LOGO
,

Roma, giornata dal barbiere per Zoolander

Roma, giornata dal barbiere per Zoolander

Ciak, motore, azione. Ormai su via Nomentana a Roma sta diventando un tormentone. Calato il sipario su Spectre, il prossimo film di 007, tocca a Zoolander 2 e alla sua satira demenziale sul mondo della moda sbarcare su una delle consolari della Capitale. Stavolta i protagonisti non sono le supercar ma la stella in persona, Ben Stiller.

Dopo qualche ripresa all’interno della Zecca dello Stato e dopo essersi spostato in pianta stabile negli studios di Cinecittà oggi c’è stata la prima esterna per l’attore americano che torna alla regia dopo il bell’exploit de I sogni segreti di Walter Mitty (era l’anno 2013). Appuntamento quindi nel primo pomeriggio allo storico salone da barbiere di Mario Libi, al civico 53 per un set dimesso e circoscritto che per una volta evita di bloccare le strade.

Macchina da presa sistemata sul marciapiede, riflettore gigante sul carrello elevatore e la polizia municipale impegnata a regolare il traffico dei pedoni a bordo strada. E mentre i fan sono costretti a fare avanti e indietro pur di cogliere con lo sguardo la stella di Hollywood seduta sulla sedia da parrucchiere ecco spuntare un ospite molto particolare. Divisa da barbiere, baffetto hipster e molta meno discrezione nell’entrare e uscire dal set, Mika svetta sul resto della troupe grazie anche al metro e 90 di statura. Lontano dagli studios di X-Factor il cantante inglese sarà una delle numerose celebrità ospiti di Zoolander 2 che interpreteranno ruoli di contorno e che con ogni probabilità faranno una puntata a Roma. Per il primo film c’erano David Bowie, Natalie Portman, Claudia Schiffer, Tom Ford, Tommy Hilfiger e Karl Lagerfeld, stavolta i soli sicuri saranno Kim Kardashian e Kanye West ma aspettiamoci altre sorprese.

Dopo un po’ si vede anche Stiller, giacca, camicia, sguardo concentrato. Per gli ammiratori c’è solo l’emozione di un saluto, e l’attore fila dritto al Grand Dragon, ristorante cinese al civico di fianco, che per l’occasione si è trasformato nel quartier generale della Paramount. Qualcuno distratto prova ad alzare il braccio per scattare una foto ma la security interviene neanche fosse l’Area 51. Lo staff mangia tramezzini e cornetti, una signora esasperata si lamenta con la produzione perché vuole tornare a casa e attraversa la strada proprio durante le riprese. Stop, tutto da rifare. Musica allegra in sottofondo, ai curiosi della prima ora se ne aggiungono altri, stessa fila di domande, “ma che stanno facendo? Ma chi c’è?”. Una fan cinese tenta lo scatto col cellulare, i lineamenti stranieri non le risparmiano la ramanzina. Stiller è sempre seduto sulla sedia da barbiere, Mika continua a curargli l’acconciatura. Poi una pausa, il divo sta uscendo. Lo capisci perché davanti gli montano uno schermo bianco, una sorta di paravento, e dove non può la struttura mobile ci pensa la produzione. Ombrelli aperti per nasconderlo nonostante i platani secolari di ombra non facciano economia. Ma per Stiller è solo un attimo, il tempo di una bevanda dissetante e poi si comincia a smontare. Appuntamento domani a via Condotti dove sono attese anche le altre due star del film, Penelope Cruz, Owen Wilson e forse qualche altra guest star.

In collaborazione con Municipioroma.

About the author
Marcello Lembo

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top