LOGO
,

Pets – Vita da animali: promesse non mantenute

Pets – Vita da animali: promesse non mantenute

Mostrato in anteprima alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia lo scorso settembre, dal 6 ottobre arriva finalmente in Italia Pets – Vita da animali, ultima fatica in casa Illumination Entertainment che ci racconta cosa fanno gli animali domestici quando i loro padroni sono fuori casa.

2stelle

Quasi tre minuti di trailer che promettono tanto, ma che vengono traditi da 98 minuti di film. Pets – Vita da animali, in uscita in Italia il prossimo 6 ottobre, quasi cinque mesi dopo la prima distribuzione in Regno Unito, non mantiene le promesse, anzi, esaurisce nei primissimi minuti tutto il suo potenziale.
Il terrier Max vive a New York con la sua padrona Katie. Un giorno Katie porta a casa Duke, un altro cane con il quale nasce subito una forte rivalità. Ma i due dovranno unire le loro forze per combattere la minaccia proveniente dal coniglio Nevosetto e la sua banda di amici, che hanno giurato vendetta verso tutti gli animali domestici e i loro padroni.

Chris Renaud (che ha firmato i due film di Cattivissimo Me e il suo spin-off dedicato ai Minions) e Yarrow Cheney sono alla regia di questa commedia d’avventura che abbonda di adrenalina, mettendo da parte le emozioni. Quello che abbiamo davanti è un prodotto di puro entertainment, che si rivolge ad un target preciso (i giovanissimi) e che non lascia un minuto per respirare. Rese ancora più avvincenti dalla straordinaria colonna sonora del Premio Oscar Alexandre Desplat, le rocambolesche avventura di Max & Co. hanno un ritmo molto serrato: non si fa in tempo a metabolizzare un inseguimento, una fuga o un salvataggio, che subito ce ne troviamo di fronte un altro.

Un limite per i grandi, non di certo per i più piccoli spettatori: la luminosità dei colori, l’animazione fluente, la CGI che ancora una volta dimostra la grandezza tecnica della Illumination, sono un piacere per gli occhi. Ma i tanti cliché e stereotipi che vivono nei suoi personaggi, non fanno di Pets – Vita da animali quella pellicola che si lascia ricordare in maniera positiva, anzi, proprio per aver tradito quell’abbuffata di divertimento tanto promessa dal suo trailer, risulta piuttosto una delusione.
Cheney e Renaud scelgono la strada più comoda, quella dell’action e della comicità ad ogni costo (ogni scena ha enormi potenzialità comiche che vengono tutte sfruttate, senza, però, scadere nel banale, bisogna ammetterlo) rifiutando l’originalità e il coraggio di portare qualcosa di nuovo sugli schermi. Un grande peccato, visto il grandissimo potenziale dell’idea di partenza.

About the author
Augusto D'Amante

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top