LOGO
,

Kiki & i segreti del sesso: l’amore al tempo della fantasia

Kiki & i segreti del sesso: l’amore al tempo della fantasia

Campione di incassi in Spagna, Kiki & i segreti del sesso di Paco Leòn arriva in Italia dal 23 giugno. Un racconto corale che più che concentrarsi sulle particolari fantasie erotiche dei suoi protagonisti, racconta l’amore in alcune delle sue tante sfaccettature. E ribadisce il concetto per cui la tolleranza viene prima di ogni altra cosa.

3stelle

Efefilia, dacrifilia, urofilia, arpaxofilia, sonnofilia. Sono solo alcuni dei nomi delle fantasie sessuali che le persone possono avere e l’attore e regista spagnolo, Paco Leòn ha cercato di raccoglierle nel suo ultimo film, Kiki & i segreti del sesso, in uscita il prossimo 23 giugno in Italia.
Campione di incassi in Spagna, con oltre 6 milioni di euro al botteghino, è molto facile intuire il motivo di tanto successo. Sin da subito, con una sequenza di titoli di testa memorabile, Kiki & i segreti del sesso si configura come una pellicola fresca, divertente e più che adatta alla proiezione in questo periodo di prime calure estive.

Cinque storie d’amore raccontate attraverso le bizzarre fantasie sessuali dei protagonisti. Natalia e Alex: giovani e belli, lei ha sperimentato la dendrofilia (l’attrazione che si prova verso gli alberi), ma adesso è attratta dalla arpaxofilia (si eccita se viene derubata) e lui fa di tutto per venire incontro alle sue esigenze e per soddisfarla. Paco e Ana: dopo dieci anni di matrimonio e la volontà di riaccendere il desiderio con l’erotolalia (l’uso di discorsi erotici molto spinti durante il sesso), fanno conoscenza del poliamore grazie all’arrivo di Belén. Maria Candelaria, invece, si eccita solo se vede il suo partner, Antonio, piangere; José Luis, invece, è preso da sonnofilia quando vede sua moglie Paloma dormire; Sandra, infine, è sorda, celiaca, intollerante al lattosio, un po’ nevrotica e terribilmente attratta dai tessuti, soprattutto la seta (efefilia).

Puntando su un gruppo numeroso di attori che perfettamente vestono i panni dei loro personaggi (applausi a Candela Peña, che interpreta Maria Candelaria, e ad Alexandra Jiménez, la nevrotica Sandra), Paco Leòn non fa altro che raccontare l’amore e le sue mille e mille sfaccettature: non a caso il titolo originale è Kiki, el amor se hace. Si potrebbe contestare al regista, però, un certo manierismo nel portare sullo schermo questo racconto: insomma, la pellicola di Leòn non ci mostra niente di nuovo e forse pecca un po’ di superficialità nel raccontare queste fantasie, ma è da premiare la naturalezza e la semplicità che il regista usa per confezionare un film in fin dei conti molto piacevole, che si segue con gusto divertendosi. Remake di un film australiano di qualche anno fa, la pellicola si caratterizza per i suoi colori accesi e la sua freschezza, fino ad arrivare nella scena finale di festa. Ed è subito chiaro il messaggio: fare sesso bene, nella maniera che più ci soddisfa, senza farci prendere da inutili paure, così da vivere in maniera completa l’amore non solo con il proprio partner, ma anche con chi ci sta intorno.

About the author
Augusto D'Amante

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top