LOGO
,,,

Festa del cinema di Roma 2016: i film in programma

roma2016

 

Lavoro, politica, arte, musica e diversità. Sono questi i temi che legano tra loro gli oltre 40 film che compongono la Selezione Ufficiale della XI Edizione della Festa del Cinema di Roma, in programma dal 13 al 23 ottobre prossimi. Presentato da Piera Detassis, Presidente della Fondazione Cinema per Roma, e Antonio Monda, direttore artistico della Festa, il programma di quest’anno si muove all’interno di quelle direttrici che già lo scorso anno avevano incuriosito il pubblico: internazionalità (sono rappresentati 26 Paesi), varietà/qualità e discontinuità.
A fare da cornice, l’Auditorium Parco della Musica, ma anche altre zone della Capitale, come l’Eur, ospiteranno proiezioni ed eventi. “Io la considero – ha dichiarato Piera Detassisuna festa mobile o, se il paragone non risulta inopportuno, una festa migrante. Questa è una Festa che vive tra le varie popolazioni che abitano Roma“. Una Festa che non dimentica ciò che succede a pochi chilometri da Roma: “Abbiamo deciso – continua Detassisdi aderire al progetto Io ci sono che ha l’obiettivo di costruire una struttura polifunzionale per le popolazioni colpite dal terremoto dello scorso 24 agosto“. “A tal proposito – interviene Antonio Mondal’intero incasso ricavato dalla proiezione del film La notte non fa più paura di Marco Cassini, che racconta il terremoto in Emilia, sarà devoluto ai terremotati di Amatrice, Accumoli e Arquata del Tronto“.

Il disegno della Festa si adegua a quello dello scorso anno: non ci saranno red carpet eccessivamente mondani, nessuna madrina (come ha dichiarato Monda: “Non siamo un festival e la parola ‘madrina’ non mi piace“), nessun premio, ad eccezione del Premio del Pubblico offerto da BNL – Gruppo BNP Paribas. Tre le Retrospettive: una dedicata a Tom Hanks, che sarà ospite la prima serata della Festa, una alla politica americana (con film come La Nascita di una Nazione di Griffith, Lincoln di Steven Spielberg, o Meet John Doe di Frank Capra), e una al regista italiano Valerio Zurlini. Tra gli Omaggi, segnaliamo quello a Gregory Peck, con la proiezione di Vacanze Romane sulla Scalinata di Trinità dei Monti, recentemente restaurata, e la trasformazione di Via Condotti in un grande red carpet.

La sezione Incontri Ravvicinati ospiterà nomi come quelli di Bernardo Bertolucci, Jovanotti, Paolo Conte, Renzo Arbore, Meryl Streep, Don Delillo, Gilbert & George, Daniel Libeskind, David Mamet, Viggo Mortensen, Oliver Stone, Andrzej Wajda e Roberto Benigni. E tra gli Eventi Speciali, la reunion del cast di Il paziente inglese (Ralph Fiennes, Juliette Binoche e Kristin Scott Thomas), la presentazione di Ritmo Sbilenco, documentario su Elio e le storie tese presentato proprio dalla band, e la partecipazione di Michael Bublé.

Questa, invece, la Selezione Ufficiale dell’XI Edizione della Festa del Cinema di Roma:

7 minuti, di Michele Placido, Italia/Francia/Svizzera
7.19 am, di Jorge Michael Grau, Messico
The Accountant, di Gavin O’Connor, USA/Canada
The Birth of a Nation, di Nate Parker, USA
Captain Fantastic, di Matt Ross, USA
La caja vacìa, di Claudia Sainte-Luce, Francia/Messico
Denial, di Mick Jackson, USA/Regno Unito
The Eagle Huntress, di Otto Bell, Regno Unito/Mongolia/USA
La Fille De Brest, di Emmanuelle Bercot, Francia
Al Final Del Tùnel, di Rodrigo Grande, Argentina/Spagna
Florence Foster Jenkins, di Stephen Frears, Regno Unito
Fritz Lang, di Gordian Maugg, Germania
Genius, di Michael Grandage, Regno Unito/USA
Goldstone, di Ivan Sen, Australia
Hell or High Water, di David Mackenzie, USA
The Hollars, di John Krasinski, USA
Into the Inferno, di Werner Herzog, Regno Unito/Austria
Irréprochable, di Sébastien Marnier, Francia
Immortality, di Mehdi Fard Ghaderi, Iran
The Last Laugh, di Ferne Pearlstein, USA
Lion, di Garth Davis, Australia/Regno Unito/USA
Louise by the Shore, di Jean-François Laguionie, Francia/Canada
Manchester by the Sea, di Kenneth Lonergan, USA
Maria per Roma, di Karen Di Porto, Italia
Land of the Little Paople, di Yaniv Berman, Israele/Palestina
Moonlight, di Barry Jenkins, USA
La Mujer del Animal, di Victor Gaviria, Colombia
The Long Excuse, di Miwa Nishikawa, Giappone
Napoli ’44, di Francesco Patierno, Italia
Noces, di Stephen Streker, Beglio/Francia/Lussemburgo/Pakistan
Afterimage, di Andrzej Wajda, Polonia
Richard Linklater: Dream is Destiny, di Louis Black e Karen Bernstein, USA
The Rolling Stones Olè olè olè!, di Paul Dugdale, Regno Unito
Sword Master 3D, di Tung-Shing ‘Derek’ Yee, Hong Kong/Cina
The Secret Scripture, di Jim Sheridan, Irlanda
Sing Street, di John Carney, Iralanda/Regno Unito/USA
Snowden, di Oliver Stone, USA/Germania
Sole cuore amore, di Daniele Vicari, Italia
Everything else, di Natalia Almada, Messico/USA
La Tortue Rouge, di Michael Dudok de Wit, Francia/Giappone/Belgio
Train to Busan, di Yeon Sang-ho, Corea del Sud
Tramps, di Adam Leon, USA
True Crimes, di Alexandros Avranas, USA/Polonia/Regno Unito
One Last Afternoon, di Joel Calero, Perù/Colombia
Una, di Benedict Andrews, Regno Unito

About the author
La redazione

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top