LOGO
,

Ant-Man and the Wasp: Eroi piccoli piccoli

Ant-Man and the Wasp: Eroi piccoli piccoli

Paul Rudd ed Evangeline Lilly ritornano nel mondo Marvel con Ant-Man and the Wasp. Nel cast diretto da Peyton Reed anche Michael Douglas e Michelle Pfeiffer. In sala dal 14 agosto. 

 

L’eroe formica ha trovato finalmente qualcuno alla sua altezza. Ant-Man and the Wasp, secondo lungometraggio dedicato al personaggio Marvel, rompe il silenzio dei cinema d’estate aggiungendo al protagonista interpretato da Paul Rudd una spalla di dimensioni egualmente ridotte, la Evangeline Lilly del primo film, promossa per l’occasione al rango di eroina. Confermato alla regia il mestierante Peyton Reed, una carriera dedicata alle commedie, e il cast di caratteristi in toto, dall’irresistibile Michael Peña al veterano Michael Douglas.

Tra le novità di questo secondo capitolo ci sono sostanziose aggiunte al cast: Michelle Pfeiffer, reduce dal successo dell’Assassinio sull’Orient Express, Laurence Fishburne, il Walton Goggins di The Hateful Eight, e la britannica Hanna John-Kamen, vista nel recente Ready Player One. Quella che non varia è la formula, supereroismi in salsa comica per fare felici ragazzini, ragazzi e adulti, meglio ancora se al botteghino si presentano tutti insieme.

Dopo la comparsata in Captain America: Civil War (ma misteriosamente assente da Avengers: Infinity War) il prode Scott Lang (Rudd) è costretto a rinunciare al suo alter ego, Ant-Man, e a passare un periodo ai domiciliari. Ma la sua strada non potrà che incrociarsi con quella del suo predecessore Hank Pym (Douglas) e con l’ex fiamma Hope (Lilly) ancora alla ricerca della madre (Pfeiffer) dispersa nella dimensione quantica. Il tutto mentre altri nemici misteriosi cercano di impossessarsi della tecnologia di miniaturizzazione.

Rispetto al capitolo precedente Ant-Man and the Wasp perde qualcosa a livello di intreccio e la filosofia di base del mega produttore Kevin Feige, ovvero quella di adottare un genere e di applicarci sopra la formula dei supereroi, sembra un lontano ricordo. La prima avventura di Lang e soci era un divertente heist-movie condito con evoluzioni fumettistiche. Tutto questo non c’è più, forse a causa del clamore di Avengers: Infinity War che demolendo i botteghini ha rilanciato la formula del supereroismo tout-court. E in un certo senso l’ombra del precedente mega colossal si proietta spietata su Ant-Man and the Wasp, tanto che la parte che più interesserà i fan sarà quella, breve per forza di cosa, dedicata agli eventi del film dei fratelli Russo.

E così quella continuità condivisa che è stata uno dei principali punti di forza dei film Marvel oggi ha finito per cannibalizzare completamente un sequel che rischia di non interessare troppo ai suoi stessi fan. Il peccato è relativo ma c’è, perché pur senza grossi picchi di personalità Ant-Man and the Wasp non merita l’anti-gogna dell’anonimato. Il cast (Rudd, Peña e Douglas su tutti) dà il proprio valido contributo e Peyton Reed porta avanti la sua idea di regia forse scolastica, di sicuro efficace. In definitiva Ant-Man and the Wasp è un film che si perde nel flusso di pellicole dedicate ai supereroi Marvel, a prescindere dalle sue pecche (tra cui dei cattivi senza troppa personalità) e dall’innegabile simpatia che cerca di compensarle.

 

About the author
Marcello Lembo

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top