LOGO

The Gangster: giovani e mafia nella thailandia anni 50

The Gangster: giovani e mafia nella thailandia anni 50

The Gangster – FAR EAST FESTIVAL 2013
Regia: Kongkiat KHOMSIRI
(Tailandia, 2012) – Durata: 115′

VOTO: 4

Terzo lungometraggio del regista Kongkiat Khomsiri, il film è un remake dell’opera di Nonzee Nimiburt, Dang Bireley’s and the Young Gangster, del 1997.
Con diverse modalità di narrazione e montaggio, la narrazione gioca tra stile documentaristico e fiction, grazie anche a interviste autentiche a giovani degli anni cinquanta che si alternano all’azione drammatica, le canzoni di Elvis Presley e altri artisti del rock’n’roll che risuonano per tutto il film, le immagini stilizzate a colori e in bianco e nero; tutti elementi che fanno di questo nuovo film di Kongkiat, evidente prosecuzione del filone di sangue e violenza cominciato con Slice, un vero e proprio capolavoro nel genere.
Diversamente dalla versione di Nonzee, The gangster si concentra sulla vita di Jod, famoso tra i giovani malavitosi locali degli anni Cinquanta come ‘vero duro’, pur gerarchicamente subordinato a Dang.
La solidarietà maschile, i modi della cavalleria thailandese, valori come la gratitudine, il rispetto e l’amicizia, dipingono Jod come un gentiluomo che si ritrova in un mondo sbagliato; e forse è per questo che segue Dang senza mai metterlo in ombra. C’è solo un motivo che può indurlo a sfidare il capo e a derogare dall’obbedienza solita, l’ordine di uccidere i propri amici, la sua vera famiglia.
Si evidenzia così come Jod e The Gangster mostrino al mondo i diversi valori che animano i banditi, scavando alle radici della cultura thailandese.
Una ‘piccola’ perla all’interno della selezione dei film presentati al Far East Film Festival di quest’anno, un lungometraggio sicuramente da non perdere.

Antonella Ravaglia

About the author
Silvia Marinucci

Leave your comment


         




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top