LOGO
,

Gli Abiti del Male: i sette vizi capitali secondo Matteo Tarasco

Gli Abiti del Male: i sette vizi capitali secondo Matteo Tarasco

L’unico peccato è non avere vizi. Questo è il leitmotiv dello spettacolo ideato da Matteo Tarasco, regista teatrale emergente che ha saputo brillantemente mettere in scena (lo scorso 31 ottobre tra gli spazi di Visiva – Città del’immagine a Roma) i sette vizi capitali ne “Gli Abiti del Male” dirigendo sette attrici, ognuna delle quali ha interpretato un peccato diverso. Viviana Altieri, Elvira Berarducci, Linda Gennari, Natalia Giro, Maria Cristina Maccà, Giulia Santilli e Chiara Spoletini sono state perfette nel dare il volto ai vizi capitali, cogliendone le caratteristiche fondamentali e coinvolgendo gli spettatori in un percorso di crescita e di introspezione lungo il quale mettersi a nudo esplorando i lati più oscuri del loro animo.

Matteo Tarasco, già noto per aver lavorato al fianco di Gabriele Lavia, Mariano Rigillo, Monica Guerritore, Giuseppe Cederna, Jerzy Sturh, Laura Lattuada, Simona Marchini e Tullio Solenghi, regista di più di venti spettacoli – tra i quali l’ “Odissea” di Omero, versione integrale di 18 ore, la “Bisbetica Domata” di Shakespeare, per un cast di soli uomini, le “Nozze di Figaro” di Beaumarchais, “Quando si è capito il giuoco” di Pirandello, “Le Affinità Elettive” di Goethe, “Il Burbero Benefico” di Goldoni, “Alice” con Romina Mondello – ha realizzato in collaborazione con il fotografo Pino Lepera una performance interattiva della durata di 15 minuti circa, che si è ripetuta durante la serata dello scorso giovedì 31 ottobre, coinvolgendo gruppi di 10/15 persone alla volta nella visione dello spettacolo. Gli ampi spazi di Visiva, la città dell’immagine hanno saputo accogliere e condurre gli spettatori in un labirinto di sensazioni tattili, olfattive, uditive e visive attraverso le stanze e corridoi dove le sacerdotesse del male si sono esibite ammaliando e suscitando emozioni nuove ed una spontanea propensione al peccato.

Mariangela Di Serio

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top