LOGO
,,

Bif&st 2014: Paolo Sorrentino, la ‘mia grande bellezza’

Bif&st 2014: Paolo Sorrentino, la ‘mia grande bellezza’

L’aria trasognata, lo spirito sfuggente di chi non ha mai fatto nulla per camuffare i lati più schivi e scostanti di sé, l’ironia dell’artista che a volte sa anche concedersi una pausa per raccontarsi. Non era facile farlo davanti alla platea del Petruzzelli a Bari, in una Lezione di cinema che diventa l’occasione per ripercorrere in compagnia del pubblico alcuni momenti della propria carriera, rivelarsi, scoprirsi – più di quanto non sia abituato a farlo –  e ricevere il Fellini Platinum Award. Così Paolo Sorrentino arriva al Bif&st, dopo sei film e l’Oscar per La grande bellezza: discusso, voluto, atteso per alcuni, e chiacchierato, contestato e odiato da altri.

“Pensavo che si sarebbero scatenate reazioni di questo genere quando girai Il Divo visto la delicatezza dell’argomento – confessa – Accadde lo stesso, ma in maniera molto più misurata che per questo film atipico e apparentemente destinato a non dover far discutere. Sono misteriosi e insondabili i meccanismi per cui un film scateni delle reazioni così esasperate, forti e contrastanti. Non ho gli strumenti per capirlo.

L’incontro al Bif&st è anche il momento per “farsi ascoltare” e raccontare La grande bellezza lontano dalla bulimia mediatica che lo ha fagocitato: “Di fatto non sono stato ascoltato, tutti hanno parlato di questo film, tutti volevano parlarne… anche io, ma poi è diventato troppo tardi.
Volevo raccontare tutto, non solo Roma o l’ Italia, ma tutti gli stati d’animo possibili o le possibili forme di disperazione e gioie degli esseri umani, di bellezza e di bruttezza. Era questo il tentativo malsano del film”.
Interpretato ancora una volta da Toni Servillo, un sodalizio artistico che di certo non cominciò nel migliore dei modi: “Fu una telefonata tragicomica quella in cui lo chiamai per fargli leggere il copione de ‘L’uomo in più’. Servillo mi disse: ‘Perchè vuoi fare il regista? Hai scritto una bella sceneggiatura, fallo dirigere da un altro’. E poi invece realizzammo il primo film insieme”.

Poi Sorrentino racconta di aver iniziato a fare il regista “per un senso di rivalsa” che negli anni ha lasciato spazio allo sperimentatore di linguaggi, all’esteta, all’artista nostalgico:“La regia è il rifugio del dilettante concentrato, prevede la possibilità di avere un atteggiamento da dilettante ma richiede un livello concentrazione molto alto e duraturo. Non necessariamente i bravi registi sono quelli che hanno una conoscenza approfondita delle tecniche e dei mezzi”.

E sul cinema italiano ha le idee chiare: “Per affermarsi il cinema, soprattutto quello italiano – legato a una lingua che si parla solo qui – ha bisogno di  lavorare su più binari: sulle idee ma anche sul linguaggio. Negli ultimi anni si lavora solo sulle idee, ritenendo che stile e forma siano il rimorchio di quell’idea. Ma lavorare solo sulla sceneggiatura può andar bene solo per il cinema americano che ha un linguaggio penetrante e forte. Il cinema comincia a invecchiare, viene affiancato se non sorpassato dalla tv che vive un felice momento di sperimentazione; il cinema arranca e allora spesso è necessario trovare delle forme nuove di linguaggio, non è facile ma è ciò che si deve fare per realizzare un buon film”.
Assoluto silenzio invece sul prossimo film, l’unica certezza è che cambierà cambierà titolo e sarà con Michael Caine: “Non si chiamerà più ‘Il futuro’. Quel titolo non ci convinceva molto, ma non siamo ancora completamente sicuri del nuovo. Sto facendo dei sopralluoghi e scegliendo gli attori. Non posso raccontare di un film che devo ancora fare”.

About the author
Elisabetta Bartucca

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top