LOGO
,

Transformers 5 – L’ultimo cavaliere: Le scene in anteprima mondiale

Transformers 5 – L’ultimo cavaliere: Le scene in anteprima mondiale
“Questo sarà l’ultimo”, aveva detto Michael Bay in occasione di Transformers 4, ma poi l’occasione di realizzare il primo film in assoluto girato totalmente per IMAX 3D, con doppia cinepresa per dare una profondità e una nitidezza che non si potrebbero ottenere al computer, è stata una tentazione troppo forte. Così un team di 14 sceneggiatori per due mesi consecutivi ha lavorato su quattordici scenari diversi per un sequel che fosse all’altezza della tecnologia usata. Ci saranno riusciti? È un po’ presto dirlo.
Ieri siamo andati all’IMAX dello Skyline di Sesto San Giovanni per lo sneak peek in contemporanea mondiale: una ventina di minuti di varie scene, ovviamente non ancora doppiate, e – delusione – ce le hanno mostrate in 2D. Ma come? Siamo in una sala IMAX, fateci vedere almeno cinque minuti del film in 3D!
Però ragazzi, che scene! Si parte con una battaglia ai tempi di Re Artù (interpretato da Liam Garrigan, che guarda caso ha interpretato lo stesso ruolo in “C’era una volta”), su infiniti prati verdi: un combattimento che non ha nulla da invidiare alla saga de Il Signore degli Anelli. Certo, è un po’ spiazzante: immaginavamo di partire subito coi robottoni e invece ci ritroviamo nel Medioevo, con tanto di Mago Merlino ubriaco. Mentre ci chiediamo il perché di questa scelta, veniamo catapultati ai “nostri giorni”, con Cade Yeager (Mark Wahlberg) che salva dai militari un gruppo di ragazzini e una misteriosa ragazza, Izabella (Isabela Moner): è caccia ai robot, Transformers compresi, e agli umani che li aiutano. Il gruppetto però riesce a sfuggire e finalmente ecco svelato il legame temporaneo col Medioevo: cade è il prescelto, dai tempi della Tavola Rotonda, per una missione importante, da cui dipende il destino del mondo e dei Transformers. Sì, proprio così: i cavalieri di Re Artù erano 12 e per ognuno di loro era presente un Transformer. A svelarlo è niente meno che Sir Edmund Bunton (Anthony Hopkins), un conte apparentemente un po’ suonato, che gestisce una sorta di ospizio per Autobot nel proprio castello. Per portare a termine la missione, Bunton ha rapito anche una (bellissima) professoressa universitaria (Laura Haddock).
Con questi intrecci, salti temporali e gli effetti speciali la carne al fuoco è davvero tanta e lo spettacolo si prefigura grandioso per gli amanti del genere. Gli sguardi degli appassionati in sala e le loro reazioni sui social parlano da soli: vorrebbero che l’uscita del film fosse domani. Vogliono saperne di più: Optimus Prime si vede ma per poco, cosa gli è accaduto? E tutti, anche noi, concordiamo su una cosa: un film girato interamente per l’IMAX 3D non poteva che farlo Michael Bay. Si prefigura uno spettacolo per gli occhi il 22 giugno: segnatevi la data!

Di: Ana Churra Fella
About the author
La redazione

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top