Ouazani, Gwendolyn Gourvenec / Francia, Belgio / 111’

    NUESTRO TIEMPO
    di CARLOS REYGADAS
    con Carlos Reygadas, Natalia López, Eleazar Reygadas, Rut Reygadas, Phil Burgers / Messico, Francia, Germania, Danimarca, Svezia / 173’

    AT ETERNITY’S GATE
    di JULIAN SCHNABEL
    con Willem Dafoe, Rupert Friend, Oscar Isaac, Mads Mikkelsen, Mathieu Amalric, Emmanuelle Seigner, Niels Arestrup / USA, Francia / 110’

    ACUSADA
    di GONZALO TOBAL
    con Leonardo Sbaraglia, Mariana Espósito, Inés Estevez, Daniel Fanego, Gerardo Romano / Argentina, Messico / 108’

    ZAN (KILLING)
    di SHINYA TSUKAMOTO
    con Sousuke Ikematsu, Yu Aoi, Tatsuya Nakamura, Shinya Tsukamoto, Ryusei Maeda / Giappone / 80’

    FUORI CONCORSO

    EVENTO SPECIALE

    THE OTHER SIDE OF THE WIND
    di ORSON WELLES
    con John Huston, Oja Kodar, Peter Bogdanovich, Susan Strasberg, Norman Foster / USA / 122’

    THEY’LL LOVE ME WHEN I’M DEAD
    di MORGAN NEVILLE
    USA / 98’

    PROIEZIONI SPECIALI

    L’AMICA GENIALE
    di SAVERIO COSTANZO
    con Elisa Del Genio, Ludovica Nasti, Margherita Mazzucco, Gaia Girace / Italia, Belgio / 120’

    IL DIARIO DI ANGELA – NOI DUE CINEASTI
    di YERVANT GIANIKIAN
    con Yervant Gianikian, Angela Ricci Lucchi / Italia / 90’

    FICTION

    UNA STORIA SENZA NOME
    di ROBERTO ANDÒ
    con Micaela Ramazzotti, Renato Carpentieri, Laura Morante, Alessandro Gassmann / Italia, Francia / 110’

    LES ESTIVANTS
    di VALERIA BRUNI TEDESCHI
    con Valeria Bruni Tedeschi, Pierre Arditi, Valeria Golino, Noémie Lvovsky, Yolande Moreau, Laurent Stocker, Riccardo Scamarcio / Francia, Italia / 125’

    A STAR IS BORN
    di BRADLEY COOPER
    con Lady Gaga, Bradley Cooper, Andrew Dice Clay, Dave Chappelle, Sam Elliott / USA / 135’

    MI OBRA MAESTRA
    di GASTÓN DUPRAT
    con Guillermo Francella, Luis Brandoni, Raúl Arévalo, Andrea Frigerio / Argentina, Spagna / 100’

    A TRAMWAY IN JERUSALEM
    di AMOS GITAI
    con Noa Ahinoamam Nini, Mathieu Amalric, Hana Laslo, Yael Abecassis, Pippo Delbono, Yuval Scharf, Karen Mor, Lamis Amar , Mustafa Masi / Israele, Francia / 90’

    UN PEUPLE ET SON ROI
    di PIERRE SCHOELLER
    con Gaspard Ulliel, Adèle Haenel, Olivier Gourmet, Luis Garrel, Izïa Higelin, Noémie Lvovsky, Céline Sallette, Denis Lavant / Francia, Belgio / 121’

    LA QUIETUD
    di PABLO TRAPERO
    con Martina Gusman, Bèrènice Bèjo, Graciela Borges, Edgard Ramirez, Joaquim Furríel, / Argentina / 117’

    DRAGGED ACROSS CONCRETE
    di S. CRAIG ZAHLER
    con Mel Gibson, Vince Vaughn, Tory Kittles / Canada, USA / 159’

    YING (SHADOW)
    di ZHANG YIMOU
    con Deng Chao, Sun Li, Zheng Kai, Wang Qianyuan, Wang Jingchun, Hu Jun, Guan Xiaotong, Wu Leo / Cina / 116’

    NON-FICTION

    A LETTER TO A FRIEND IN GAZA
    di AMOS GITAI
    Israele / 34’

    AQUARELA
    di VICTOR KOSSAKOVSKY
    UK, Germania / 89’

    EL PEPE, UNA VIDA SUPREMA
    di EMIR KUSTURICA
    con Pepe Mujica
    Argentina, Uruguay, Serbia / 74’

    PROCESS
    di SERGEI LOZNITSA
    Paesi Bassi / 125’

    CARMINE STREET GUITARS
    di RON MANN
    Canada / 80’

    ISIS, TOMORROW. THE LOST SOULS OF MOSUL.
    di FRANCESCA MANNOCCHI, ALESSIO ROMENZI
    Italia, Germania / 80’

    AMERICAN DHARMA
    di ERROL MORRIS
    con Stephen K. Bannon/ USA, UK / 95’

    INTRODUZIONE ALL’OSCURO
    di GASTÓN SOLNICKI
    con Gastón Solnicki / Argentina, Austria / 71’

    1938 DIVERSI
    di GIORGIO TREVES
    Italia / 62’

    NI DE LIAN (YOUR FACE)
    di TSAI MING-LIANG
    con Lee Kang Sheng / Taipei Cinese / 76’

    MONROVIA, INDIANA
    di FREDERICK WISEMAN
    USA / 223’


    ORIZZONTI

    SULLA MIA PELLEFILM D’APERTURA
    di ALESSIO CREMONINI
    con Alessandro Borghi, Jasmine Trinca, Max Tortora, Milvia Marigliano / Italia / 100’

    KRABEN RAHU (MANTA RAY)
    di PHUTTIPHONG AROONPHENG
    con Wanlop Rungkamjad, Aphisit Hama, Rasmee Wayrana / Thailandia, Francia, Cina / 105’

    SONI
    di IVAN AYR
    con Geetika Vidya Ohlyan, Saloni Batra / India / 97’

    OZEN (THE RIVER)
    di EMIR BAIGAZIN
    con Zhalgas Klanov, Eric Tazabekov, Zhasulan Userbayev, Ruslan Userbayev / Kazakistan, Polonia, Norvegia / 108’

    LA NOCHE DE 12 AÑOS
    di ÁLVARO BRECHNER
    con Antonio de la Torre, Chino Darín, Alfonso Tort / Spagna, Argentina, Francia / 123’

    DESLEMBRO
    di FLAVIA CASTRO
    con Jeanne Boudier, Hugo Abranches, Arthur Vieira Raynaud, Sara Antunes, Eliane Giardini / Brasile, Francia, Qatar / 105’

    ANONS (THE ANNOUNCEMENT)
    di MAHMUT FAZIL COŞKUN
    con Ali Seçkiner Alici, Tarhan Karagöz, Murat Kiliç, Şencan Güleryüz / Turchia, Bulgaria / 95’

    UN GIORNO ALL’IMPROVVISO
    di CIRO D’EMILIO
    con Anna Foglietta, Giampiero De Concilio, Massimo De Matteo, Lorenzo Sarcinelli Giuseppe Cirillo, Biagio Forestieri / Italia / 88’

    CHARLIE SAYS
    di MARY HARRON
    con Matt Smith, Hannah Murray, Marianna Rendon, Suki Waterhouse, Odessa Young, Carla Gugino, Kayli Carter / USA / 104’

    AMANDA
    di MIKHAËL HERS
    con Vincent Lacoste, Isaure Multrier, Stacy Martin, Ophélia Kolb, Marianne Basler, Jonathan Cohen, Greta Scacchi / Francia / 107’

    YOM ADAATOU ZOULI (THE DAY I LOST MY SHADOW)
    di SOUDADE KAADAN
    con Sawsan Arsheed, Reham Al Kassar, Samer Ismael, Oweiss Moukhallalati, Ahmad Morhaf Al Ali / Siria, Libano, Francia, Qatar / 94’

    L’ENKAS
    di SARAH MARX
    con Sandor Funtek, Sandrine Bonnaire, Virginie Acariès, Alexis Manenti / Francia / 85’

    TCHELOVEK KOTORIJ UDIVIL VSEH (THE MAN WHO SURPRISED EVERYONE)
    di NATASHA MERKULOVA, ALEKSEY CHUPOV
    con Evgeniy Tsiganov, Natalya Kudryashowa / Russia, Estonia, Francia / 105’

    KUCUMBU TUBUH INDAHKU (MEMORIES OF MY BODY)
    di GARIN NUGROHO
    con Muhammad Khan, Raditya Evandra, Rianto, Randy Pangalila, Whani Darmawan / Indonesia / 105’

    HAMCHENAN KE MIMORDAN (AS I LAY DYING)
    di MOSTAFA SAYYARI
    con Nader Fallah, Elham Korda, Majid Aghakarimi, Vahid Rad, Mohammad Rabbani / Iran / 73’

    LA PROFEZIA DELL’ARMADILLO
    di EMANUELE SCARINGI
    con Simone Liberati, Pietro Castellitto, Valerio Aprea / Italia / 99’

    EROM (STRIPPED)
    di YARON SHANI
    con Laliv Sivan, Bar Gottfried / Israele, Germania / 119’

    JINPA
    di PEMA TSEDEN
    con Jinpa, Genden Phuntsok, Sonam Wangmo / Cina / 86’

    TEL AVIV ON FIRE
    di SAMEH ZOABI
    con Kais Nashif, Lubna Azabal, Yaniv Biton, Nadim Sawalha, Maisa Abd Elhadi / Lussemburgo, Francia, Israele, Belgio / 97’

     

    VENICE VIRTUAL REALITY

    IN CONCORSO-INTERATTIVO

    MAKE NOISE
    di MAY ABDALLA
    con Nikki Amuka-Bird / UK / 8’ / installation

    ECLIPSE
    di JONATHAN ASTRUC, AYMERIC FAVRE
    Francia / 35’ / installation

    THE UNKNOWN PATIENT
    di MICHAEL BEETS
    con Lily Sullivan / Australia / 9’ / stand up

    BUDDY VR
    di CHUCK CHAE
    con Yena Jang / Corea del Sud / 16’ / stand up

    UMAMI
    di LANDIA EGAL, THOMAS PONS
    con Amaury La Burthe, Eimi Kawahara / Francia / 15’ / installation

    THE HORRIFICALLY REAL VIRTUALITY
    di MARIE JOURDREN
    con Josh Jefferies, Robin Berry / Francia / 40’ / installation

    SPHERES, la serie
    di ELIZA MCNITT
    USA, Francia / installation
    Capitolo 1 – CHORUS OF THE COSMOS, 15’
    Capitolo 2 – SONGS OF SPACETIME, con Jessica Chastain / 13’
    Capitolo 3 – PALE BLUE DOT, con Patti Smith / 15’

    A DISCOVERY OF WITCHES – HIDING IN PLAIN SIGHT
    di KIM-LEIGH PONTIN
    con Teresa Palmer, Matthew Goode, Adetomiwa Edun / UK / 15’ / stand up

    THE ROAMING – WETLANDS
    di MATHIEU PRADAT
    con Stephen Harrison, Nicolas Pradat, Beatrice Mujdei, Barbara Weber Boustani, Avant Strangel / Francia, UK, Belgio / 10’ / installation

    KOBOLD
    di MAX SACKER, IOULIA ISSERLIS
    con David Bredin, Nick Holaschke, Garry Lane / Germania / 20’ / stand up

    AWAVENA
    di LYNETTE WALLWORTH
    con Hushahu Yawanawa, Tata Yawanawa / USA, Brasile, Australia / 30’ / installation

    IN CONCORSO – LINEARE
    EVEN IN THE RAIN
    di LINDSAY BRANHAM
    USA, Repubblica Centrafricana / 16’ / VR theatre

    ANGELŲ TAKAIS (TRAIL OF ANGELS)
    di KRISTINA BUOZYTE
    Lituania, Bielorussia / 20’ / stand up

    X-RAY FASHION
    di FRANCESCO CARROZZINI
    USA, Danimarca, India / 20’ / installation

    HALF LIFE VR – SHORT VERSION
    di ROBERT CONNOR
    con Amanda Åkesson, Sarah-Jane Brodbeck, Frida Hambreus / Svezia / 12’ / VR theatre

    CROW: THE LEGEND
    di ERIC DARNELL
    con John Legend, Constance Wu, Liza Koshy, Tye Sheridan, Sarah Eagle Heart, Randy Edmonds, Diego Luna, Oprah Winfrey / USA / 22’ / stand up

    AGE OF SAIL
    di JOHN KAHRS
    con Ian McShane, Cathy Ang / USA / 12’ / stand up

    MINDPALACE
    di CARL KRAUSE, DOMINIK STOCKHAUSEN
    con Anthony Paul, Maximilian Allgeier / Germania / 10’ / stand up

    BALLAVITA
    di GERDA LEOPOLD
    con Bianca Kraml, Thomas Kraml, Haymon Buttinger / Austria, Germania / 34’ / VR theatre

    BORDERLINE
    di ASSAF MACHNES
    con Indal Kabada, Alan Godying, Tom Kroszynski / Israele, UK / 9’ / VR theatre

    SHENNONG: TASTE OF ILLUSION
    di MI LI, WANG ZHENG
    Cina / 9’ / stand up

    THE GREAT C
    di STEVE MILLER
    con Niamh Wilson, Jonathan Koensgen, Camilla Scott / Canada / 30’ / installation

    L’ÎLE DES MORTS
    di BENJAMIN NUEL
    con Richard Doust / Francia / 8’ / stand up

    HOME AFTER WAR
    di GAYATRI PARAMESWARAN, FELIX GAEDTKE
    Iraq, Germania, USA / 20’ / installation

    MADE THIS WAY: REDEFINING MASCULINITY
    di ELLI RAYNAI, IREM HARNAK
    con Elijah Miley, Devyn Farries / Canada / 18’ / stand up

    LUCID
    di PETE SHORT
    con Jaleh Alp, Nicky Goldie, Peter Landi / UK, Australia / 16’ / stand up

    WU ZHU ZHI CHENG VR (THE LAST ONE STANDING VR)
    di WANG JIWEN, LIU YANG
    Cina / 10’ / stand up

    FRESH OUT
    di WEY SAM, TAO FANGCHAO
    Cina, USA / 7’ / stand up

    1943: BERLIN BLITZ
    di DAVID WHELAN
    Irlanda, UK / 14’ / stand up

    ROOMS
    di CHRISTIAN ZIPFEL
    Germania / 23’ / VR theatre

    FUORI CONCORSO– Best of VR
    (una selezione internazionale delle migliori opere VR)

    Interattivo
    VR_I
    di GILLES JOBIN, CAECILIA CHARBONNIER, SYLVAIN CHAGUÉ
    con Victoria Chiu, Susana Panadés Diaz, Diya Naidu, Tidiani N Diaye, Gilles Jobin / Svizzera / 20’ / installation

    Lineare
    BATTLESCAR

    di NICO CASAVECCHIA, MARTIN ALLAIS
    con Rosario Dawson / Francia, USA / 7’ / stand up

    ARDEN’S WAKE: TIDE’S FALL
    di EUGENE YK CHUNG
    con Alicia Vikander, Richard Armitage / USA / 28’ / stand up

    GHOST IN THE SHELL: VIRTUAL REALITY DIVER
    di HIGASHI HIROAKI
    con Elizabeth Maxwell, Christopher Sabat, Jad Saxton / Giappone / 16’ / VR theatre

    ISLE OF DOGS: BEHIND THE SCENES (IN VIRTUAL REALITY)
    di PAUL RAPHAËL, FÉLIX LAJEUNESSE
    con Bryan Cranston, Bill Murray, Edward Norton, Liev Schreiber, Jeff Goldblum, Scarlett Johansson, Tilda Swinton, Bob Balaban / Canada, UK, USA / 6’ / VR theatre

    KEKKON YUBIWA MONOGATARI VR (TALES OF WEDDING RINGS VR)
    di SOU KAEI
    con Akari Kito, Takumi Satou, Kouichi Souma / Giappone / 30’ / stand up

    Fuori Concorso – Biennale College Cinema – VR
    Lineare

    IN THE CAVE
    di IVAN GERGOLET, produttore: ANTONIO GIACOMIN, DAVID CEJ
    con Maruša Majer, Bruno Serban, Claudia Sfetez / Italia / 15’

    ELEGY
    di MARC GUIDONI, produttore : JOANNA SZYBIST
    con Robert William Bradford, Madalina Constantin, Dan Rosson, Walter Dickerson, Julie Judd, Kester Lovelace, Charles Morillon, Natalia Pujszo, Gaya Verneuil / Francia / 30’

    METRO VEINTE: CITA CIEGA
    di MARIA BELEN PONCIO, produttore: EZEQUIEL LENARDON
    con Delfina Diaz Gavier, Cristobal Lopez Baena / Argentina / 17’

    SELYATAĞI (FLOODPLAIN)
    di DENIZ TORTUM, produttore: ANNA MARIA ASLANOGLU
    (ispirato al lungometraggio di Biennale College – Cinema YUVA, di Emre Yeksan) con Okan Bozkuş, Berk Akman, Turgut Ekinci, Çağdaş Akar, Nihat Can Tinas / Turchia / 12’/ VR theatre

    Read more »
  • ,

    Venezia 75., Leone d’Oro alla Carriera a Vanessa Redgrave

    A Vanessa Redgrave il Leone d’oro alla carriera della 75. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (29 agosto – 8 settembre 2018). Come ogni anno la Biennale assegna due Leoni d’Oro alla carriera: a un regista, e a un attore o un’attrice.

    “Sono sbalordita e straordinariamente felice di sapere che sarò premiata col Leone d’oro alla carriera dalla Mostra di Venezia. La scorsa estate stavo girando proprio a Venezia The Aspern Papers. – ha dichiarato l’attrice britannica – Molti anni fa ho girato La vacanza nelle paludi del Veneto. Il mio personaggio parlava solo in dialetto veneziano. Scommetto di essere l’unica attrice non italiana ad aver recitato un intero ruolo in dialetto veneziano! Grazie infinite cara Mostra!”.

    “Unanimemente considerata tra le migliori interpreti femminili del cinema moderno, la Redgrave è un’attrice sensibile e capace di infinite sfumature, interprete ideale di personaggi complessi e non di rado controversi. – ha fatto sapere Alberto Barbera, direttore della Mostra – Dotata di naturale eleganza, innata forza di seduzione e di uno straordinario talento, è potuta passare con disinvoltura dal cinema d’autore europeo alle fastose produzioni hollywoodiane, dalle tavole del palcoscenico alle produzioni televisive, offrendo ogni volta risultati di assoluta eccellenza. Le sue apparizioni, distribuite in sessant’anni di attività, emanano autorevolezza e piena padronanza dei ruoli, generosità senza limiti ed estrema raffinatezza, qualità non disgiunte da una buona dose di audacia e combattività che costituiscono uno dei tratti più evidenti della sua personalità umana e artistica”.

     

     

     

     

     

    Read more »
  • ,

    Venezia 75: A star is born in antemprima mondiale

    L’atteso debutto alla regia di Bradley Cooper, A Star is Born, interpretato dallo stesso Cooper e da Lady Gaga, nel suo primo ruolo da protagonista in un film, sarà presentato in anteprima mondiale, Fuori Concorso, alla 75. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

    La proiezione di A Star is Born – anche co-sceneggiato e prodotto da Bradley Cooper – si terrà venerdì 31 agosto in Sala Grande al Palazzo del Cinema del Lido di Venezia. La 75. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica si terrà dal 29 agosto all’8 settembre 2018, diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale presieduta da Paolo Baratta.
    In questa nuova versione di una tormentata storia d’amore, Cooper interpreta il musicista di successo Jackson Maine, che scopre la squattrinata artista Ally (Gaga) e si innamora di lei. Ally ha da poco chiuso in un cassetto il suo sogno di diventare una grande cantante, fino a quando Jack la convince a tornare sotto i riflettori. Ma mentre la carriera di Ally inizia a spiccare il volo, il lato privato della loro relazione perde colpi a causa della battaglia che Jack conduce contro i suoi demoni interiori. A Star is Born avrà canzoni originali eseguite dal vivo nel film da Cooper e Lady Gaga, da loro scritte in collaborazione con altri artisti come Lukas Nelson, Jason Isbell e Mark Ronson.  Nel cast anche Andrew Dice Clay, assieme a Dave Chappelle e Sam Elliott.
    Scritto da Eric Roth e Bradley Cooper & Will Fetters sarà nei cinema dal 5 ottobre per la Warner Bros. Pictures.

    Read more »
  • ,

    Skyscraper: Grattacielo di fuoco

    In Skyscraper Dwayne Johnson è di nuovo alle prese con un disaster movie. Stavolta dovrà salvare la sua famiglia da una banda di criminali e dall’incendio che sta consumando il grattacielo più alto del mondo. Dirige Rawson Marshall Thurber. In sala dal 19 luglio.

    Inferno di cristallo 50 anni dopo. Il titolo oggi è in inglese, Skyscraper, perché così vuole la consuetudine. E al posto dei divi Newman e McQueen c’è il culturista più amato dal pubblico americano, Dwayne “The Rock” Johnson, l’ex wrestler assurto in un niente allo status di stella, uno dei pochi che sembra fare ancora la differenza al botteghino, complice il fatto di aver perfezionato la formula di una pozione carica di magia hollywoodiana, quel misto di azione e commedia per famiglie che riesce a riunire in coda ai botteghini due generazioni e forse più.

    Scritto e diretto da Rawson Marshall Thurber, con cui Johnson aveva collaborato in Una spia e mezzo, Skyscraper racconta dell’incendio devastante che divora, un piano alla volta, la torre più alta che ingegneria umana abbia concepito, la Perla di Hong Kong, un fittizio moloch architettonico di 240 piani, 102 in più della Glass Tower di Inferno di Cristallo, con tanto di turbine, cascate e un’insensata installazione virtuale lassù in cima. In tutto questo Johnson interpreta il ruolo di Will Sawyer, ex testa di cuoio che dopo un blitz andato male si è ritrovato con una gamba mutilata e una vita da ricostruire. Adesso Will è un esperto di security, coinvolto da un ex commilitone nel progetto Pearl. Peccato che dietro la sua assunzione ci sia un complotto che mira non tanto alla distruzione dell’edificio quanto allo svelamento dei suoi segreti e dei suoi tesori, e qui, più che al classico di John Guillermin, si torna con la mente all’altra grande ispirazione della pellicola di Thurber, Trappola di Cristallo con Bruce Willis (Die Hard per qualcuno), un grande classico dell’action movie di fine anni 80.

    Ora, senza la classe di Newman, senza essere un’icona come McQueen e come il John McClane di Die Hard, The Rock si trova ad affrontare la doppia minaccia del fuoco e dei terroristi, il primo che tende aristotelicamente verso l’alto e i secondi che invece mirano a far finire tutto verso il basso. Con buona pace delle ambizioni ingegneristiche e di una famiglia rigorosamente da salvare, quella di Will, neanche a dirsi, composta da una mamma che sa il fatto suo (una rediviva Neve Campbell) e due bambini belli e riccioluti, uno per di più malato.

    Tutto questo racconto è ovviamente solo premessa, per non dire pretesto. Perché il centro di tutto è vedere Dwayne Johnson arrampicarsi sulle gru, saltare tra le fiamme, imbracciare un’arma da fuoco, del resto gli elementi cattivi e i cattivi elementi incombono dietro ogni angolo. E Skyscraper è questo, prendere o lasciare. Non lo definiremmo un film stupido, anche se forse un po’ ottuso lo è. Ma di sicuro è divertente, di un divertimento genuino e alla fine ben concepito nella sua studiata assenza di ambizioni. Perché Dwayne Johnson è l’uomo giusto per questi film, perché la sceneggiatura di Thurber è consapevole delle proprie scelte e anche dei propri limiti, e perché in fondo Skyscraper vuole regalare solo un’ora e mezzo di intrattenimento senza ribaltare la storia del cinema, neanche quello d’azione.

    Read more »
  • ,

    Ant-Man and The Wasp al Giffoni Film Festival 2018: Paul Rudd ed Evangeline Lilly presentano la nuova avvenura Marvel

    Paul Rudd ed Evangeline Lilly sul water carpet della 48esima edizione del Giffoni Film Festival. Accolti dal calore dei fan, in occasione della proiezione in anteprima nazionale del nuovo film Marvel Ant-Man and The Wasp, i due protagonisti hanno risposto ieri ad alcune domande del pubblico in sala e hanno ricevuto il Giffoni Experience Award. Ant-Man and The Wasp arriverà nelle sale italiane il 14 agosto preceduto da alcune anteprime l’11 agosto.
    Dopo gli eventi raccontati in Captain America: Civil War, Scott Lang deve affrontare le conseguenze delle proprie scelte sia come supereroe sia come padre. Impegnato a gestire la sua vita familiare e le sue responsabilità come Ant-Man, si vede assegnare una nuova e urgente missione da Hope van Dyne e dal Dr. Hank Pym. Scott dovrà indossare ancora una volta la sua tuta e imparare a combattere al fianco di Wasp, mentre la squadra cercherà di far luce sui segreti del proprio passato.
    Come il precedente capitolo, Ant-Man and The Wasp è diretto da Peyton Reed e prodotto da Kevin Feige, mentre Louis D’Esposito, Victoria Alonso, Stephen Broussard, Charles Newirth e Stan Lee ne sono i produttori esecutivi. La sceneggiatura è firmata da Chris McKenna & Erik Sommers, Andrew Barrer & Gabriel Ferrari e Paul Rudd.
    Al fianco di Paul Rudd ed Evangeline Lilly, tornano nel cast anche Michael Peña e il premio Oscar Michael Douglas, insieme a Bobby Cannavale, Judy Greer, Abby Ryder Fortson, Michelle Pfeiffer e Laurence Fishburne.

    Read more »
  • ,

    Festa del Cinema di Roma 2018: In concorso il nuovo film di Edoardo De Angelis

    Il vizio della speranza di Edoardo De Angelis in conocorso alla tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma (in programma da 18 al 28 ottobre).
    Ad annunciarlo il direttore Antonio Monda: “Sono felice e onorato di ospitare alla Festa del Cinema un film che conferma il grande talento di Edoardo De Angelis – ha dichiarato – Ciò che rende commovente e potente la pellicola è il modo in cui il regista riesce a raccontare la speranza all’interno di un mondo di desolazione”.

    De Angelis – che torna dietro la macchina da presa dopo il successo di Indivisibili – firma una storia di vendetta e riconciliazione che ha come sfondo il fiume Volturno e le terre che lo circondano: la protagonista è Maria, interpretata da Pina Turco (Gomorra – La serie), la cui esistenza scorre, senza sogni né desideri, a prendersi cura della madre e al servizio di una madame ingioiellata. Insieme al suo pitbull dagli occhi coraggiosi, Maria traghetta sul fiume donne incinte, in quello che sembra un purgatorio senza fine. È proprio a questa donna che la speranza, un giorno, tornerà a far visita, nella sua forma più ancestrale e potente, miracolosa come la vita stessa: perché restare umani è da sempre la più grande delle rivoluzioni. Nel cast anche Massimiliano Rossi, Marina Confalone, Cristina Donadio, Marcello Romolo. Le musiche sono firmate, come già in Indivisibili, da Enzo Avitabile. Il film prodotto da Attilio De Razza e Pierpaolo Verga, sarà distribuito in sala da Medusa.

    La tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma inoltre darà il benvenuto anche a Isabelle Huppert, protagonista di un Incontro ravvicinato con il pubblico, che riceverà il Premio alla Carriera da Toni Servillo.
    “Sono entusiasta di celebrare alla Festa del Cinema un’attrice di straordinaria sensibilità, finezza e profondità come Isabelle Huppert – ha spiegato Monda – Una magnifica interprete umanista che riesce sempre a trasmettere, anche in ruoli difficili e drammatici, grande empatia verso i personaggi da lei messi in scena”.

    Read more »

  • ,

    Tom Hooper dirigerà Taylor Swift, Jennifer Hudson, James Corden e Ian McKellen nell’adattamento di Cats

    Tom Hooper si prepara a dirigere Taylor Swift, Jennifer Hudson, James Corden e Ian McKellen nell’adattamento sul grande schermo del celebre Cats.
    Il musical di Andrew Lloyd Webber, uno dei più longevi di Broadway, racconta la storia di una comunità di gatti, i Jellicles e della notte in cui decideranno quale gatto avrà l’onore di ascendere al paradiso dei Jellicle Cats.
    Le riprese dovrebbero iniziare a fine anno nel Regno Unito e il cast è destinato ad allargarsi. L’adattamento porterà la firma di Lee Hall, lo sceneggiatore di Billy Elliot.
    Al timone del progetto targato Universal, il celebre regista de Il discorso del re e I miserabili.

    Read more »
  • ,

    Venezia 75: First man è il film di apertura

    Sarà  Il primo uomo (First Man) di Damien Chazelle (La La Land, Whiplash) ad aprire la 75. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (29 agosto – 8 settembre 2018) .
    “Sono onorato dell’invito di Venezia e sono entusiasta di ritornare. E’ particolarmente emozionante che questa notizia sia così vicina all’anniversario dell’atterraggio sulla luna. Non vedo l’ora di portare il film alla Mostra”,  commenta il regista che per la seconda volta dopo La La Land avrà l’onore di inaugurare il festival.
    Gli fa eco il direttore Alberto Barbera: “E’ un autentico privilegio poter presentare in prima mondiale il nuovo, attesissimo film di Damien Chazelle. Un lavoro personale, affascinante e originale, piacevolmente sorprendente al confronto con gli altri film epici del nostri tempi, a conferma del grande talento di un regista tra i più importanti del cinema americano di oggi. Siamo grati alla Universal Pictures per aver accettato di condividere con noi l’apertura della 75. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica con First Man”.

    Interpretato da Ryan Gosling, Jason Clarke e Claire Foy e prodotto dalla Universal Pictures, il film racconta la storia della missione della Nasa per far sbarcare un uomo sulla luna, concentrandosi sulla figura di Neil Armstrong negli anni dal 1961 al 1969. L’annuncio della prima mondiale del film arriva alla vigilia del 49. anniversario dell’allunaggio dell’Apollo 11.

    First Man sarà proiettato in prima mondiale mercoledì 29 agosto nella Sala Grande del Palazzo del Cinema al Lido di Venezia.

     

     

    Read more »
  • ,

    Il sacrificio del cervo sacro: Il sonno della ragione

    Con il film vincitore a Cannes della Palma d’Oro per la migliore sceneggiatura, Lanthimos si conferma autore classicissimo e modernissimo, con echi innegabilmente kubrickiani e da Haneke. In sala dal 28 giugno.

     

     

    A vista del crudele ma amabile idol mio  quest’anima fedele  con gioia spirerò”.
    (Euripide, Ifigenia In Aulide, 407 a.c.)

    Bisogna sempre avere un occhio di riguardo per i registi greci, sia anche pregiudizievole: perché se Alexandros Avranas e adesso anche Yorgos Lanthimos ci dimostrano qualcosa, è che quando il cinema nasce dal tormento, quello vero, molto spesso vengono fuori capolavori. Se il sonno della ragione, citato più volte figurativamente, in questo Il sacrificio del cervo sacro, genera mostri, quello della gioia produce arte.

    Ed è così che dalle macerie sociali, culturali e soprattutto dalle ferite interne ed esterne della Grecia vengono fuori storie che coinvolgono, costringono e legano pubblico e privato, mettendo in scena una riproposizione di una classicità che è patrimonio culturale declinata attraverso le lenti deformanti dell’attualità: in questo senso, Lanthimos mette in scena il silenzio assordante della divinità, la sua assenza mai così presente, e la conseguente, affannosa e affannata corsa dell’uomo per poter liberarsi dalla “terribile legatura” che agli dèi lo lega.

    Con il film vincitore a Cannes della Palma d’Oro per la migliore sceneggiatura, Lanthimos si conferma autore classicissimo e modernissimo, con echi innegabilmente kubrickiani e da Haneke: e sulle spoglie di un racconto mitologico, immerso in un dècor glaciale, sceglie come protagonista del suo capolavoro una divinità punitrice bambina, crudele e capricciosa, congelando scenografie e recitazione in momenti di drammaticità soffocante.

    Steven, affermato cardiologo con famiglia borghesissima in casa, ha un rapporto ambiguo con un adolescente: che, rivelatosi figlio di un suo paziente morto sotto i ferri del chirurgo, assumerà lentamente le forme di una divinità coinvolgendo il medico in un allucinante gioco al massacro psicologico e fisico.

    Il sacrificio del cervo sacro è alla fine un horror senza esserlo: così come The Lobster raffreddava il melò, questo coniuga i luoghi comuni del terrore scegliendo però la strada più difficile, dove qualunque causa soprannaturale è lasciata fuori scena e alla nostra immaginazione suggestionata, rimanendo sul palcoscenico gli effetti sui corpi disastrati dei mortali, effetti che però vengono innegabilmente da decisioni prese altrove, in una dimensione altra. E l’incredibile capacità di Lanthimos sta proprio qua: nel suggerire e nel non mostrare, ma contemporaneamente rendere quel suggerimento (anzi, suggestione) centro emotivo e narrativo del racconto.

    Nessuno spiegherà mai se e come, realmente, il giovane Martin abbia giocato con le vite e con la biologia dei figli di Steven: eppure, chi osserva dall’esterno sa che è così, talmente coinvolto e convinto dalla composizione musicale, dalle scelte espressive, dalle inquadrature. Insomma, da quello che una divinità altra (il regista) ha deciso per lui. Corridoi labirintici alla Shining, inquadrature stranianti, recitazione in sottrazione – e quanto è brava, e ci piace, Nicole Kidman quando gioca ad essere altrove anche solo con lo sguardo: come non pensare a Eyes Wide Shut?-, tutto per allontanare qualsivoglia segnale della presenza del libero arbitrio, per confermare il teorema, disumano e angosciante, che nulla può smuovere la spietata e crudele verità del Fato, del Caso che governa vita e morte in una tremenda simmetria, in un cinema tremendo, ellittico, asciutto.

    E quale altro atto, inevitabile ed ineludibile, esiste come il battito incessante e “mostruoso” di un muscolo cardiaco? L’inizio del film è ancora una volta illuminante: riportandoci ad un’opera simile e diversissima, quel The Act Of Seeing With One Own’s Eyes che ha segnato un immaginario, quali occhi possono sopportare la visione di una violenza così spietata e casuale?

    di GianLorenzo Franzì

    Read more »
  • ,

    ‘Quando ci batteva il cuore’. Ricordando Carlo Vanzina

    Com’era l’epoca tua?
    Buf… diversa.
    Diversa come?
    Mah, non so.. ci batteva il cuore. Mi sembra di ricordare che ci batteva il cuore”.
    Poche battute per inquadrare un’epoca, uno stato d’animo, un mood generazionale; seguite poi da un campo/controcampo tra i più felici del cinema italiano, con un gioco di sguardi che racchiude una storia, e forse la vita, fra Jerry Calà e Marina Suma mai più così grandi. E dolorosi.

    Sono gli ultimissimi minuti di Sapore di mare, un film targato 1983 e diretto da Carlo Vanzina, scritto come sempre dal fratello Enrico: un film importante e probabilmente a guardarlo oggi spartiacque, per tanti motivi. Prima di tutto, perché con quello si apriva una delle stagioni più gloriose di certo cinema, quella commedia “popolana” e, come ebbe a dire l’autore, “fieramente popolare” che portò sullo schermo successi stratosferici come Il Ras del quartiere, Yuppies, Sotto il vestito niente, giù giù fino a Piccolo Grande Amore, In questo mondo di ladri, e l’ultimo Caccia al tesoro. Titoli, appunto, che della loro “medietà” (e non mediocrità, attenzione) facevano bandiera, e che guardavano da vicino ai cambiamenti politici e sociali contemporanei, con una sottigliezza e una lucidità di pensiero forse inconsapevoli ma sempre sbalorditive e sottovalutate.

    Non è un mistero che il lavoro dei fratelli Vanzina (Carlo alla regia, Enrico alla scrittura, giusto per dare dei ruoli) sia stato quantomeno sottovalutato, quando non svalutato e degradato ingiustamente: chi scrive ha sempre combattuto per poter mettere in evidenza come nei sessanta film da loro prodotti di “scoregge” ce ne sono state pochissime se non nessuna, perché la deriva per così dire scatologica è stata poi la strada imboccata da De Laurentiis che ha trasformato il loro Vacanze di Natale (sempre del 1983, sequel quasi apocrifo di Sapore di mare, nato per bissarne il successo) in un brand di successo, trasfigurandone le coordinate e utilizzando la coppia scoperta proprio dai Vanzina con Yuppies – I giovani di successo nel 1986, ovvero De Sica & Boldi, che si sono prodigati travisando la lente d’ingrandimento sociale che i figli di Steno usavano nei loro film.

    Carlo Vanzina, morto oggi a Roma a 67 anni, era, di persona, uomo di infinita educazione e classe invidiabile; non è quindi difficile dissociarlo da certa produzione, per affidargli invece la paternità di pellicole non sempre riuscite ma di buon gusto, mai sbracate anche se a volte sboccate, che utilizzavano (questo sempre) al meglio gli attori al suo servizio: dai citati Boldi e De Sica fino a Jerry Calà appunto, Paolo Villaggio, Vincenzo Salemme, Massimo Ghini, scoprendo anche Raoul Bova nel ruolo di una vita e valorizzando quanto possibile bellezze leggendarie come Manuela Arcuri, Valeria Marini e Monica Bellucci, in film dove la donna, ben lontani dall’epoca del #MeToo, faceva naturalmente da motore immobile della storia senza esserne svestita o sopraffatta. Perché Carlo diresse anche una meraviglia di raffinatezza come Virna Lisi, regalandole un ruolo da timida milf ante litteram proprio in Sapore di mare, e poi vere e proprie signore del cinema divenute in seguito icone come Isabella Ferrari, Ornella Muti, Nancy Brilli.

    Insomma, un cinema che era un mondo, e un mondo che era un mood: una camera del tempo dove ritrovare usi e costumi dimenticati, un cannocchiale per crogiolarsi in una celeste nostalgia perdendosi nel mare del passato, o più semplicemente artigianato dell’arte, fatto col cuore per arrivare sempre al cuore.

    di GianLorenzo Franzì

    Read more »
Back to Top