LOGO
,

Song Of Silence: Il silenzio vale più di mille parole

Song Of Silence: Il silenzio vale più di mille parole

Esordio alla regia per il giovane Chen Zhuo che presenta un’opera riflessiva capace di affrontare tematiche socialmente importanti. In sala dal 29 maggio.

3stelleemezzo

Song of Silence è indubbiamente una pellicola da non sottovalutare: l’importanza di questo lavoro è infatti dettata dalla bravura di Chen Zhuo nel miscelare il cinema d’autore con le tematiche socialmente difficili che caratterizzano un popolo, o meglio quello tanto vicino al regista – basti pensare che la location dell’intero film è proprio il paese natio di Zhuo . Il senso di incomunicabilità che trasuda da Song of Silence è disarmante: essere totalmente isolati da uno dei mezzi di comunicazione più importanti di sempre, la parola.
Non è un caso che una delle protagoniste del film sia una povera ragazza sordomuta, Jing (Yin Yaning) vittima di una situazione familiare non propriamente idilliaca – madre e padre divorziati . Il valore della pellicola non è però dovuto unicamente a questa vera e propria “metafora d’autore”; come detto, il film  affronta anche quelle tematiche “scomode” che sono elementi caratteristici della società contemporanea. L’irresponsabilità familiare ad esempio, forte e semi-anarchica nel film, il disorientamento giovanile, figlio sempre di una negligenza a livello genitoriale e situazioni altamente delicate – e a dir poco sfiorate – come incesti ed aborti. Tutto questo collage viene incastonato in una location plumbea, caratterizzata da quel chiaro-scuro  che in qualche modo è in simbiosi con i personaggi.  Come sottolineato dallo stesso Zhuo, il nucleo centrale di Song of Silence è il silenzio, ma allo stesso tempo il canto – inteso come forma di liberazione che costituisce però una rottura – rappresentato da quel parallelismo sinottico che coinvolge sia Jing – appunto il silenzio – che l’altra protagonista del film, Mei (la cantautrice Wu Bingbin). Nonostante però questa sorta di “Yin e Yang “ –  ironico il fatto che una delle due interpreti si chiami proprio Yin –  le due protagoniste si assomigliano esistenzialmente. C’è molto da esaltare in questa opera prima di Chen Zhuo, rifacimento a quel cinema d’autore asiatico che non esiste quasi più, e che cerca in tutti i modi di esortare la massa ad affrontare anche se solo da una poltrona realtà semi-sconosciute. La scelta registica ricorda molto la metrica adottata dal famoso Hou Hsiao-Hsien , tant’è  che Song of Silence rievoca uno dei lavori più conosciuti del regista sopracitato, ossia Goodbye South Goodbye.  Lavoro indipendente, prodotto tra i vari dall’ italiano Gianluigi Perrone (già attivo in lavori come Ritual, Oltre il guado ma anche Morituris), Song of Silence è molto più di una pellicola per palati fini: è il voler tornare a quel neo-realismo d’autore tanto dimenticato.

Alessio Giuffrida

About the author
La redazione

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top