LOGO
,,

Uno, anzi due: Maurizio Battista dal teatro al cinema

Uno, anzi due: Maurizio Battista dal teatro al cinema

In sala dal 9 aprile, il film porta su grande schermo gli spettacoli teatrali di Maurizio Battista. Oscillante tra forzature e gag divertenti, rischia però di porre troppi limiti alla veracità e alla spontaneità dell’attore. Notevoli le scene in coppia con Paola Tiziana Cruciani.

2stelle

Uno, anzi due è un film di debutti: quello del regista Francesco Pavolini, qui al suo primo lungometraggio cinematografico dopo le esperienze televisive con Tutti Pazzi per Amore e I Cesaroni, e quello di Maurizio Battista, per la prima volta protagonista di un film (oltre che sceneggiatore). E, come tutti i debutti che si rispettino, la pellicola non è esente da difetti;
e salta subito all’occhio un Battista eccessivamente ingabbiato. Il film infatti, nasce dai divertenti monologhi teatrali che hanno fatto la fortuna del comico romano. L’intenzione di regista e sceneggiatori era proprio quella di riprendere i più famosi sketch del comico e di cucirli insieme in un film che non presentasse una struttura episodica. Pavolini & Co. ci riescono bene, di questo occorre darne atto, ma le stonature ci sono: Battista, che a teatro lavora con brillanti monologhi ispirati al quotidiano, perde al cinema quell’immediatezza che dà incisività e carica comica alle sue battute. Spesso rimane prigioniero dei meccanismi cinematografici e anche la sua prova attoriale subisce dei contraccolpi, dimostrandosi eccessivo in alcune scene.
Dopo una faticosa partenza, il film si riprende e sono le scene tra Battista e Paola Tiziana Cruciani a dare quel minimo di carattere alla pellicola mettendo in scena dei siparietti davvero unici e che fanno ridere di gusto.
Anche le performance di Ninetto Davoli, Ernesto Mahieux e di Claudia Pandolfi, che sorprende tutti con un ruolo fortemente e volutamente macchiettistico, permettono al film di farci sorridere e divertire. In un clima a volte grottesco (vedi la scena del funerale, con un cameo d’eccezione del Mago Silvan), Battista e Pavolini non riescono però ad andare oltre una commedia sciapa, che lascia con l’amaro in bocca soprattutto per una soluzione finale non bene (anzi, per niente) identificata.

Augusto D’Amante

About the author
La redazione

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top