LOGO
,,

71. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica: i film in programma

Venezia71

Annunciato il programma della 71esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, che si terrà a Venezia dal 27 agosto al 6 settembre.

SELEZIONE UFFICIALE

IN CONCORSO
The cut di Fatih Akin (183′)
A pigeon sat on a branch reflecting on existence di Roy Andersson (101′)
99 homes di Ramin Bahrani (112′)
Ghesseha di Rakhshan Bani E’temad (88′)
La rançon de la gloire di Xavier Beauvois (114′)
Hungry hearts di Saverio Costanzo (109′)
Le dernier coup de marteau di Alix Delaporte (82′)
Pasolini di Abel Ferrara (86′)
Manglehorn di David Gordon Green (97′)
Birdman di Alejandro González Iñárritu – film d’apertura (119′)
3 coeurs di Benoît Jacquot (100′)
The postman’s white nights di Andrei Konchalovsky (90′)
Il giovane favoloso di Mario Martone (137′)
Sivas di Kaan Müjdeci (93′)
Anime nere di Francesco Munzi (103′)
Good kill di Andrew Niccol (100′)
Loin des homes di David Oelhoffen (110′)
The look of silence di Joshua Oppenheimer (98′)
Fires on the plain di Shinya Tsukamoto (87′)
Red amnesia di Xiaoshuai Wang (110′)

FUORI CONCORSO
Words with gods di Guillermo Arriaga, Emir Kusturica, Amos Gitai, Mira Nair, Warwick Thornton, Hector Babenco, Bahman Ghobadi, Hideo Nakata, Álex De La Iglesia (129′)
She’s funny that way di Peter Bogdanovich (93′)
Dearest di Peter Ho-Sun Chan (135′)
Olive Kitteridge di Lisa Cholodenko (233′)
Burying the ex di Joe Dante (88′)
Perez.di Edoardo De Angelis (94′)
La zuppa del demonio di Davide Ferrario (75′)
The sound and the fury di James Franco (101′)
Tsili di Amos Gitai (88′)
La trattativa di Sabina Guzzanti (108′)
The golden era di Ann Hui – film di chiusura (178′)
Hwajang di Kwontaek Im (89′)
The humbling di Barry Levinson (112′)
The old man of Belem di Manoel de Oliveira (19′)
Italy in a day – Un giorno da italiani di Gabriele Salvatores (75′)
In the basement di Ulrich Seidl (82′)
The boxtrolls di Anthony Stacchi, Annable Graham (100′)
Nymphomaniac Volume II – Director’s cut di Lars Von Trier (180′)

ORIZZONTI
Theeb di Naji Abu Nowar (100′)
Kreditis limiti (line of credit) di Salome Alexi (125′)
Senza nessuna pietà di Michele Alhaique (98′)
Cymbeline di Michael Almereyda (96′)
La bambina di Ali Asgari (15′)
Io sto con la sposa di Antonio Augugliaro, Gabriele Del Grande, Khaled Soliman Al Nassiry (89′)
Lift you up di Ramin Bahrani (8′)
Ferdinand Knapp di Andrea Baldini (15′)
Da shu di Tao Chen (13′)
La vita oscena di Renato De Maria (85′)
Near death experience di Benoît Delépine e Gustave Kervern (90′)
Réalité di Quentin Dupieux (90′)
Goodnight mommy di Veronika Franz, Severin Fiala (99′)
Mademoiselle di Guillame Gouix (17′)
Castillo y el armado di Pedro Harres (13′)
Hill of freedom di Sangsoo Hong (66′)
Bypass di Duane Hopkins (103′)
Daily bread di Idan Hubel (18′)
The president di Mohsen Makhmalbaf – film d’apertura (115′)
Your right mind di Ami Canaan Mann (90′)
Belluscone, una storia siciliana di Franco Maresco (95′)
L’attesa del maggio di Simone Massi (8′)
Nabat di Elchin Musaoglu (105′)
3/105 di Avelina Prat, Diego Opazo (6′)
Heaven knows what di Josh Safdie, Ben Safdie (94′)
Maryam di Sidi Saleh (17′)
Art di Adrian Sitaru di (19′)
These are the rules di Ognjen Svilicic (75′)
Era apocrypha di Brendan Sweeny (21′)
Court di Chaitanya Tamhane (116′)
Cams di Carl-Johan Westregård (13′)
In overtime di Rami Yasin (13′)

VENEZIA CLASSICI
Gelin di Ömer Lütfi Akad (92′)
Poltrone rosse. Parma e il cinema di Francesco Barilli (90′)
La cina è vicina di Marco Bellocchio (108′)
Tutta la vita in una notte di Robert Bresson (82′)
Suspense di Jack Clayton (100′)
A zonzo per Mosca di Georgij Daneljia (78′)
Umberto D.di Vittorio De Sica (91′)
La maschera di ferro di Allan Dwan (97′)
L’udienza di Marco Ferreri (112′)
Flowers of taipei – New taiwan cinema di Chinlin Hsieh – Guangyin De Gushi – Taiwan Xin Dianying (110′)
Senza fine di Krzysztof Kieslowski (108′)
Senza pietà di Alberto Lattuada (89′)
Maciste alpino di Luigi Maggi, Luigi Romano Borgnetto (97′)
L’avventura di un soldato di Nino Manfredi (25′)
Bulli e pupe di Joseph L. Mankiewicz (150′)
L’uomo di Laramie di Anthony Mann (102′)
Altman di Ron Mann (95′)
Animata resistenza di Francesco Montagner, Alberto Girotto (61′)
Arlecchino di Giuliano Montaldo (8′)
Todo modo di Elio Petri (125′)
L’amore esiste di Maurice Pialat (19′)
Macbeth di Roman Polanski (140′)
I racconti di Hoffmann di Michael Powell, Emeric Pressburger (138′)
Giulio Andreotti. Il cinema visto da vicino di Tatti Sanguineti (94′)
Una giornata particolare di Ettore Scola (110′)
Donne nel mito. Sophia racconta la Loren di Marco Spagnoli (20′)
Da caligari a Hitler di Rüdiger Suchsland (113’)
Soltanto lei sa di Osamu Takahashi (63′)
Gian Luigi Rondi: vita, cinema, passione di Giorgio Treves (74′)
Baci rubati di François Truffaut (90′)

About the author
La redazione
Back to Top