LOGO
,

Rosaria Russo: moglie, madre e ‘dark lady’

Rosaria Russo: moglie, madre e ‘dark lady’

Nel suo ultimo lavoro da regista, “Il Pasticciere” (in sala dal 30 ottobre), Luigi Sardiello si diverte a orchestrare un noir d’altri tempi condito da toni comici: nel cast con Antonio Catania, Ennio Fantastichini e Emilio Solfrizzi, anche Rosaria Russo, la bella e brava attrice siciliana che nel film interpreta una dark lady senza scrupoli.
Divisa tra cinema, teatro e televisione, la Russo è un’artista eclettica in grado di passare con estrema professionalità da un ruolo all’altro come già abbiamo potuto apprezzare nel film precedente di Sardiello, “Il Piede di Dio”, o al fianco di Valeria Solarino e Maurizio Micheli in “Valzer”, o ancora con Antonia Liskova e Maria De Medeiros in “Riparo”.
Diversi i suoi impegni anche sul piccolo schermo: dall’episodio “Mork e Mindi” della serie ‘Crimini’, a “Don Matteo” e “Rex”, passando per “Distretto di Polizia 7”, “Ho sposato uno sbirro”, “Caterina e le sue figlie”, e “Il Sangue e la Rosa”.
Una professionista sul lavoro, una donna comune nella vita quotidiana, con i suoi impegni di moglie e di mamma.

Iniziamo a parlare di Angela, il tuo personaggio nel film “Il pasticciere”
Sono la protagonista femminile del film. Angela è una dark lady, un angelo dannato con un passato difficile. Il suo scopo è quello di fregare il prossimo, poi conosce Achille, un uomo sensibile che cambia la sua vita…

Come è nata la passione per questo lavoro?
Da piccola mi portavano spesso a vedere film al cinema, poi dopo il liceo ho deciso di lasciare la mia Sicilia, trasferirmi a Roma e tentare questa strada. Diciamo che non era qualcosa che sognavo da piccola, o forse sì (?). Potrei dire che è stata una scelta fortuita, anche se credo che nella vita non ci sia nulla di casuale.

Che donna è Rosaria nella vita quotidiana?
Una persona semplice, una mamma, una moglie, una donna del sud che crede molto nei valori della famiglia e dell’amicizia.

L’ultimo film che hai visto al cinema?
“Una piccola impresa meridionale” di Rocco Papaleo.

E dopo “Il pasticciere”?
Sarò la protagonista femminile accanto a Gianmarco Tognazzi in “Eppideis” di Matteo Andreolli, poi in “L’attesa”, opera prima di Tiziana Bosco; sarò anche qui la protagonista femminile insieme a Luca Lionello. Per il nuovo anno è in cantiere un film su Rodolfo Valentino. A teatro invece debutterò subito dopo Natale a Roma con lo spettacolo “Morendo per la felicità”.

Giovanni Bonaccolta

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top