LOGO
,

Black Star: Storie di popoli uniti dalla magia

Black Star: Storie di popoli uniti dalla magia

Ispirata alle avventure di una vera squadra di calcio di rifugiati, la pellicola di Francesco Castellani si prepara a sbarcare in sala dal 10 ottobre.

4stelle

Uno spaccato sulla società contemporanea, composta da individui apparentemente in conflitto per diversità di razza, cultura, opinione ma che in realtà non sono altro che le diverse facce di una stessa medaglia , sospesa nel vuoto e in cerca di una forma di stabilità.
I protagonisti  di “Black Star – Nati sotto una stella nera” sono dei ragazzi accumunati dallo stesso bisogno di certezza, solidità e dalle stesse paure che animano i giovani d’oggi assillati dal male di vivere del nostro tempo. Il film incarna l’attuale crisi socio-politica e morale, la precarietà del lavoro e degli affetti alla quale però non bisogna cedere negativamente: il cammino indicato da questa storia è quello che guarda in avanti verso un superamento capace di far emergere i sentimenti positivi e gli slanci istintivi necessari a cambiare la situazione.

Il film è ispirato alla Liberi Nantes Football Club, una vera squadra di calcio di rifugiati e racconta una disputa di quartiere  a causa di campo abbandonato, sul quale si metteranno a nudo le tensioni,  i conflitti interiori, i bisogni e i desideri più nascosti di ogni personaggio.
“ Black Star” non è concepito dal regista Francesco Castellani come un film sulla migrazione, ma vuole essere una metafora della fratellanza tra individui e un rafforzativo della tenacia con cui tutti gli esseri umani, migranti e non , lottano per sostenere i propri progetti e realizzare i propri obiettivi.

Lo spirito che accomuna il tutto è concentrato nello slogan ‘Free to Play’, liberi di giocare, l’ispirazione cioè ad uno spazio di gioco che è anche di vita e di espressione.
Castellani tesse magistralmente le tele di una sceneggiatura ricca di emozioni e inserisce in modo del tutto naturale l’espediente della magia, quella goccia che rende possibile l’avverarsi delle cose e la presa di coscienza. Meravigliose le musiche, alcune delle quali regalate dal maestro Ennio Morricone e la canzone ‘Black Star’, scritta proprio per il film dai Buffalo Kill, gruppo di artisti della provincia di Caserta, i cui testi e le  work song blues raccontano storie di vita di una terra difficile.

Mariangela Di Serio

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top