LOGO
,,

Carlo Verdone testimonial per il sociale

Carlo Verdone testimonial per il sociale

Ammirabile Carlo Verdone. L’attore celebre per i suoi eccentrici personaggi, espressione di una romanità che per molti lo colloca di diritto fra gli eredi di Alberto Sordi, torna a far parlare di sé, questa volta però non con un film ma con uno spot per il sociale. Da sempre Verdone ha mostrato interesse per la medicina, dimostrandolo in molte pellicole e in diversi sketch; in questa particolare occasione il comico romano è protagonista del nuovo spot della campagna di sensibilizzazione sulla fibrosi cistica, la malattia genetica molto diffusa in Italia e per la quale non esiste ancora una cura definitiva.

Prodotto dalla Fondazione per la ricerca sulla fibrosi cistica onlus nell’ambito della campagna solidale 2013  e, nato da un’idea dello stesso Verdone e di Renzo Gambi,  un avvocato fiorentino suo amico, lo spot , della durata di 30 secondi,  andrà in onda sulle emittenti televisive e radiofoniche e in tutti i circuiti locali.
Il video sarà presentato domani mattina alle 11.30 a Roma, sulla Terrazza degli Aranci del Rome Cavalieri – Waldorf Astoria Hotel & Resorts. L’incontro, moderato dal regista Giovanni Bogani, prevede gli interventi dell’attore romano e di Matteo Marzotto e Graziella Borgo, rispettivamente cofondatore e vice direttore scientifico della Fondazione .

Dall’ 11 al 20 ottobre sarà attivo il numero solidale 45507, dal quale si potrà inviare un sms  donando 2 euro (da rete mobile Tim, Vodafone, Wind, 3, PosteMobile, CoopVoce e No’verca e fissa Telecom Italia, Infostrada, Fastweb, TeleTu e TWT). La campagna di raccolta fondi è collegata al progetto di ricerca FFC#17/2012, inerente allo studio del ruolo dell’endotelio vascolare nell’infiammazione causata dalla fibrosi cistica e abilmente coordinato da Mario Romano del Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università Chieti-Pescara.

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top