LOGO
,

Figari Film Fest 2018, tra talenti visionari e storie del reale

Figari Film Fest 2018, tra talenti visionari e storie del reale

Nel cuore di Olbia tra piccoli borghi, piazze e spiagge battute dai primi turisti tedeschi entra nel vivo l’ottava edizione del Figari Film Fest, il festival dedicato al mondo dei cortometraggi e agli esordi cinematografici, giunto ieri alla terza serata di proiezioni. Serata all’insegna del talento visionario e immaginifico degli autori dei corti presentati, a partire dall’animazione Nausicaa, già scelto come apertura della Settimana Internazionale della Critica veneziana nel 2017 e interamente realizzato nella Marche con la tecnica del motion comic partendo da una graphic novel di Bepi Vigna, che in questo caso è anche regista. Dalla poesia della principessa che parte alla ricerca dell’uomo che l’ha stregata, Ulisse, all’eccentrico, esplosivo e psichedelico The N.A.P. di Adolfo Di Molfetta, un omaggio surreale al nonsense.
Ma il colpo di fulmine arriva dall’Iran: si chiama Kaveh Mazaheri, classe 1981, nato a Teheran e al Figari è in concorso con Retouch, un thriller compiuto che nei suoi quasi venti minuti di durata dimostra coerenza ed equilibrio narrativi, una regia essenziale e di precisione quasi geometrica che ricorda il cinema di Ashgar Farhadi. Un corto con velleità (più giustificabili) da lungometraggio, un nome da tenere d’occhio. Lo aspettiamo al debutto al lungo.
La mezzanotte ha salutato i corti della Horror Night: degni di nota il claustrofobico The Hour of Darkness di Domenico De Feudis e il grottesco Rip di Albert Pintó, splatter spagnolo tutto da ridere.
Stasera si prosegue con il Premio Comunicazione al blogger Le Perle di Pinna, mentre venerdì 23 giugno l’attore Giacomo Ferrara (lo Spadino di Suburra) riceverà il Premio Bracco al miglior giovane attore 2018. Attesi per la fine della kermesse Francesca Chillemi ospite d’onore durante la serata del 23 giugno e Maccio Capatonda con il quale si chiuderà la nove giorni dedicata al cinema. Ospiti nei giorni scorsi The Jackal, lo scrittore Walter Siti, il regista Daniele Coluccini, Matteo Martinez e Frank Matano con le proiezioni dei film Addio fottuti musi verdi, Il contagio e Tonno spiaggiato.

About the author
Elisabetta Bartucca

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top