LOGO adv-468x60
,

Roma 2017: Vince “Borg McEnroe”

La dodicesima edizione della Festa del Cinema di Roma si conclude con il trionfo di Borg McEnroe di Janus Metz Pedersen,  biopic ispirato alla vita di Björn Borg e John McEnroe, e in particolare alla leggendaria finale di Wimbledon del 1980.
Ad annunciare il verdetto del pubblico, unico premio assegnato ormai da due anni a questa parte, è lo stesso Antonio Monda, direttore del festival che ribadisce quanto già annunciato alla presentazione del programma: “Gli autori e i registi hanno scelto Roma perchè hanno visto un’identità; sono passati 106 film, alcuni strepitosi come Detroit, il mio preferito, o Last Flag Flying”.
“Abbiamo lavorato per garantire una qualità alta, – sottolinea – E’ stata una selezione fatta di scoperte, penso a Cabros de mierda, One of these days e Nysferatu che ho voluto molto”.

Poi anticipa qualche piccola novità della prossima edizione: “La sigla d’apertura dei film quest’anno riproponeva clip tratte da musical del passato, il prossimo anno sceglieremo la commedia”.
Non nega che avrebbe voluto fare alcune cose a cui però ha dovuto rinunciare per limiti di budget: “Gli incontri ravvicinati sono la caratteristica fondante di questa festa e mi sarebbe piaciuto avere una retrospettiva su Dolan, ma non ho potuto”, dice.
Intanto conferma le stesse date per il prossimo anno e rassicura: “La linea non cambierà, qualche ritocco è inevitabile ma la strada è questa: non siamo un festival“, dice dopo aver scnocciolato una serie di cifre in crescita rispetto all’edizione passata, come gli incassi che hanno registrato un +13%.
Non è esclusa inoltre l’eventualità che la sezione autonoma e parallela di Alice nella Città, possa trovare una collocazione diversa  rispetto a quella della Festa del Cinema. “Ci rifletteremo”, rivela concludendo con una promessa ai giornalisti: conferenze stampa in streaming e uno schermo in sala stampa per seguire gli eventi della festa e andare incontro alle esigenze della stampa spesso costretta a rocamboleschi accavallamenti.

 

 

 

About the author
La redazione

Leave your comment


         




Back to Top