LOGO
,

Il mondo di Mad: Fashion e glamour nella Milano da bere

Il mondo di Mad: Fashion e glamour nella Milano da bere

La regista Anna Di Francisca mostra la moda italiana attraverso lo sguardo della disegnatrice Maddalena Sisto.

3stelleemezzo

La moda italiana è oggi sinonimo di creatività e stile. Armani, Ferré, Fiorucci, Missoni, Versace… provengono tutti dallo stesso luogo e sono fioriti in pochi decenni. Prima di allora Milano era soltanto una città con una ricca tradizione di sartorie e industrie tessili.
Tutto inizia sul finire degli anni sessanta. I sarti italiani prendono ispirazione dai movimenti di protesta giovanili per dare nuova forma ai sogni femminili. E la moda, dalla Haute Couture al Prêt-à-Porter, va di pari passo con la lotta delle donne per la parità di diritti. La rivoluzione nella moda si evolve rapidamente e segue le tendenze sociali che vedono le donne acquistare sempre più ruoli di potere (e abiti) e sarti giovani e talentuosi diventare famosi.

Poi esplode il branding e Milano balza in alto diventando il centro mondiale della moda.
Maddalena Sisto, MAD per i lettori di Vogue, Elle, The New Yorker, del Corriere della Sera, è testimone di questi mutamenti e li descrive sotto forma di straordinari schizzi e disegni. Eccentrica, ironica, con uno sguardo lieve alla “Amelie”. Registra ogni tendenza suggerita dagli stilisti milanesi e racconta come la moda sviluppa e influenza la vita delle donne italiane. A tal punto che le sue “signorine” sottili e slanciate giungono a rappresentare i desideri, le paure e le fantasie delle donne di oggi.

Ci ha lasciato oltre 12.000 disegni insieme ai suoi diari personali e ai video del suo lavoro nel campo della moda. Tutto ordinatamente e metodicamente raccolto dal marito.
Il mondo di Mad è la storia di Maddalena e della moda italiana. Dei suoi disegni, animati per il film, dei designer di moda che amavano il suo lavoro e il modo in cui lei riusciva a prevedere dove le loro stesse idee li avrebbero portati. Con un occhio  libero, sensuale e glamorous.

Francesca Bani

 

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top