LOGO adv-468x60
,

Festa del Cinema di Roma: i film della dodicesima edizione

La Festa è diventata un luogo ambito, dove si va non per promuovere un film, ma perché si sceglie di andare, perché è un bel posto“. Con queste parole esordisce Antonio Monda alla presentazione dell’edizione 2017 della Festa del Cinema di Roma, in programma dal 26 ottobre al 5 novembre nella Capitale. Monda, che è stato anche riconfermato per i prossimi tre anni alla guida della Festa, e Piera Detassis, presidente della Fondazione Cinema per Roma, hanno annunciato il lungo elenco di film, incontri ed eventi speciali che popoleranno questa dodicesima edizione. “Un ringraziamento – ha affermato Detassis – va ai soci, perché nonostante le inevitabili razionalizzazioni e tagli hanno continuato a sostenere la manifestazione“. A chi chiede perché non ci siano tanti film italiani in Selezione, Monda risponde che “vista la catastrofe ai box office dei film italiani in questi giorni, è meglio puntare sui prodotti di cui siamo assolutamente convinti. Creare una sorta di riserva indiana solo per i film italiani è solo un danno per i film stessi, non aiuta“. 14 anteprime mondiali, 10 internazionali, 10 prime europee e 31 paesi diversi rappresentati: tutto che segue la logica della selezione e non dell’allargamento, come afferma il direttore artistico. E le sorprese potrebbero non finire, perché nelle prossime settimane potrebbero esserci nuove aggiunte al già ricco programma. Ecco, per le sezioni principali, tutte le pellicole di quest’anno.

SELEZIONE UFFICIALE
Abracadabra, di Pablo Berger (Spagna-Francia-Belgio)
The Eternal Feminine, di Natalia Beristain (Messico)
In Blue, di Jaap van Heusden (Paesi Bassi)
Borg McEnroe, di Janus Metz (Svezia – Danimarca – Finlandia)
The Young Shepherd, di Gonzalo Justiniano (Cile)
C’est la vie!, di Eric Toledano e Olivier Nakache (Francia)
Cuernavaca, di Alejandro Andrade Pease (Messico)
Detroit, di Kathryn Bigelow (USA)
Ferrari: Race to Immortality, di Daryl Goodrich (Regno Unito)
The Movie of my Life, di Selton Mello (Brasile)
And Then There Was Light, di Tatsushi Omori (Giappone)
Hostiles, di Scott Cooper (USA), film di apertura
The Hungry, di Bornila Chetterjee (India – Regno Unito)
I, Tonya, di Craig Gillespie (USA)
Birds Without Name, di Kazuya Shiraishi (Giappone)
Little Crusader, di Vàclav Kadrnka (Repubblica Ceca – Slovacchia – Italia)
Last Flag Flying, di Richard Linklater (USA)
Logan Lucky, di Steven Soderbergh (USA)
Love Means Zero, di Jason Kohn (USA)
Mademoiselle Paradis, di Barbara Albert (Austria – Germania)
Maria by Callas – In Her Own Words, di Tom Volf (Francia)
Mon Garçon, di Christian Carion (Francia)
Mudbound, di Dee Rees (USA)
Nadie Nos Mira, di Julia Solomonoff (Argentina – Colombia – Brasile – USA)
One of These Days, di Nadim Tabet (Libano)
The Only Living Boy In New York, di Marc Webb (USA)
Catch the Wind, di Gael Morel (Francia)
Una Questione Privata, di Paolo e Vittorio Taviani (Italia – Francia)
Scotty and the Secret History of Hollywood, di Matt Tyrnauer (USA)
Valley of Shadows, di Jonas Matzow Gulbrandsen (Norvegia)
Stronger, di David Gordon Green (USA)
Tormentero, di Rubén Imaz (Messico – Colombia – Repubblica Dominicana)
Tout Nous Sépare, di Thierry Klifa (Francia)
Trouble No More, di Jennifer Lebeau (USA)
Life & Nothing More, di Antonio Méndez Esparza (Spagna – USA)
Who Are We Now, di Matthew Newton (USA)
The Breadwinner, di Nora Twomey (Irlanda – Canada – Lussemburgo)
Mazinga  Z Infinity, di Junji Shimizu (Giappone)
Saturday Church, di Damon Cardasis (USA)

INCONTRI RAVVICINATI
David Lynch (al quale verrà consegnato il Premio alla Carriera)
Xavier Dolan
Rosario Fiorello
Jake Gyllenhaal
Phil Jackson
Ian McKellen
Nanni Moretti
Michael Nyman
Chuck Palahniuk
Gigi Proietti
Vanessa Redgrave
Christoph Waltz

TUTTI NE PARLANO
Babylon Berlin, di Tom Tykwer, Achim von Borries e Henk Handloegten (serie tv, Germania)
Insyriated, di Philippe Van Leeuw (Belgio – Francia – Libano)
Hostages, di Rezo Gigineishvili (Georgia – Polonia – Russia)
The Party, di Sally Potter (Regno Unito)
A Prayer Before Dawn, di Jean-Stéphane Sauvaire (Francia – Regno Unito)
Promised Land, di Eugene Jarecki (USA – Germania)

EVENTI SPECIALI
The Place, di Paolo Genovese (Italia), film di chiusura
Nysferatu – Symphony of a Century, di Andrea Mastrovito (USA)
Da’wah, di Italo Spinelli (Indonesia)
Spielberg, di Susan Lacy (USA)

About the author
La redazione

Leave your comment


         




Back to Top