LOGO
,

Addio a Sergio Sollima, padre del Sandokan con Kabir Bedi

Addio a Sergio Sollima, padre del Sandokan con Kabir Bedi

Classe 1921, Sergio Sollima si è spento all’età di 94 anni presso la sua casa di Roma nella tarda serata di mercoledì 1 luglio. Padre di Stefano, ideatore e regista delle serie Gomorra e Romanzo Criminale, Sergio Sollima si era diplomato al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, città che gli ha dato i natali, ed ha esordito al cinema dirigendo un episodio del film corale L’amore difficile, insieme a Alberto Bonucci, Nino Manfredi e Lugiano Lucignani, nel 1962.

Il successo di pubblico, però, arriva nel 1967 con La resa dei conti – uno dei film preferiti da Quentin Tarantino – che consacra Sollima come uno dei registi più importanti dello spaghetti western. Grande amico di Sergio Leone, Sollima si dedica al western made in Italy realizzando altri due film: Faccia a faccia (1968) e Corri uomo corri (1968). I suoi western vengono considerati veri e propri film politici, tanto che molte battute pronunciate dai suoi personaggi vengono riprese e usate come slogan dai movimenti dell’estrema sinistra. Non a caso, infatti, uno dei primi personaggi creati dal regista/sceneggiatore, Cuchillo, interpretato da Tomas Milian, era totalmente ispirato a Che Guevara.

Contemporaneamente al western, Sollima si dedica alle spy-story, per poi approdare al genere noir, lavorando con Charles Bronson in Città violenta del 1970. Ma gli anni Settanta segnano una nuova rinascita del regista. Attratto dalla televisione, Sollima inizia a scrivere quello che sarebbe diventato un enorme successo di pubblico: ispirato ai romanzi di Emilio Salgari, Sandokan è stato lo sceneggiato televisivo che ha conquistato grandi e bambini di tutta Italia. Il successo di Sandokan gli permette di ottenere un grande budget per girare, nel 1976, Il corsaro nero, e la sua carriera continua fino al 1998, quando, sempre per la tv, scrive e dirige il film Il figlio di Sandokan.

About the author
La redazione

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top