LOGO
,

Addio ad Andrzej Wajda, raccontò la Polonia di Lech Walesa

Addio ad Andrzej Wajda, raccontò la Polonia di Lech Walesa

L’Europa perde uno dei suoi maestri. Si è spento nella notte di ieri Andrzej Wajda, 90 anni, regista polacco due volte vincitore della Palma d’Oro al Festival di Cannes e premiato anche nel 2000 con l’Oscar alla carriera. Nato nel 1926 a Suwalki, cittadina nel nord della Polonia, Wajda è stato uno dei maggiori rappresentanti del cinema dell’est europeo e il più grande cantore della Polonia, di cui ha narrato prima la lotta contro l’invasione nazista, che lo aveva visto impegnato in prima persona già da adolescente, e poi la ribellione al potere sovietico.

Il suo capolavoro, L’Uomo di Ferro (1981), ripercorre la storia dello sciopero dei cantieri di Danzica, dell’ascesa del movimento di Solidarnosc e del suo leader Lech Walesa, che compare nel film nella parte di sé stesso. Secondo capitolo di un ideale trilogia insieme a L’uomo di Marmo (1976) e a Lech Wales – L’uomo della speranza (2013), l’Uomo di Ferro gli valse la vittoria a Cannes dove si era già imposto qualche anno prima con Senza Anestesia (1976).

La denuncia dei crimini contro il suo paese era passata anche nel 2007 attraverso il film Katyn, ricostruzione dell’eccidio perpetrato da agenti dell’Nkvd, la polizia segreta di Mosca, nella quale persero la vita circa 8mila ufficiali e 14mila civili polacchi a seguito dell’occupazione della parte orientale della Polonia nel 1939. Episodio molto sentito dal regista, che in quel massacro perse anche il padre, ufficiale di Cavalleria che era stato preso prigioniero.

La morte di Wajda arriva a pochi giorni dalla sua visita programmata alla Festa del Cinema di Roma, dove il regista avrebbe dovuto presentare il suo ultimo film, Afterimage, dedicato alla vita del pittore Wladyslaw Strzeminski, preso di mira dal regime filosovietico per non essersi voluto piegare ai dettami del “Realismo socialista”, lo stile imposto agli artisti dal Partito Comunista.

About the author
Marcello Lembo

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top