LOGO
,

Venezia 70., Tutti i film in programma

Venezia 70., Tutti i film in programma

Annunciato alla stampa il cartellone della 70esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, diretta da Alberto Barbera.

Tre gli italiani in concorso (L’intrepido di Gianni Amelio, il docu-film Sacro G.R.A. di Gianfranco Rosi e Via Castellana Bandiera, documentario opera prima della regista teatrale Emma Dante).
Venti film in concorso, tra i quali due documentari (quelli di Rosi e Morris), fatto inedito per un festival. Significativa rappresentanza americana, come di consueto, con ben cinque titoli in gara (John Curran, Errol Morris, David Gordon Green, Kelly Reichardt e James Franco), tre gli inglesi (Terry Gilliam, Stephen Frears e Jonathan Glazer).
In generale pero’ si segnalano in corsa per il Leone d’Oro pellicole da tutto il mondo, Tracks di John Curran, Miss Violence di Alexandros Avranas, Tom a la femme di Xavier Dolan, Under the Skin di Jonathan Glazer, Child of God di James Franco, Night Moves di Kelly Reichardt, Kaze Tachinu di Hayao Miyazaki, The Unknown Known: The Life and Times of Donald Rumsfeld di Errol Morris, Les Terrasses di Merzak Allouache, Joe di David Gordon Green, Philomena di Stephen Frears, Die Frau Des Polizisten di Philip Groning, Ana Arabia di Amos Gitai, La Jealousie di Philippe Garrell, The Zero Theorem di Terry Gilliam, Joaoyou di Tsai Ming Liang e l’opera prima di Peter Landesman Parkland.
Ma proviamo ad analizzare tutti i film in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia numero 70′, a cominciare dai colori italiani.

Il protagonista de L’intrepido, commedia amara del regista di Lamerica sarà Antonio Albanese che interpreterà un personaggio dall’animo buono, un puro di cuore…
Il primo doc in concorso è l’italianissimo Sacro GRA del Maestro Gianfranco Rosi, premiato proprio a Venezia lo scorso anno con un meritatissimo Leone alla carriera.
GRA sta per Grande Raccordo Anulare, la strada che circonda la capitale e che tutti i romani conoscono. Il regista ha vissuto attorno al GRA muovendosi in camper per oltre un anno per raccogliere le storie di chi vive intorno alla grande strada-cintura della città eterna.
La regista teatrale Emma Dante arriva al Lido con il suo primo film, tratto dal suo romanzo omonimo. La storia di Via Castellana Bandiera è ambientata a Palermo. Protagonista è un duello al femminile, definito “forte e silenzioso, testardo e insolente, in una Sicilia fuori dal tempo.
Volando sul programma del concorso veneziano trovamo che James Franco sarà in concorso con la trasposizione di un romanzo di Cormac McCarthy: Child of God (Figlio di Dio). La storia si concentra sulla figura di Lester Ballard, un uomo che vive praticamente in “esilio”, ai margini della società.
Torna a Venezia anche Amos Gitai con Ana Arabia, con Yuval Scharf e Sarah Adler. Film coprodotto da Israele e Francia.
Dall’Inghilterra arriva Philomena, il nuovo film di Stephen Frears. Basato su una storia vera, il film è incentrato su Philomena Lee (interpretata da Judi Dench), una donna irlandese costretta a dare in adozione il figlio illegittimo. Torna a Venezia Philippe Garrelle con il suo La jalousie.
La sceneggiatura è centrata su un uomo di trent’anni che vive con una donna in un appartamento ammobiliato. E’ una storia d’amore. Ma quest’uomo ha un’altra donna con cui ha avuto un bambino, che ha abbandonato.

In concorso anche The zero theorem, il nuovo film di Terry Gilliam, con Christoph Waltz, Tilda Swinton, Matt Damon, David Thewlis e Melanie Thierry, il film, ambientato in un futuro orwelliano, racconta la storia di un uomo alle prese con un teorema che potrebbe svelare il senso della vita.
La bella Scarlett Johansson è la protagonista di Under the skin, il film in concorso di Jonathan Glazer. Protagonista è Isserley, un’aliena dalle sembianze umane che percorre più volte al giorno le autostrade deserte a caccia di prede umane sfruttando la sua avvenenza fisica come esca. Le cose cambiano quando Isserley inizierà a vedere diversamente gli umani ed entrerà in conflitto con la sua natura extraterrestre.
Sempre in tema di star di Hollywood Nicholas Cage è il protagonista di Joe, il fim in concorso del regista americano David Gordon Green. Ambientato in Texas, il film racconta la storia dell’ex-detenuto Joe Ransom che cerca di mettersi il passato alle spalle e di vivere una vita semplice…
Anche l’Algeria rappresentata alla Mostra del Cinema 2013 con Merzak Allouache e il suo Les Terrasses, un dramma intimo che raggiunge il suo epilogo su una terrazza di un vecchio edificio a Bab El-Oued, un quartiere a nord di Algeri.
La Grecia in concorso con Alexandros Avranas e il suo Miss Violence. La storia della morte di Angeliki nel giorno del suo undicesimo compleanno. La caduta dal balcone e la morte con il sorriso in faccia.
Arriva dall’Australia il film di John Curran, Tracks, con Mia Wasikowska e Adam Driver, tratto dal romanzo di Robyn Davidson in cui racconta un viaggio di nove mesi in cammello attraverso il deserto australiano.
E’ un film a tematica gay quello del canadese Xavier Dolan, Tom à la ferme.
Tratto dalla pièce teatrale di Michel Marc Bouchard, parte dal dolore del protagonista Tom per la perdita del compagno per arrivare alla scoperta che la famiglia del suo partner nulla sapeva del suo orientamento sessuale né della loro relazione…
A rappresentare la Germania in concorso ci pensa Philip Groning con il suo Die Frau des Polizisten (La moglie del poliziotto). si tratta della storia di una giovane famiglia: un uomo, una donna, un bambino. Ma scoppia una lite tra marito e moglie e la donna fa tutto il possibile per salvare l’anima del bimbo…
Unico film d’animazione in concorso è quello del maestro giapponese Hayao Miyazaki Kaze Tachinu (S’alza il vento). Protagonista è Jiro Horikoshi il designer del caccia Mitsubishi A6M Zero usato nella Seconda Guerra Mondiale dall’esercito giapponese.
Come detto faranno parte del cartellone di Venezia 70 ben due documentari in concorso. Ci sarà il regista statunitense Errol Morris con The unknown known: the life and times of Donald Rumsfeld. Un’intervista con l’ex segretario alla difesa degli Stati Uniti con i presidenti Ford e George W. Bush: è contemporaneamente la persona più giovane e la più anziana ad aver ricoperto questo incarico.
In concorso anche l’America off, con l’ultimo film della regista indipendente Kelly Reichardt, Night Moves, che racconta la vicenda di alcuni eco-terroristi che pianificano di far saltare in aria una diga.
Dulcis in fundo in concorso c’è anche Taiwan con il regista Ming-liang Tsai, che si ripromette di stupire con il suo ultimo film Jiaoyou (Cani randagi).


TUTTI I FILM IN PROGRAMMA

 

SELEZIONE UFFICIALE

 

In concorso
The Rooftops di Merzak Allouache
L’intrepido di Gianni Amelio
Miss Violence di Alexandros Avranas
Tracks di John Curran
Via Castellana Bandiera di Emma Dante
Tom à la ferme di Xavier Dolan
Child of God di James Franco
Philomena di Stephen Frears
La jalousie di Philippe Garrel
The Zero Theorem di Terry Gilliam
Ana Arabia di Amos Gitai
Under the Skin di Jonathan Glazer
Joe di David Gordon Green
The Police Officer’s Wife di Philip Gröning
The Wind Rises di Hayao Miyazaki
The Unknown Known: The Life and Times of Donald Rumsfeld di Errol Morris
Night Moves di Kelly Reichardt
Sacro GRA di Gianfranco RosI
Stray Dogs di Tsai Ming-Liang
Parkland di Peter Landesman

Fuori Concorso
Capitan Harlock di Shinji Aramaki
Gravity di Alfonso Cuarón (Film di apertura)
Moebius di Kim Ki-duk
Locke di Steven Knight
Unforgiven di Lee Sang-il
Wolf Creek 2 di Greg McLean
Die andere Heimat di Edgar Reitz
The Canyons di Paul Schrader
Che strano chiamarsi Federico! di Ettore Scola
Walesa, Man of Hope di Andrzej Wajda e Ewa Brodzka
Une promesse di Patrice Leconte

Fuori Concorso – Documentari
Summer ’82 when Zappa came to Sicily di Salvo Cuccia
Pine Ridge di Anna Eborn
The Armstrong Lie di Alex Gibney
Redemption di Miguel Gomes
Ukraine is not a Brothel di Kitty Green
Con il fiato sospeso di Costanza Quatriglio
Amazonia di Thierry Ragobert (Film di chiusura)
La voce di Berlinguer di Mario Sesti e Teho Teardo
Til Madness Do Us Part di Wang Bing
At Berkeley di Frederick Wiseman
 

ORIZZONTI

 
Je m’appelle Hmmm… di Agnès B.
Little Brother di Serik Aprimov
Il terzo tempo di Enrico Maria Artale
Eastern Boys di Robin Campillo
Palo Alto di Gia Coppola
Ruin di Amiel Courtin-Wilson e Michael Cody
Fish & Cat di Shahram Mokri
We are the best! di Lukas Moodysson
Wolfskinder di Rick Ostermann
La vida después di David Pablos
Algunas Chicas di Santiago Palavecino
Medeas di Andrea Pallaoro
Still Life di Uberto Pasolini
Piccola patria di Alessandro Rossetto
La prima neve di Andrea Segre
Why Don’t You Play in Hell? di Sion Sono
The Sacrament di Ti West

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top