LOGO
,

Gabriele Muccino: “Agli attori chiedo di emozionarsi”

di Gianlorenzo Franzì

A vent’anni esatti da Ecco Fatto, il suo esordio dietro la macchina da presa, Gabriele Muccino torna a raccontare quello che pare più congeniale al suo respiro cinematografico, ovvero la famiglia e le sue tante (e a volte dolorose) disfunzionalità. A Casa Tutti Bene (in sala dal 14 febbraio) è forse il film giusto al momento giusto: dopo i passi falsi della quadrilogia oltreoceano – Quello che so sull’amore e padri e figlie, forse ancora più de La ricerca della felicità e Sette anime -, e la caduta verticale de L’Estate Addosso, era necessario un film che gli restituisse la giusta dimensione, con un cast sontuoso e che ha la caratteristica dell’urgenza: riaffiora prepotente l’affinità tra l’isterismo inquieto dei suoi personaggi e il passo della sua macchina da presa frenetica e vorticosa.

Torni a girare in Italia con un film attesissimo e che sembra un festival di cinema italiano, con un cast che presenta il meglio del comparto attoriale italiano oggi…
Direi che la condizione per riunire gli attori è nata dalla sceneggiatura e dall’idea del film, e magari anche dall’idea che fossi io ad averlo scritto e a dirigerlo. E poi è stato anche un lavoro di scelta: ho dovuto trovare tra tutti i talenti italiani quelli più giusti per i personaggi che avevo immaginato e raccontato. E poi hanno un enorme talento, ma soprattutto un’enorme generosità per mettersi in gioco.

 In A casa tutti bene ci sono ritorni “eccellenti” del tuo cinema, come Accorsi e la Sandrelli, ma anche volti relativamente nuovi: nei tuoi film c’è sempre un gran lavoro sul cast, sull’interazione dei personaggi, sembra si respiri realmente un’aria di famiglia. Come lavori con loro sul set?
Ci lavoro molto emotivamente: gli chiedo di emozionarsi e di vivere le emozioni in prima persona. E se questo non avviene, di far vibrare l’emotività, di perdere il controllo, se necessario di entrare nella pelle dei personaggi in modo che diventino i personaggi stessi, e ci sia una aderenza quanto più forte possibile fra la loro natura e chi interpretano.

Hai cominciato proprio vent’anni fa con Ecco Fatto. Poi ci sono stati L’ultimo bacio e Ricordati di me, dei veri e propri fenomeni al botteghino ma a vederli oggi, a distanza, dei ritratti sociali e culturali di un preciso momento storico. Alla fine sei passato in America, ai più alti livelli produttivi. Cosa hai portato in Italia della tua esperienza americana? E cosa invece hai dovuto lasciare girando a Hollywood?
In Italia porto un’ulteriore conoscenza del cinema, della messa in scena, dell’architettura del film in tutte le sue sfumature tecniche ed emozionali. Quindi ritengo di essere cresciuto moltissimo; mentre in America ho portato quello che ho imparato dal cinema italiano degli anni d’oro, più o meno dai ’50 ai ’70, quella combinazione fra realismo ed emotività, poesia e poetica, cose proprie del nostro cinema, e cioè quella commedia amara ma vera, emotivamente poetica: è questo il cinema che ho tentato di portare in America.

I tuoi film sembrano piccolo trattati sociologici delle situazioni emotive: quando scrivi le sue storie, attingi a quello che vedi intorno a te o peschi dal tuo intimo? Come riesci a rendere i tuoi film così attuali e urgenti?
Non tutti i miei film purtroppo riescono così bene, non tutti riescono così urgenti… alcuni diventano delle creature che si compongono e si attaccano da soli al nostro immaginario, ma io cerco sempre di raccontare delle storie che abbiano una loro compiutezza, e quindi capacità comunicativa con il pubblico. Poi ci sono momenti della vita in cui si matura il vissuto, e in qualche modo un’altra conoscenza della vita finisce per trasformarsi in drammaturgia e quindi in una storia strutturata per farne un film.

Adesso che sei tornato, però non ci lasci più…
Ahah, no, conto di restare.

 

About the author
La redazione

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top