LOGO
,

Fuga dal pianeta Terra: alieni vs umani

Fuga dal pianeta Terra: alieni vs umani

In sala dal 28 aprile, Fuga dal pianeta Terra è il film di animazione diretto da Cal Brunker, dove gli alieni diventano eroi che si scontrano contro i brutali e malvagi esseri umani. Uscito negli USA tre anni fa, il film si rivolge principalmente ad un pubblico molto giovane e pur contando su una computer grafica interessante, alla base vi è uno script fin troppo superficiale.

2stelle

 

Uscito nelle sale americane nel 2013, dal 28 aprile arriva nei nostri cinema Fuga dal Pianeta Terra, film diretto da Cal Brunker e popolato da simpatici (e alquanto buffi) alieni blu. Ci troviamo sul pianeta Baab: Scorch Supernova è l’esploratore spaziale più famoso, una celebrità. Suo fratello Gary, invece, dirige le missioni di Scorch dalla centrale della BASA (l’agenzia spaziale di Baab) e lo aiuta in situazioni di pericolo. Dopo aver ricevuto una misteriosa richiesta di aiuto dal Pianeta Oscuro, Scorch parte per i confini dell’Universo. Ma una volta atterrato dovrà affrontare una misteriosa razza aliena: gli esseri umani.

Nel rapporto tra esseri umani e alieni, Brunker cambia la prospettiva: questa volta il punto di vista che ha la meglio è quello dell’extraterrestre. Se in tutto lo spazio si è assistito all’evoluzione verso forme di vita molto intelligenti, sul pianeta Terra le cose sono andate in maniera diversa: dai dinosauri il processo è andato all’indietro, fino alla comparsa dell’uomo, l’essere vivente meno intelligente dell’intero Universo. Forte di questa premessa, Brunker costruisce un film basato sulla presa in giro degli abitanti della Terra (molto divertente la scena in cui Scrotch e Gary cercano informazioni sul Pianeta Oscuro): non che la cosa dia fastidio, anzi, questa prospettiva è forse la parte migliore di tutto il film. Ma la troppo superficiale sceneggiatura che sta alla base di questo film non permette di apprezzare pienamente la pellicola. Tenendo presente il target di riferimento, manca quell’aspetto avventuroso che il film promette nel titolo, ma che poi non regala (la fuga vera e propria è relegata ai pochi minuti che anticipano il finale).

Dall’altra parte, però, Fuga dal pianeta Terra può contare sulla perfezione delle animazioni, affidate alla regia di Adam Wood, che alle spalle ha preziose collaborazioni con la Pixar (Toy Story 2, Alla ricerca di Nemo e alcuni cortometraggi legati a Monsters & Co.). Anche se con una retorica vista e rivista, il messaggio del film punta il dito contro il concetto di superiorità, proponendo una visione che si apre agli altri, a ciò che è lontano dal nostro modo di fare e vedere le cose, così che ognuno sia libero di esprimersi per quello che è senza, però, privare gli altri dello stesso, importante, diritto. Fuga dal pianeta Terra può essere considerato un film d’animazione d’altri tempi, che strizza l’occhio a quell’ingenuità che, in parte, i bambini di oggi hanno perso.

About the author
Augusto D'Amante

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top