LOGO
,,

Alice nella città 2016: Da Viggo Mortensen a Max Steel

alice-nella-citta-2016-3-generations1

Film molto forti, a volte anche folli, ma con le radici ben piantate nel reale. Tema dominante: “Crescere nonostante”. La XIV edizione di  Alice nella città (13-23 ottobre), sezione autonoma e parallela della Festa del Cinema di Roma dedicata ai ragazzi e diretta da Gianluca Giannelli e Fabia Bettini, riparte da qui, dall’urgenza del contemporaneo.
Protagonista un’adolescenza che deve vedersela con una realtà ben lontana da quella edulcorata che certi modelli si affaticano ancora a riproporci: “Il segno forte di questa selezione – racconta Giannelli – è rappresentato dall’umanità profonda dei personaggi rispetto alla radicalità delle scelte che devono affrontare. Una risposta a chi li vorrebbe perfetti e allineati ad un mondo che fa del tutto per minare la loro stabilità e che non accetta il fatto che esistono delle pulsioni che possono far detonare una vita. Una reazione ad una spaventosa idea di purezza che nessuna esistenza può garantire”.
Disagio sociale, identità sessuale, formazione e straniamento saranno il filo conduttore  dei film in programma  – 12 opere in Concorso, 3 Fuori Concorso, 2 eventi speciali e 10 titoli nella sezione Panorama.
La famiglia diventa così il luogo dello scontro e della formazione sentimentale come succede in 3 Generation – Una famiglia quasi perfetta, titolo americano sul tema dell’identità sessuale con un cast tutto al femminile: Naomi Watts, Elle Fanning e Susan Sarandon. In concorso anche Captain Fantastic di Matt Ross (già presentato al Sundance e nella sezione Un Certain Regard a Cannes) con Viggo Mortensen – atteso a Roma – nelle vesti di un padre fuori dal comune che guida la famiglia attraverso l’America, sottolineandone contraddizioni e dogmi.

Dal Regno Unito arriva London Town di Derrick Borte, ispirato dalle musiche dei  Clash con Daniel Huttlestone (Into the Woods e Les Miserables), che ha già confermato la sua presenza durante i giorni del festival. È solo il primo di una lunga lista di titoli che testimoniano una forte presenza del cinema europeo: il regista cipriota Petros Charalombous presenterà il suo esordio Boy on the Bridge basato sul romanzo The Land of the Golden Apple di Eve Makis mentre Fatih Akin ritorna sul grande schermo con Goodbye Berlin, l’adattamento del fortunato romanzo per ragazzi di Wolfganf Herrndorf pubblicato in Italia con il titolo Un’estate lunga sette giorni. Dalla Finlandia arriva Little Wing esordio alla regia di Selma Vilhunen già candidata premio Oscar per il suo corto Why do I have to take care of everything?. Una storia tutta al femminile dove l’incapacità di essere adulti toglie il privilegio di vivere l’infanzia di una figlia. Ancora una volta, il Belgio non smette di stupirci presentando due film che tolgono la pelle al reale:  My First Highway, opera prima del promettente Kevin Meul, e Layla M. di Mijke de Jong (Blue bird, Stop Acting Now), storia di un’adolescente olandese-marocchina che si unisce a una cellula islamista in Medio Oriente. E di radicalizzazione parlerà anche Heaven will wait, film francese sui giovani europei arruolati dall’Isis e sulle loro madri.

Atteso invece fuori concorso Fuori Concorso Max Steel di Stewart Jendler, live action ispirato dalla fortunata serie di action figures della Mattel prodotta alla fine degli anni ’90, da cui sono state tratte  anche due serie tv molto amate dai bambini.
Folli e politicamente scorretti i film della sezione Panorama a partire da Swiss Army Man di Dan Kwan e Daniel Scheinert, commedia dell’assurdo con Daniel Radcliffe nei panni di un cadavere che produce flatulenze e Paul Dano; il film-cult dell’ultima edizione del Sundance dove ha ricevuto il premio per la miglior regia.  Da non perdere Nocturama del francese Bertrand Bonello, thriller politico “altamente provocatorio sul terrorismo, l’idealismo corrotto e il materialismo”, visto attraverso le vicende di un gruppo di adolescenti.
Spazio anche all’italiano 2Night di Ivan Silvestrin, la storia di un incontro e di un’unica notte che cambierà le vite dei protagonisti interpretati da Matilde Gioli e Matteo Martari.
Ma la novità di quest’anno si chiama KinoPanorama – Italia, una sezione dedicata alle nuove tendenze del cinema italiano contemporaneo,“una linea di programmazione curata dal Kino, – spiega Massimo Galimberti del Kino Roma- che nel rispetto delle reciproche identità, condivide una mission culturale incentrata sulla formazione e l’educazione cinematografica delle nuove generazioni e sulla scoperta e valorizzazione di un cinema giovane capace di raccontare storie intense e coraggiose nei modi inventivi del cinema indipendente”.
Tra le anticipazioni di un cartellone che verrà annunciato nei prossimi giorni, Acqua di Marzo, il secondo film di Ciro de Caro (regista del fortunato Spaghetti Story) e Mariottide, la nuova serie diretta e interpretata da Maccio Capatonda, che al festival presenterà le prime quattro puntate.
Non sfugge però la scarsissima presenza di film italiani, completamente assenti dal concorso: “Siamo stati saccheggiati da Venezia, mentre altri film come quelli di Paola Randi, Andrea De Sica e Andrea Molaioli non erano pronti”, spiega Giannelli. E aggiunge con una punta polemica: “Non so quanto sia vantaggioso alla fine presentare certi film in festival così roboanti, penso si debba iniziare a prestare attenzione anche ai contesti. Il cinema italiano c’è, ma ci aspettiamo più coraggio”.

TUTTI I FILM

CONCORSO
3 Generation – Una famiglia quasi perfetta
Boy on the bridge
Captain Fantastic
Girl unbound – The war to be her
Goodbye Berlin
Hunt for the wilderpeople
Kubo e la spada magica
Layla M.
Little wing
London town
My first highway
Louise en Hiver
 

FUORI CONCORSO
Cicogne in missione
Max Steel
Rock dog

PANORAMA
2night
Heaven Will Wait
I’m Not A Serial Killer
Kids In Love
Lovesong
Nocturama
Park
Sing Street
Swiss Army Man
X500

 

EVENTI SPECIALI
Ho amici in paradiso di Fabrizio Maria Cortese

 

About the author
Elisabetta Bartucca

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top