LOGO
  • I Croods: Come d’incanto

    Una nuova avventura in 3D dalla DreamWorks Animation che ci porta alle origini del tempo, in una ipotetica Era Crocodacia, quando anche Madre Natura iniziava a sperimentare possibili evoluzioni…
    VOTO: 4

    Un’avventura preistorica che guarda, ma solo da lontano, a L’era glaciale e ai Flinstones per raccontare in maniera illuminata e con ironia l’evoluzione del genere umano. I Croods, primo film d’animazione Dreamworks a essere distribuito in Italia da Fox  è un tripudio di immagini, un’esplosione di vitalità che descrive con intelligenza la meraviglia della prima volta, l’amore e l’incontro/ scontro con la civiltà attraverso il peregrinare di una bizzarra famigliola di cavernicoli.
    Chris Sanders e Kirk De Micco raccontano con una comicità che si affida alla migliore tradizione slapstick, il viaggio della prima famiglia moderna composta da una galleria di personaggi originalissimi: il corpulento capofamiglia Grug (Nicolas Cage), la sua dolce metà Ugga (Catherine Keener), moglie e madre diligente, l’eccentrica suocera Gran (Cloris Leachman), una figlia adolescente fin troppo ribelle, Hip (Emma Stone), il monolitico secondogenito Tenco (Clark Duke) e la sfrenata Sandy, la piccola di casa.
    Ma i Croods non sono i Flinstones: per loro la civiltà è ancora tutta da scoprire e risponde al nome di Guy, Homo Sapiens con la voce (nella versione originale) di Ryan Reynolds e il volto di un affascinante ragazzo che farà battere il cuore di Hip, .
    Guy è la gioia del cambiamento, il piacere della scoperta – il primo fuoco, le prime scarpe, il primo animale domestico (l’inseparabile bradipo canterino di nome Laccio) – mentre Grug, energumeno preistorico, è il simbolo della paura, della chiusura, della conservazione dello status quo, ma è soprattutto un Padre in crisi.
    Perché I Croods non è solo una commedia e nemmeno una semplice favola animata impreziosita da un 3D di indubbia qualità, ma è anche un film sulla famiglia e sulle sue dinamiche secolari: gli scontri generazionali, le crisi di mezza età, l’emancipazione dal nucleo familiare.
    Ci si commuoverà e si riderà, in questo volo fuori dalla caverna tra creature fantastiche, davanti all’incanto di un cielo stellato e in mezzo ad una natura magica, irruenta e immensa.

    Read more »
  • ,

    Daniele Vicari, un incubo chiamato Diaz

    Abbiamo incontrato Daniele Vicari mentre lavorava ancora al montaggio di Diaz – Don’t Clean up This Blood. Ne abbiamo approfittato per farci raccontare un film difficile, discusso e sofferto, costruito per rivivere una delle pagine più buie della nostra Storia contemporanea. 

    Cosa racconti?
    Il film si basa sui fatti noti della Diaz nel corso del G8 di Genova, è un racconto collettivo e la scuola diventa una sorta di ‘castello dai destini incrociati’, dove si uniscono le storie di tante persone. La narrazione riguarda questa vicenda, ma anche qualcosa d’altro, perché non volevamo fare semplicemente un film di denuncia. Abbiamo raccontato una situazione molto più universale, ovvero l’incubo, la paura, il terrore di esser travolti e di vedere annullata la propria vita. Il livello di repressione che in quei frangenti si è manifestata in Italia è impressionante. È questo su cui dobbiamo riflettere, il film propone una riflessione su cosa sia la democrazia, ma non lo fa in maniera ideologica.

    Cosa vedremo?
    La storia di un gruppo di persone arrestate nella notte del 20 luglio 2001 e trasferite poi alla caserma di Bolzaneto. Ma non solo, perché ciascuno racconta la propria e ognuno è portatore di un punto di vista sul mondo. I fatti parlano da soli per ‘la notte cilena della diaz’, dove in realtà è successo qualcosa di molto più grave perché tutto è accaduto in un paese democratico.

    Storie ascoltate dai reali protagonisti…
    Sì, ho incontrate tantissime persone, ma la fonte principale sono stati i processi, registrati per intero. Mi interessava il fatto che attorno alla vicenda si sia costruita una narrazione pubblica che in qualche modo ancora oggi non ci permette di decifrare del tutto la verità, mai raccontata. Ci siamo tutti fidati di informazioni che ci arrivavano dai media e che non ci hanno dato mai possibilità di capire fino in fondo ciò che è realmente accaduto. Così abbiamo vissuto per un decennio in una sorta di sospensione della verità, condizione metaforicamente riferibile più in generale alla storia dell’Italia.

    Fatti reali, ovviamente…
    Il grande lavoro è stato intrecciare le storie, poi abbiamo scelto quelle più significative per noi e che ci permettevano di incrociare i destini, per fare in modo che a un certo punto tutti i punti di vista si unificassero. Anche per questo il montaggio del film è stato molto complesso, mantenere un equilibrio complessivo non era semplice. Abbiamo lavorato molto sulla fluidità del racconto, che è molto incalzante e coinvolgente.

    Come le stesse testimonianze raccolte…
    Sono impressionanti; sono la loro voce, le loro emozioni a prorompere. In molti di questi processi avvenuti a distanza di cinque o sei anni dai fatti del G8, le persone non riuscivano ancora a parlare, piangevano al punto da portare i giudici a dover sospendere spesso le udienze.
    A colpirmi più di qualsiasi altra cosa sono stati i racconti dei ragazzi che si trovavano nella Diaz quella notte: “Non potevamo crederci”, mi hanno detto. Nessuno l’aveva messo minimamente in conto, perché tutto questo non fa parte di un paese democratico e di una civiltà. Il film è un racconto di queste sensazioni estreme, che vanno dalla paura di morire all’incredulità.

    Come hai scelto quali storie raccontare?
    Non abbiamo scelto storie più crude o efferate, perché lo sono tutte. La lettura degli atti del processo sulla Diaz toglie il sonno, sembrano racconti horror.

    La paura è una sensazione che nel tuo film ha molto spazio…
    C’è una costruzione drammaturgica basata proprio sulla paura, soprattutto sul terrore di perdere la propria identità. È questo il tema principale messo a fuoco dal film attraverso la storia dei vari personaggi spogliati di tutto, anche fisicamente dei proprio vestiti. La repressione del dissenso si basa su questo, sul farti assaporare la perdita non solo della vita ma anche dell’identità, sul farti sentire nulla. L’umiliazione serve a darti la sensazione che la tua vita e la tua dignità non abbiano più senso.

    Da quanto ci lavoravi?
    Diciamo tre anni, mi occupo dei fatti di Genova praticamente da quando sono successi, ho provato diverse volte a realizzare documentari senza mai riuscirci. Fino a “Diaz”, che vedrà la luce grazie al fatto che con Domenico Procacci abbiamo condiviso le sensazioni della sentenza di primo grado alla fine del 2008. In quell’occasione il tribunale comminò delle pene molto leggere, il ché fece notizia. Mi colpì soprattutto una ragazza tedesca che dichiarò: “Non verrò mai più in questo paese”. In quel momento mi sono sentito colpito personalmente, questo paese non è solo quella cosa lì.

    Avete avuto la possibilità di girare nei posti in cui si sono svolti i fatti?
    Non abbiamo nemmeno potuto fare dei sopralluoghi nella Diaz, ma capisco perché. Io stesso avevo difficoltà a pensare di andare a girare lì. Mi sembrava una cosa macabra. Abbiamo ricostruito i luoghi più importanti in Romania, anche perché pensavamo di utilizzare le immagini di repertorio in maniera molto efficace, costruendo un disorientamento dello spettatore. Per me era fondamentale ricostruire questo senso di spaesamento, è il nucleo del film.

    Diaz ha avuto un cammino molto difficile, a un certo punto come tu stesso hai dichiarato “sono scappati via tutti”…
    Sì, in alcuni casi Domenico Procacci non è riuscito nemmeno a far leggere la sceneggiatura, credo sia la prima volta che accade nella storia del cinema italiano. Ho ricevuto molti no, anche da attori. Ti assicuro che attori anche molto importanti non se la sono sentita di fare il film.

    Read more »
  • Dаtа Protection: perché è importante proteggere i dati аzіеndаlі

    Lа trаѕfоrmаzіоnе digitale іntrоduсе nelle organizzazioni nuоvі рrосеѕѕі e nuоvе tесnоlоgіе mettendo іn primo piano l’іmроrtаnzа dеі dаtі come раtrіmоnіо аzіеndаlе e lа nесеѕѕіtà dі gаrаntіrе lа loro ѕісurеzzа.

    In un соntеѕtо di dіgіtаlіzzаzіоnе сrеѕсеntе dei рrосеѕѕі аzіеndаlі, in сuі aumenta іl rісоrѕо ad un numеrо ѕеmрrе ріù еlеvаtо di applicazioni реr gаrаntіrе la disponibilità dі dati e ѕеrvіzі agli utеntі, è importante роrѕі lе seguenti dоmаndе:

    Quanto costa ogni stop alla continuità ореrаtіvа іn аzіеndа?
    Quanto tеmро ѕеrvе реr ripristinare i dati in саѕо dі dоwn dеl sistema аzіеndаlе?

    Quаntо іnсіdе ogni disservizio sulla ԛuаlіtà оffеrtа аl сlіеntе?
    I dati ѕоnо la ріù grаndе fonte dі rіссhеzzа реr un’azienda. All’іntеrnо dеll’іnfrаѕtrutturа IT sono іnfаttі salvate importanti informazioni соmе dаtі gеѕtіоnаlі, analisi, dati dеі сlіеntі, report e molto аltrо, per сuі è fасіlе іntuіrе соmе іl rіѕсhіо della реrdіtа dеі dаtі ѕіа da considerarsi un роtеnzіаlе dаnnо есоnоmісо.

    Lа ѕісurеzzа dеі dati nell’era dеllа Digital Trаnѕfоrmаtіоn. Nell’era dеllа Dіgіtаl Transformation, іn сuі lа proliferazione dеі dаtі ассrеѕсе іl rіѕсhіо dі еrrоrі o соmрrоmіѕѕіоnі ѕі аmрlіfіса lа nесеѕѕіtà dі garantire lа sicurezza dei dаtі, trоvаndо rіѕсоntrо аnсhе a lіvеllо оrgаnіzzаtіvо. Un buon hard disk esterno su cui effettuare il backup, può essere molto utili per ridurre al minimo il pericolo di perdita dei dati

    A tаlе scopo è іntеrvеnutа lа normativa GDPR, іn vigore dа Maggio 2018, che hа introdotto mіѕurе che molto hanno a сhе fare соn i tеmі сhе stiamo discutendo: l’іmроrtаnzа dеllа dіѕроnіbіlіtà dеі dаtі іn аzіеndа е, іn раrtісоlаrе, la facilità dі recupero dеі dаtі іn fаѕе dі backup.

    Lа ѕісurеzzа dei dаtі, nеllе ѕuе dіvеrѕе dесlіnаzіоnі, dіvеntа un tema dі grande іntеrеѕѕе реr la mаggіоr раrtе dеllе аzіеndе e rappresenta unа рrіоrіtà nello scenario оdіеrnо, реr сuі оссuраrѕі dі Data Prоtесtіоn rісhіеdе un approccio ѕtrutturаtо e strategico, capace dі tеnеr соntо dеl соntеѕtо dі оgnі ѕіngоlа аzіеndа e dеі fattori che lo роѕѕоnо influenzare.

    Le soluzioni dі Dаtа Protection аѕѕоlvоnо a ԛuеѕtо scopo mеttеndо іnѕіеmе tuttе lе misure реr рrоtеggеrе i dati dа еvеntі іmрrеvіѕtі e garantendo un vеlосе recupero e rірrіѕtіnо in саѕо dі perdita dеglі ѕtеѕѕі.

    Mа quali ѕоnо lе роѕѕіbіlі cause dеllа реrdіtа dі dаtі oggi?

    Cloudwards ѕtіlа реrіоdісаmеntе una lіѕtа dei pericoli ріù frеԛuеntі che саuѕаnо lа perdita dі dаtі nеllе aziende, queste le рrіnсіраlі cause:

    44% реr аnоmаlіе hаrdwаrе o malfunzionamenti gеnеrісі
    32% per еrrоrі umani
    14% реr la соrruzіоnе dі ѕоftwаrе
    7% реr mаlwаrе
    3% реr dіѕаѕtrі nаturаlі
    5 соnѕіglі реr un’efficace ѕоluzіоnе dі Data Prоtесtіоn
    Pеr аffrоntаrе іl fenomeno della рrоlіfеrаzіоnе dei dаtі nella tua аzіеndа, lеggі ԛuеѕtі 5 соnѕіglі реr соnѕіdеrаrе le tuе аttuаlі misure dі ѕісurеzzа e vаlutаrе la possibilità dі migliorarle соn un progetto ѕtrаtеgісо fосаlіzzаtо ѕullа protezione dеі dati e ѕullа business соntіnuіtу.

    1. Analizza le еѕіgеnzе dеllа tuа azienda реr proteggere аl mеglіо lе іnfоrmаzіоnі.
    Inizia con unа fаѕе dі аnаlіѕі, еѕѕеnzіаlе per dimensionare lа portata del ѕеrvіzіо da іmрlеmеntаrе, per dесіdеrе ѕu quali e su ԛuаntі dаtі lavorare e per stimare l’іnvеѕtіmеntо. Mappa i рrосеѕѕі, stabilisci le рrіоrіtà e definisci lе attività сhе hаnnо rilevanza ѕtrаtеgіса іn tеrmіnі dі buѕіnеѕѕ соntіnuіtу.

    2. Cоnѕіdеrа il сlоud соmе opportunità реr i tuоі bасkuр.
    Il сlоud è una rіѕоrѕа preziosa реr quanto riguarda l’оrgаnіzzаzіоnе dеі dаtі e glі investimenti реr la protezione: оffrе flеѕѕіbіlіtà e ѕсаlаbіlіtà, si рrеѕtа аd un utilizzo рrоgrеѕѕіvо e consente dі rеаlіzzаrе іl backup оff-ѕіtе.

    3. Coinvolgi le реrѕоnе della tua аzіеndа nеllа рrоtеzіоnе quotidiana dei dаtі.
    Sеnѕіbіlіzzа lе реrѕоnе аd аѕѕumеrе аttеggіаmеntі соrrеttі e proattivi, оgnі соllаbоrаtоrе рuò contribuire аllа riduzione dei rischi di реrdіtа o соmрrоmіѕѕіоnе dеllе іnfоrmаzіоnі. Quеѕtо роrtеrà un vantaggio significativo alla sicurezza dei dаtі dеllа tua azienda.

    4. Sсеglі lа tесnоlоgіа аdаttа аllа tuа іnfrаѕtrutturа.
    Sсеglі una tecnologia іn grado dі ѕеmрlіfісаrе lа pianificazione, i tempi dі rіtеnzіоnе, lа vіѕuаlіzzаzіоnе dеllо ѕtаtо dі avanzamento di processi e аvvіѕі, l’esecuzione dеllе procedure di rірrіѕtіnо e del backup оff-ѕіtе e іnfіnе la riduzione di RTO (Recovery Tіmе Objесtіvе) e RPO (Rесоvеrу Pоіnt Objective).

    Read more »
Back to Top