LOGO
,

Elvis & Nixon: Appuntamento con la storia

Elvis & Nixon: Appuntamento con la storia

Michael Shannon è il re di Memphis, Kevin Spacey è il presidente del Watergate. Saranno loro i protagonisti di Elvis & Nixon, commedia sopra le righe tratta da un’improbabile storia vera. In sala dal 22 settembre.

3stelle

Il re più adorato, il presidente più detestato. Il musicista di Memphis, il direttore d’orchestra del Watergate. Elvis Presley e Richard Nixon. Sono loro i protagonisti di Elvis & Nixon, commedia diretta dalla regista indipendente Liza Johnson e interpretata da Michael Shannon e da Kevin Spacey, che torna a sedersi al centro dello Studio Ovale, stavolta nel ruolo di un presidente realmente esistito.

Immortalato da una foto che è il documento più richiesto e più venduto degli archivi della Casa Bianca, l’incontro avvenne il 21 dicembre del 1970 e su richiesta di Presley fu tenuto segreto per molto tempo. La sceneggiatura scritta da Joey e Hanala Sagal e dall’attore Cary Elwes si rifà ai racconti dei pochi testimoni oculari, dall’amico personale del Re, Jerry Schelling (interpretato da Alex Pettyfer), ad Egil Krogh (Colin Hanks), braccio destro del presidente degli Stati Uniti.

Con uno stile garbato e leggermente sopra le righe Liza Johnson, qui alla sua quarta regia, ci fa la cronaca di una giornata davvero particolare puntando ovviamente l’obiettivo sui due protagonisti. I due ritratti, di personalità apparentemente opposte, sono animati da una leggera vena macchiettistica, con Spacey costretto a imitare la voce e la postura gobba del presidente più odiato della storia d’America, e Michael Shannon che interpreta un Elvis al tramonto, ossessionato dalla celebrità e dai suoi feticci, che siano occhiali e cinture d’oro, pistole e distintivi di varie forze dell’ordine.

Vuoi perché la storia su Nixon si è già espressa, vuoi perché l’Elvis del film è così lontano dal musicista assurto al rango di icona che Hollywood ci ha sempre raccontato, il ritratto più impietoso e riuscito è proprio quest’ultimo. Una visione iconoclasta e impertinente che trova in un presidente goffo anche nei raggiri, un perfetto contrappunto. Tanti sorrisi, qualche passaggio esilarante (la descrizione dei due “protocolli”) e uno sguardo divertito su vite diverse, opposte, che per due ore trovano una convergenza inaspettata, assoluta e anche tenera. Un sorriso, una stretta di mano, qualche colpo di karate e la magia di Elvis & Nixon è fatta, complici anche dei validi comprimari e due protagonisti talentuosi che, pur limitati dal fardello dell’imitazione e della satira, riescono a dare fisicità e un pizzico di umanità a due personaggi su cui non c’è più molto da aggiungere.

About the author
Marcello Lembo

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top