LOGO
,,

30° Settimana Internazionale della Critica: Il programma ufficiale

siglasic

 

È la conclusione di un ciclo questo trentesimo compleanno della Settimana Internazionale della Critica (2-12 settembre), sezione autonoma della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia dedicata esclusivamente alle opere prime, che oggi annuncia il suo programma.
Trent’ anni in cui il cinema, la sua fruizione e le possibilità produttive sono cambiate, una celebrazione che coincide anche con la conclusione del triennio di attività del comitato di selezione composto da Francesco Di Pace (Delegato generale), Nicola Falcinella, Giuseppe Gariazzo, Anna Maria Pasetti.
La Sic festeggia così con un cartellone ricchissimo e tante novità a partire dal Premio Saturnia – Sic 30 Special Award a Peter Mullan per Orphans, scelto da una giuria del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani come la migliore opera prima presentata nel corso di questi trent’anni di cinema. Il film del regista e attore scozzese torna in Laguna diciassette anni dopo il suo trionfo nel 1998 proprio alla Sic e giovedì 3 settembre sarà presentato come Evento Speciale d’apertura.
L’altra sorpresa arriva dalla nuova sigla, piccolo gioiello d’animazione affidato a Alessandro Rak, autore de L’arte della felicità presentato alla Sic nel 2013, e ora a lavoro sulla versione animata de La Gatta Cenerentola, adattamento teatrale di Roberto De Simone ispirato all’omonima fiaba contenuta ne Lo Cunto de li Cunti di Giambattista Basile.
L’ultima novità è la pre-apertura del 2 settembre con il film girato in 35mm di un regista cinese con cittadinanza australiana, “di cui ci siamo innamorati alla fine di questo lavoro di selezione, ne avevamo più volte rimandato la visione, poi ci ha davvero conquistato”: si chiama The Family, un colpo di fulmine di 4 ore e 40 minuti “che ci ha fatto venire in mente Viaggio a Tokyo di Ozu e da cui ci aspettiamo molto”. È il lungo viaggio di una anziana coppia di genitori per far visita proprio ai figli, attraverso una Cina in rapida trasformazione, che ripercorre uno dei temi ricorrenti nella maggior parte dei film visti e selezionati: dinamiche familiari, conflitti, disagi generazionali, giovani costretti a vivere soli per assenza dei genitori, spaesamento generale di fronte alla crisi economica.
E di viaggio parla anche l’unico italiano dei sette titoli in concorso, Banat, opera prima di Adriano Valerio, già David di Donatello nel 2014 con il corto 37°4 S. Storia di un percorso di emigrazione al contrario, dalla Puglia in Romania: due giovani, Ivo (Edoardo Gabriellini) e Clara (Elena Radonicich) e il loro incontro fortuito.
Uno sguardo d’autore che caratterizza anche gli altri film selezionati: dal portoghese Montanha di João Salaviza (Palma d’Oro a Cannes e Orso d’Oro a Berlino con due dei suoi corti) all’inglese Light Years di Esther May Campbell (regista di alcuni episodi della serie tv Skins), al turco Motherland di Senem Tuzen, passando per il primo film nepalese a Venezia, Kalo pothi di Min Bahadur Bham, già presente alla Mostra con un suo cortometraggio.
È la famiglia dunque, la protagonista dei 400 film visionati, “famiglie in viaggio che si ritrovano, si separano, si cercano, ma anche storie di scontri, amicizie e solitudini, madri e figlie, padri e figli, in cammino verso un destino incerto”.
“La Sic quest’anno propone un viaggio di persone e con persone che vivono in questo mondo e chiedono di condividerlo, aldilà dei confini. – fanno sapere i delegati della Sic – Dalle opere che abbiamo selezionato emerge questo senso di condivisione”.
A chiudere la manifestazione Bagnoli Jungle, il nuovo film di finzione di Antonio Capuano che nel 1991 vinse la Sic con Vito e gli altri: “Lo abbiamo voluto per la sua straordinari libertà espressiva e capacità di lasciarsi andare al racconto in maniera indipendente”.

TUTTI I FILM IN CONCORSO
Ana yurdu (Motherland/Madrepatria) di Senem Tuzen
Banat (Il viaggio) di Adriano Valerio
Kalo Pothi (The Black Hen/La gallina nera) di Min Bahadur Bham
Light Years (Anni luce) di Esther May Campbell
Montanha (Montagna) di João Salaviza
The Return (Il ritorno) di Green Zeng
Tanna di Martin Butler e Bentley Dean

EVENTI SPECIALI FUORI CONCORSO
Pre-apertura: Jia (The Family/Famiglia) di Liu Shumin
Film di apertura: Premio Saturnia – SIC 30 Special Award Orphans di Peter Mullan
Film di chiusura: Bagnoli Jungle di Antonio Capuano

About the author
Elisabetta Bartucca

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top